Curiosità, Sezione Viaggi

Peak District, il luogo ideale per i lettori (squattrinati)

Buona sera cari lettori del blog!

Oggi voglio raccontarvi del mio terzo viaggio in solitaria, intrapreso a ottobre di quest’anno nel Peak District, in Inghilterra e di alcuni dei luoghi, legati ai libri, che mi sono rimasti impressi. Fin da subito mi sono infatti accorta quanto sia facile trovare ovunque libri usati a pochissime sterline o meno. I negozi dell’usato sono molto numerosi, così come quelli di beneficienza, nei quali trovate offerte davvero vantaggiose. Se ve la cavate con l’inglese vi consiglio di approfittarne! Io mi sono portata a casa alcuni libri, tra cui “Anne of Green Gables” e un libro di Agatha Christie, spendendo la modica cifra di 50 centesimi l’uno.

L’Inghilterra non è tra i paesi con il numero più elevato di lettori (meglio dell’Italia comunque), ma anche il più piccolo paese ha una libreria (o almeno quelli che ho visitato io!).

A Bakewell, una deliziosa cittadina in pieno stile bristish, mi sono imbattuta in una libreria dell’usato, dove una gentilissima signora mi ha consigliato due letture adatte a chi vuole iniziare a leggere in inglese. Se vi capita di passare per Bakewell, si trova prima del ponte in pietra, sulla destra.

credit_Karen-Frankel-Bakewell.jpg

[Credit photo: Karen Frankel]

Nello stesso paesino ho trovato una libreria, questa volta di libri nuovi, con annessa una caffetteria nel quale è possibile leggere gustando una cioccolata e un dolce. Cosa che io ho ovviamente fatto! 😉

Bakewell viene anche menzionata in Orgoglio e Pregiudizio. Elizabeth si riferisce alla cittadina come il luogo in cui ha viaggiato per raggiungere Pemberley. Mi sono trovata a Bakewell mentre viaggiavo verso Chatsworth House, la magnifica residenza resa ancora più celebre dal film tratto dal libro di Jane Austen.

5a465a868aaf718ae6be8494a21abe0c7205c840.png

Ve ne ho parlato più approfonditamente qui.

A poca distanza di trova anche Haddon Hall, che purtroppo non ho potuto visitare, in quanto non era ben fornita dai mezzi di trasporto nel luogo dove pernottavo. Se ne avete la possiblità merita sicuramente una visita, se non altro per essere stata parte del set nel film Orgoglio e Pregiudizio, e nelle trasposizioni di Jane Eyre del 1966, 2006 e 2011.

Haddon_Hall.jpg

Durante il soggiorno in Inghilterra sono rimasta di base a Buxton, da cui mi sono spostata con i mezzi pubblici verso i dintorni. Buxton è una cittadina famosa per essere il secondo luogo termale più importante dopo Bath, sebbene il complesso termale principale sia al momento in fase di ristrutturazione.

Mentre ero in viaggio il caso vuole che la settimana del mio arrivo ci fosse proprio una fiera letteraria in paese, con tantissimi libri da scovare.

bookfari.jpg

Buxton non è particolarmente interessante dal punto di vista letterario, se non per aver ospitato la scrittrice Vera Brittain (autrice di Generazione Perduta – Testament of youth) durante i suoi anni scolastici. Come in quasi tutte le cittadine inglesi, anche qui non mancano le librerie. Nella parte alta della città potete trovare un negozio dell’usato, che offre centinaia di libri, anche uscite di pochi anni fa, al prezzo di 50 centesimi. Se non avessi avuto la valigia già stipata avrei sicuramente portato a casa la metà dei libri!

