Curiosità, serie tv

Crazy Ex-Girlfriend || Recensione della terza stagione

Buongiorno a tutti i lettori del blog! Come state? Oggi voglio parlarvi di una serie tv che non è molto popolare in Italia (nonostante abbia persino vinto un Golden Globe), ma che potete trovare su Netflix. Si tratta di Crazy Ex-Girlfriend, una sorta di commedia musicale, con canzoni e balli all’apparenza improponibili, ma esilaranti. Netflix ha da poco inserito nel catalogo la terza stagione, che ho visto e che voglio recensire per voi. Il post conterrà spoiler, pertanto se non volete rovinarvi la visione vi consiglio di non leggere l’intero articolo.

Nella prima parte di stagione troviamo una Rebecca completamente fuori di sé dopo essere stata abbandonata sull’altare da Josh. Questo è forse il punto di disperazione più basso mai raggiunto dal suo personaggio, disperazione che la spinge a tentare il suicidio.

Dopo aver ingerito un flacone di pillole, in un momento di lucidità Rebecca chiede aiuto e finisce in ospedale. Da quel momento inizia per lei un periodo di recupero, durante il quale le arriva finalmente una diagnosi: disturbo borderline della personalità.

Con l’aiuto del Dr. Shin Rebecca riesce a vedere finalmente la realtà. Ha lasciato il suo lavoro a New York per seguire Josh a West Covina, pensando di inseguire l’amore e la felicità, ma non si è mai trattato davvero di Josh. Per la prima volta Rebecca vuole stare davvero bene, ma il suo avvicinamento a Nathaniel rischia di farle commettere gli stessi errori del passato.

Nonostante lei stessa assicuri il Dr. Shin che con Nathaniel è diverso, si rende presto conto che non è davvero così. Eppure non riesce a interrompere il rapporto con il suo capo, e i due continuano a vedersi in segreto per lungo tempo.

best_serial_cover_full_crazy-ex-girlfriend_stagione_3_3_1509447187.jpg

Vedere la compagna di Nathaniel sveglia in Rebecca la consapevolezza che la relazione tra lei e l’uomo è sbagliata, e Rebecca gli dice definitivamente addio. A complicare ulteriormente le cose arriva Trent, l’ex fidanzato di Rebecca, che la ricatta per aver tentato – in un momento di disperazione – a ordinare l’omicidio – poi annullato – della ragazza di Nathaniel. Rebecca, con una bugia, coinvolge Paula nella missione di spiare Trent. Ma il peso di aver mentito la spinge presto a confessare la verità e le due litigano. Paula si rende conto che nonostante la promessa di essere sempre sincere tra di loro, Rebecca non cambierà mai.

Mentre è in corso un party per festeggiare la convivenza tra Nathaniel e la sua ragazza, Rebecca riceve un messaggio da parte di Trent, deciso a uccidere Nathaniel. La ragazza di precipita al party (al quale non è stata invitata), con l’intenzione di avvisare l’uomo che ama. Sorprende Trent con un coltello, pronto ad assassinarlo, ma prima che possa ferirlo Rebecca lo spinge giù dal balcone.

Trent si salva dalla caduta, ma riporta numerose ferite e Rebecca viene accusata di tentato omicidio di secondo grado. Come può salvarsi da un accusa del genere senza nessun testimone e senza alcuna credibilità?

L’unico a credere nella sua innocenza è Nathaniel, che le suggerisce di dichiarsarsi incapace di intendere e volere, non prima di averle dichiarato il proprio amore. La stagione si conclude con Rebecca che inizialmente accetta, ma nel momento di testimoniare di rende conto che deve assumersi le proprie responsabilità e si dichiara colpevole.

rs_1024x759-180209084932-1024.2-crazy-ex-gf-finale.ch.020918.jpg

Tre stagioni di decisioni folli e pazzie compiute dalla nostra protagonista, assistiamo all’evoluzione del personaggio, che rinuncia a un possibile futuro con Nathaniel per fare finalmente i conti con se stessa.

“Maybe I have borderline [personality disorder], but I’m not insane. I’m responsible for everything that happened. All of it.”

[Posso anche avere un disturbo borderline della personalità, ma non sono pazza. Sono responsabile per tutto ciò che è successo. Tutto quanto.]

Crazy Ex-Girlfriend è quel tipo di serie tv che riesce a portare lo spettatore nella mente di una persona affetta da una malattia mentale. E lo fa senza mai risultare scontato o forzato. È quel tipo di show che non ha paura di osare, non ha paura di mettersi in gioco rischiando di cadere nel trash ma senza mai davvero farlo.