La vera “attrazione letteraria” è però una libreria, la High Peak Bookstore, a qualche miglio fuori dalla cittadina. Purtroppo, sempre per il problema dei mezzi poco frequenti, non ho potuto visitarla all’interno. Mi sono dovuta accontentare di osservarla di sfuggita dall’autobus! L’immenso spazio è dedicato ai libri dell’usato, scontati oltre la metà del prezzo originale e a una caffetteria annessa alla libreria.

bookstore-hero.JPG

L’ultimo luogo letterario che ho visitato è stato la biblioteca John Rhyland di Manchester, nella quale sono arrivata quasi per caso. Qui trovate il mio post dedicato.

download-11.jpeg

Il mio viaggio non si è concluso con questi luoghi, ma ho avuto la possibilità di immergermi nella natura del luogo e scovare posti ideali nei quali leggere. Vi lascio l’intinerario completo della mia settimana qui sotto. Segnerò con i luoghi ideali nei quali leggere nella natura con un asterisco.

Pernottamento a Buxton

  • Visita di Buxton: Poole’s Cavern e Buxton Country Park*
  • Chatsworth House: Residenza e Giardini*
  • Castleton: Paese, Castello e grotte
  • Bakewell: Cittadina e librerie
  • Longshaw Estate *
  • Goyt Valley *
  • John Rhyland Library Manchester

Costo pernottamento 7 notti + volo: 410€ circa.

Annunci
Curiosità

Jólabókaflóð: la tradizione islandese legata ai libri

Dalla mia pagina facebook

Jólabókaflóð è una tradizione islandese legata al mondo dei libri, nata durante la seconda guerra mondiale, periodo nel quale la carta in questo paese era molto economica.
Ogni anno durante il periodo natalizio gli abitanti del paese ricevono il Bokatidindi, un catalogo che contiene una lista con tutti i libri pubblicati durante l’anno in Islanda.
Da quella lista gli islandesi possono scegliere i regali da scambiarsi per le festività natalizie.
Non è un caso che il 97% degli islandesi legga almeno un libro all’anno!

46508220_566174207162239_8908652024703221760_n.jpg

Curiosità

SONDAGGIO

Buona sera cari lettori! Come sapete sono presissima dai preparativi natalizi in pasticceria, ma non appena tutte le festività saranno passate tornerò alla solita routine!

Oggi voglio porvi una domanda, ovvero:

Qual è il libro migliore che avete letto quest’anno (uscito nel 2018)?

Farò la stessa domanda su alcuni gruppi di lettori e decreteró il vincitore, scelto da voi, prossimamente sul blog. Quindi commentate numerosi!

Curiosità

Raccontaci il tuo Natale! || Un Contest di DeA Planeta Libri

Buona sera cari lettori! Come state? Io sono presissima dal lavoro in pasticceria, come potete immaginare sotto Natale e in più ho anche la sciatica, che peggiora sempre di più. Pertanto dovete scusare la mia partecipazione un po’ a singhiozzo e alcuni articoli un po’ affrettati, ma meglio di così purtroppo non riesco a fare in questo periodo!

Oggi voglio segnalarvi un contest organizzato dalla casa editrice DeA Planeta Libri, al quale potete partecipare su facebook. In palio potrete ricevere i primi tre libri che usciranno nel 2019. Un premio davvero niente male! Ecco come fare ⇓⇓

unnamed.png


Sulla pagina Facebook De Agostini – Libri per ragazzi

Scrivi nei commenti un breve racconto natalizio che abbia come protagonista te e un tuo amico (taggalo). Nella tua avventura devi inserire tutti gli elementi che vedi nell’immagine. I tre mini-racconti più originali, scelti a insindacabile giudizio della redazione, riceveranno i nostri primi tre libri in uscita nel 2019. Cosa aspetti a diventare un #ChristmasWriter!?
Clicca QUI per partecipare.


Sulla pagina Facebook DeA Planeta – narrativa

Fai realizzare al tuo piccolo lettore un disegno che raffiguri la sua visione del Natale; scatta una foto e postala nei commenti qua sotto entro il 25 dicembre.
I tre fortunati, scelti a insindacabile giudizio della redazione, riceveranno i nostri primi tre libri in uscita nel 2019
Clicca QUI per partecipare.


gifts-2998593_960_720.jpg

 

Curiosità

10 Canali YouTube da non perdere!

Buongiorno cari lettori! Tra post su libri, film e serie tv perché non parlare anche di YouTube? Ecco quindi alcuni dei miei canali preferiti. Ho pensato di dividerli in base alla categoria. Ovviamente non mancate di farmi sapere i vostri tra i commenti!

LIBRI

unnamed.jpgMatteo Fumagalli, di cui vi avevo già parlato in passato, è un booktuber che ha da poco superato le 70.000 visite. Tra rubriche varie, come quella dedicata alla posta dei lettori o le recensioni di libri trash, si occupa prevalentemente di libri e lettura, con video giornalieri girati dalla propria camera con la web cam.

La qualità dei video sembra rimasta ferma a diversi anni fa (ad esclusione della rubrica occasionale in HD), ma questo stile non è un deterrente, bensì è diventato il suo marchio di fabbrica.


PARODIE / COMEDY

Willwoosh è uno dei veterani di YouTube, che dal 2008 intrattiene gli utenti con video sempre freschi e divertenti.

 

 

 

Dopo una lunga pausa e ciò che sembrava un abbandono dalla piattaforma per dedicarsi ad altro, Guglielmo è da poco tornato con un nuovissimo stile. Proprio in questi giorni ci sta deliziando con dei Vlogmas giornalieri, dove mostra agli utenti il dietro le quinte della sua vita famigliare e amorosa, in attesa del Natale.


MAKE UP

220918072-cfd1afbf-90fa-464b-aca1-46fba9850059.jpgClio Makeup è una delle primissime “beauty guru” di YouTube Italia. Con simpatia e dolcezza ha costruito un bellissimo rapporto con le proprie follower, coinvolgendole tra gioie, dolori e makeup, nella sua vita. Dopo un decennio di lavoro ha finalmente lanciato la sua prima linea di trucchi.


GRUPPI

Creati da Buzzfeed, Try Guys e Lady Like sono rispettivamente gruppi di quattro uomini e cinque donne.

Try Guys da pochi mesi hanno lasciato Buzzfeed per dedicarsi al proprio canale, dove provano ogni volta una nuova esperienza.

THE-TRY-GUYS.jpg

LadyLike è invece un canale tutto al femminile che fa parte di Buzzfeed, nel quale cinque ragazze trattano argomenti diversi che variano dai viaggi al makeup.


BUSINESS

La prima volta in cui mi sono imbattuta in Marco Montemagno è stato su facebook, e ho pensato “Ma chi è questo?”. All’inizio l’ho ignorato, ma facebook continuava a propormelo e così ho voluto dargli una possibilità.

Ora lo seguo prevalentemente su youtube, dove parla di business e media. Da qualche mese ha dato vita a una rubrica “Quattro chiacchiere con…”, nella quale parla ogni volta con un personaggio noto diverso, che siano attori, youtuber, imprenditori, sportivi ecc…

marmont2-0053hi-res.jpg


VIAGGI

HumanSafari all’inizio non mi stava per niente simpatico. Non vi so dire la ragione, era una sensazione a pelle. Ma poi ho iniziato a guardare i suoi video, che si dividono tra il canale principale e il secondo, dove coinvolge gli utenti nei suoi viaggi, attraverso vlog in giro per il mondo.

 

 


SALUTE

Doctor Mike non è solo un bellissimo uomo, ma è anche un dottore molto carismatico e preparato. Oltre a video più frivoli come quelli in cui guarda serie televisive mediche (es. Grey’s Anatomy), parla di alimentazione, disturbi vari, rispondendo ai dubbi degli utenti riguardanti la salute.

CMH2unDWEAAYwxe.jpg large.jpg


ANIMAZIONE

Cartoni Morti, attraverso animazioni di personaggi fittizi e parodie di celebrità, da vita a scenette divertenti, spesso con riferimenti alla situazione politica attuale.

Da non perdere è il personaggio di Alessandro Borghese!

 


VARIE

Yes Theory è uno dei canali che seguo con più curiosità e ammirazione.

Seek Discomfort è il motto di tre ragazzi statunitensi, che ogni giorno sfidano se stessi ad uscire fuori dalla propria comfort zone, andando incontro alle proprie paure.

seen-on-badchix-will-smith-bungee-jumps-out-of-a-helicopter-thanks-to-yes-theory-01.jpg

Seoul Mafia è il canale di Marco, che vive e lavora in Corea del sud. Con video sempre divertenti e a tratti frivoli, è in grado di intrattenere lo spettatore con argomenti vari, che vanno dagli usi e costumi in Corea del sud, alla propria vita nell’industria dell’intrattenimento.

Curiosità

Perché “Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo” è una gran cazzata

Buona domenica cari lettori! Questa mattina ho scritto sul mio profilo personale di Facebook un pensiero, che ho pensato di condividere anche qui. L’ho scritto di getto stamattina, durante i preparativi in pasticceria, quindi mi scuso se non è perfetto!

La nostra vita potrebbe finire anche oggi.
Usciamo di casa, prendiamo la macchina e sbam. Una manovra sbagliata o la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato e siamo morti.
Andati, per sempre.
Oppure potrebbe coglierci un infarto. Niente addii ai nostri cari, niente testamento e ultime volontà. In un secondo tutto può finire.
L’attimo prima stai vivendo e quello dopo sei solo un ricordo.
Il che mi porta a pormi, o meglio porvi una riflessione.
“Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo.”
L’ho sentito dire spesso, tra film, tv e libri.
Facile sulla carta, ma poco pratico nella realtà.
Scadenze, responsabilità, bollette da pagare e una casa da mantenere.
Chi può permettersi di vivere ogni giorno al meglio? Chi può davvero godersi la vita mandando a fanculo le responsabilità?
Pochi, quasi nessuno a dire la verità.
Siamo incastrati dalla vita, quella vera.
Abbiamo sogni, idee per il futuro, e mentre viviamo nella speranza che qualcosa cambi, all’improvviso ci rendiamo conto che gli anni passano e noi siamo sempre allo stesso punto.
Un po’ più vecchi, un po’ più tristi e solo alle volte un po’ più saggi.
La verità è che il “vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo” è una grande cazzata.
Non si può fare. Non si può vivere la vita come se fosse un’eterna vacanza.
È sempre la solita storia delle scadenze, responsabilità ecc ecc…
Ma c’è un Ma.
Eh già, perché anche se la vita è una grandissima incognita questo non vuol dire che non possa essere grandiosa. Non sempre, ma almeno in parte o il più delle volte.
Possiamo scegliere di alzarci la mattina con il sorriso o arrabbiarci perché è lunedì.
Possiamo restare incastrati in un ambiente lavorativo che odiamo o impegnarci a cambiare le cose.
Possiamo lamentarci di non avere un soldo o impegnarci a guadagnarne di più.
Possiamo passare il tempo a dire di non avere tempo o sfruttare al meglio il poco che ci resta.
La vita non è facile ma l’unico che può cambiarla sei tu.
Solo tu, nessun altro.

Feliscia


[Immagine di rito… perché mi piaceva!]

Curiosità, La classifica dei 10

Regali di Natale || 6 libri da regalare ai bambini per avvicinarli alla lettura

Buongiorno cari lettori! Un nuovo appuntamento con la rubrica natalizia. Parliamo di nuovo di regali di Natale, questa volta con alcuni consigli per avvicinare i bambini alla lettura.

Donare un libro è un regalo più importante di quanto possa sembrare e non è facile trovare quello giusto, soprattutto se si tratta di bambini, che molto spesso preferiscono altri tipi di svaghi. Ecco quindi alcune idee per voi che potrebbero aiutarvi nella scelta!

Vi lascio anche un post del blog Unreliablehero, con otto preziosissimi consigli per scegliere i libri da regalare a Natale.

∼ Per avvicinare i bambini alla letteratura classica

Avvicinare troppo presto i bambini alla letteratura classica è un rischio, perché potrebbe allontanarli da essa. Perché non iniziare quindi con un classico del Natale?

611glr7y8qL._SX448_BO1,204,203,200_.jpg

Da bambina adoravo Geronimo Stilton e penso sarei stata felice di ricevere Canto di Natale. Una versione diversa dal solito, con protagonista un topo e tantissime illustrazioni.

Dickens non è l’unico classico adattato per la collana di Geronimo Stilton, ma trovate anche libri come Sherlock Holmes, Zanna Bianca, Il giro del mondo in ottanta giorni ecc…

Età di lettura: dai 7 anni.

Prezzo: 15,72€


∼ Per avvicinare i bambini alla storia

Da bambina non amavo molto la storia, probabilmente perché ritenevo la conoscenza più come un dovere che un piacere. La curiosità è arrivata poi con gli anni, dopo gli studi scolastici.

Questa materia è senz’altro un “cruccio” per molti bambini, ma si potrebbe provare a stimolare la loro curiosità con alcuni libri a tema. Una collana che ha catturato la mia attenzione è quella della Disney, con le avventure di Topolino e Paperino, ambientate in tempi storici diversi, dall’Antica Roma, all’ Antico Egitto, arrivando al Medioevo e al Rinascimento.

Età di lettura: dai 6-7 anni

Prezzo: 7,56€


∼ Per sensibilizzare i bambini sul bullismo

41NvayC82JL.jpg

Il bullismo è purtroppo un problema sempre attuale, che coinvolge bambini e ragazzi di diverse fasce d’età. Regalare un libro per sensibilizzare i bambini su questa tematica potrebbe essere un regalo utile e mirato.

Mi viene in mente Wonder, lettura adatta da bambini ad adolescenti.

Trovate la mia recensione qui.

Età di lettura: dai 9-10 anni

Prezzo: 11,90€


∼ Per stimolare l’immaginazione

61pqLu-HNWL._SX418_BO1,204,203,200_.jpg

Se siete alla ricerca di un libro che catturi l’attenzione del bambino e lo trasporti in un mondo magico, Harry Potter è la scelta giusta.

In modo particolare consiglio il primo volume della saga con le splendide illustrazioni di Jim Kay.

Prezzo 25,41€

Per tutte le età


∼ Per raccontare storie di grandi donne

51ogqIkpvTL._SX371_BO1,204,203,200_.jpgNegli ultimi anni mi sono avvicinata molto al femminismo e penso che una scelta regalo perfetta per bambine, ma anche bambini, sarebbe Storie della buonanotte per bambine ribelli.

Negli ultimi anni mi sono avvicinata molto al femminismo e penso che una scelta regalo perfetta per bambine, ma anche bambini, sarebbe Storie della buonanotte per bambine ribelli.
100 esempi di forza e coraggio al femminile, per tutte le donne, grandi e piccole, che puntano sempre in alto. 100 donne straordinarie che hanno cambiato il mondo, 100 favole per sognare in grande!

Prezzo 16,16€

Età di lettura: dai 5-8 anni


∼ Per stimolare la curiosità

I bambini si sa, sono curiosi per natura. Perché non aiutare questo loro lato caratteriale con un libro sulle invenzioni?
Che idea! Le invenzioni che hanno cambiato il mondo.

61TRKv1TO2L._SX387_BO1,204,203,200_.jpg

Scopriamo le circostanze che hanno portato 18 inventori della Storia ad avere proprio quell’Idea. Cosa stavano facendo, cosa stavano pensando, cosa stavano dicendo in quel fatidico momento quando nel loro cervello scoccò la scintilla che avrebbe cambiato tutto? Spaziando lungo un percorso di più di duemila anni vediamo, tra le altre cose, come sono stati ideati il primo computer, il telefono, la radio, ma anche il treno, la bicicletta, l’automobile e molto altro.

Età di lettura: da 7 anni.

Prezzo 12,66€


Aspetto i vostri consigli nei commenti!

Se non volete perdere gli altri articoli a tema inverno/Natale li trovate qui.

Curiosità, La classifica dei 10

I 10 libri più venduti del 2018

Buongiorno cari lettori del blog! So che il 2018 non è ancora finito, ma ho pensato di tirare le somme dei libri più letti dagli italiani in questo anno. Ho preso la classifica dal sito di IBS, pertanto la classifica dei più venduti è riferita al loro sito, che è comunque uno dei più importanti in Italia.

Io di questi ne ho letti solo due, ovvero L’Arminuta e L’amica geniale. E voi quanti ne avete letti?

1. Il metodo Catalanotti

41bd5rljIuL._SX346_BO1,204,203,200_.jpgAutore: Andrea Camilleri

Link

 

 


2. La ragazza con la leica

51HejGKr+iL._SX321_BO1,204,203,200_.jpg

Autore: Helena Janeczek

Link

Così era finita Gerda Taro, per non aver voluto abbandonare il fronte quando non c’era più nessuna speranza, ed era rimasta ferita a morte come tanti altri, in una strada polverosa; lasciò nelle sue foto testimonianza dell’enorme delitto che era stata la guerra. Aveva dedicato la sua splendida vita a un degno compito, a una giusta causa persa.”


3. Fate il vostro gioco

41J0QWwAuiL._SX345_BO1,204,203,200_Autore: Antonio Manzini

Link

«Non ci abbiamo capito niente, Deruta. Forza, al lavoro». Due coltellate hanno spento la vita di Romano Favre, un pensionato del casinò di Saint-Vincent, dove lavorava da «ispettore di gioco». Il cadavere è stato ritrovato nella sua abitazione dai pochi vicini di casa dell’elegante palazzina, e serra in mano una fiche, però di un altro casinò. Rocco Schiavone capisce subito che si tratta «di un morto che parla» e cerca di decifrare il suo messaggio…


4. L’uomo del labirinto

indexAutore: Donato Carrisi

Link

 

 


5. L’amica geniale

index.jpgAutore: Elena Ferrante

Link

L’autrice scava intanto nella natura complessa dell’amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l’Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame.


6. Storie della buonanotte per bambine ribelli

51ogqIkpvTL._SX371_BO1,204,203,200_.jpgAutrici: Francesca Cavallo, Elena Favilli

Link

 

 


7. Eleanor Oliphant sta benissimo

51uvk9rjJ2L._SX329_BO1,204,203,200_.jpgAutore: Gail Honeyman

Link

“Una protagonista vicina a ciascuno di noi, perché incarna tutto quello che non abbiamo il coraggio di fare o dire. Una storia di resilienza, di forza, di dolore e di speranza. ”


8. Resto qui

516P5-WD-LL._SX313_BO1,204,203,200_.jpgAutore: Marco Balzano

Link

L’acqua ha sommerso ogni cosa: solo la punta del campanile emerge dal lago. Sul fondale si trovano i resti del paese di Curon. Siamo in Sudtirolo, terra di confini e di lacerazioni: un posto in cui nemmeno la lingua materna è qualcosa che ti appartiene fino in fondo. Quando Mussolini mette al bando il tedesco e perfino i nomi sulle lapidi vengono cambiati, allora, per non perdere la propria identità, non resta che provare a raccontare. Trina è una giovane madre che alla ferita della collettività somma la propria: invoca di continuo il nome della figlia, scomparsa senza lasciare traccia…


9. L’Arminuta

41M1PzB2enL._SX316_BO1,204,203,200_.jpgAutore: Donatella Di Pietrantonio

Link

Recensione

 


10. Origin

61hhXj93MUL._SX323_BO1,204,203,200_.jpgAutore: Dan Brown

Link


Il resto della TOP 100 la trovate qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Curiosità

Aspettando il Natale: le mie canzoni natalizie preferite

Buona serata cari lettori del blog! Oggi non ho tantissimo tempo per scrivere un post, perciò ho pensato di condividere con voi qualche titolo musicale. Entriamo nell’atmosfera natalizia con alcune delle canzoni che preferisco in questo periodo. Ovviamente non mancate di farmi sapere le vostre preferenze nei commenti!

Michael Bublé || It’s Beginning To Look A Lot Like Christmas


Frank Sinatra || Have Yourself A Merry Little Christmas


Dean Martin – Let it Snow! Let It Snow! Let It Snow!


BRENDA LEE || Rockin’ Around the Christmas Tree


Jackson 5 || Someday At Christmas


Coldplay || Christmas Lights


Christmas In the Room || Sufjan Stevens


John Lennon || Happy Xmas (War Is Over)


Per altri post a tema natalizio:

Curiosità

Quando i fan non riescono a distinguere gli attori dai personaggi

Buongiorno cari lettori! Dovete scusarmi per l’assenza tra la community e sui social negli ultimi giorni, ma il lavoro in pasticceria mi sta prendendo tantissimo.

Qualche giorno fa mi sono imbattuta in un post su facebook che sottolineava l’importanza della distinzione tra l’attrice Imelda Staunton e il famigerato personaggio da lei interpretato, Dolores Umbridge nella saga Harry Potter. Tra i commenti, una ragazza ha chiesto se fosse davvero necessario puntualizzare una simile ovvietà. Non ho letto la risposta dell’autore del post, ma quell’immagine mi ha fatta riflettere.

Possibile che nel 2018 alcune persone non riescano ancora a comprendere la differenza tra attori e personaggi?

Sorprendentemente la risposta è sì. E non si tratta di persone come mia zia, che alla veneranda età di novantasei anni crede che Un posto al sole e varie soap opera/fiction che segue siano reali. Spesso si tratta di millenials o persone di mezza età che si lasciano condizionare dall’odio che provano per un determinato personaggio di film o serie tv.

Un caso eclatante è stato quello della talentuosa Lena Headey, che attualmente presta il volto a Cersei Lannister in Game of Thrones, ignorata e persino insultata in una convention fantasy. È facile lasciarsi trasportare dall’odio per il personaggio di Cersei nella serie tv, ma è doveroso scindere il ruolo dall’attrice.

Un’altra serie che ha generato odio da parte dei fan nei confronti degli attori è stata Gilmore Girls, con l’eterno dilemma #teamJess, #teamDean o #teamLogan. Matt Czuchry ha dichiarato al Late Show di Stephen Colbert di essere stato chiamato in più occasioni str*nzo, a causa delle azioni del suo personaggio (Logan) nello show. Anche Milo Ventimiglia (Jess) ha raccontato un episodio simile risalente a quando era adolescente.

Lord Grantham di Downton Abbey ha invece ricevuto email e minacce quando (spoiler!!!) la figlia dell’uomo nella serie tv è deceduta in seguito alla preferenza del personaggio per un consiglio medico rispetto ad un altro. A quanto pare alcuni fan lo incolpavano della morte della fittizia Lady Sibyl!

L’ossessività nei confronti delle celebrità e il non riuscire a distinguere la finzione dalla realtà sono vere e proprie patologie mentali, e come tali possono degenerare in questo tipo di episodi.

Non sono ovviamente un medico o uno psicologo, ma sarebbe senz’altro interessante scoprire il punto di vista di un professionista in merito alla questione. Perciò se lavorate nel settore non esitate a lasciare un commento qui sotto!