Parallelamente alla storyline di Rebecca abbiamo diverse sottotrame, come la storia tra Darryl e White Josh, a mio parere una piccola perla dello show. In questa stagione la loro relazione entra in crisi quando Darryl capisce di volere un altro figlio. White Josh si rende conto però di non essere ancora pronto a un impegno del genere e i due si lasciano. Darryl decide comunque di proseguire con il suo desiderio di paternità e alla fine della stagione avrà un figlio dalla madre surrogata Heather e da un ovulo donatogli da Rebecca.

Voglio sbilanciarmi affermando che questa stagione è la miglore fin’ora, tocca temi importanti senza mancare di intrattenere. Ha anche raggiunto un traguardo importante con la 100esima canzone.

Fatemi sapere se vi è piaciuta questa stagione! Vi aspetto nei commenti!

 

Annunci
Curiosità, serie tv

3 serie tv italiane da recuperare a Ottobre

Buongiorno a tutti!

Oggi voglio parlarvi di alcune serie televisive italiane che questo ottobre potranno tenervi compagnia durante le fredde serate autunnali. Devo ammettere di essere una di quelle persone che ha spesso “snobbato” i prodotti italiani, ma ci sono comunque alcune serie tv che meritano di essere viste. Ne ho selezionate tre che partiranno o sono già partite proprio in questo mese. Scopriamo insieme di che cosa si tratta!

∼ Skam Italia

Di questa web serie vi ho parlato nello specifico qualche giorno fa, perciò vi rimando direttamente all’articolo in questione (se volete approfondire).

In breve si tratta di una serie trasmessa online ogni giorno, attraverso brevi clip, della durata di qualche minuto, e integrata da post instagram o screenshot di chat whattsapp. È un remake della serie norvegese della durata di quattro stagioni e incentrata sulle vite di un gruppo di studenti adolescenti. Durante le varie stagioni vengono affrontate tematiche come droga, abusi sessuali, sessualità, religione, razzismo ecc…

Le clip vengono trasmesse su: http://skamitalia.timvision.it/

∼ L’Allieva

A fine mese uscirà finalmente la tanto attesa seconda stagione de L’Allieva, la serie tv in onda su Rai Uno tratta dai libri di Alessia Gazzola. Trovate la mia recensione del primo romanzo qui.

La serie vede protagonista Alice Allevi, una studentessa di Medicina Legale un po’ goffa e pasticciona, che si deve destreggiare tra il suo irritante collega Claudio Conforti e l’affascinante Arthur, figlio del suo capo.

L’Allieva è stato acquistato anche da diversi paesi esteri, come Germania, Giappone e Turchia e vede nel cast Alessandra Mastronardi e Lino Guanciale.

∼ I Medici

La terza serie che vi propongo è I Medici, giunta al momento alla seconda stagione, che verrà trasmessa a partire dal 28 ottobre su Rai Uno. Si tratta di una produzione in collaborazione con gli Stati Uniti e dal cast internazionale (Sean Bean, Daniel Sharman e Bradley James).

La seconda stagione avrà un salto temporale di vent’anni rispetto alla prima, per concentrarsi sulla vita di Lorenzo Il Magnifico, interpretato da Daniel Sharman.


E voi seguite qualcuna di queste serie o ne avete altre da consigliarmi? Vi aspetto nei commenti!

serie tv

Perché guardare Skam Italia 2: il remake della celebre serie norvegese

Il momento è finalmente arrivato e le tanto attese prime clip di Skam Italia 2 sono arrivate sul web. Non è solo l’Italia ad essere l’unico paese in fermento per la seconda stagione, anzi, diverse traduzioni sottotitolate della serie approdano online poche ore dopo essere state trasmesse, dando vita a una vera e propria ricerca folle allo streaming. Skam è un fenomeno internazionale, generato dopo l’enorme successo della serie originale norvegese. Diversi paesi ne hanno acquistato i diritti, dando vita a numerosi remake. (Skam Austin, Skam Germany, Skam Dutch, Skam France ecc…)

Skam è nato qualche anno fa come web serie in Norvegia, composta da quattro stagioni e incentrata ognuna su un personaggio differente. La serie ha come protagonisti dei ragazzi adolescenti e tratta tematiche che spaziano da bullismo e droga, a sessualità e femminismo ecc… L’originalità di Skam non è data solo dal modo in cui vengono trattati i suddetti temi, ma anche dalla particolarità e frequenza con cui vengono trasmesse le puntate.

skam-italia-seconda-stagione-trailer_jpg_750x400_crop_q85.jpg

Nel caso di Skam Italia, infatti, quasi ogni giorno escono delle clip della durata di pochi minuti su http://skamitalia.timvision.it/. Le clip sono degli estratti della serie, che potete vedere online per un periodo limitato. Se avete invece la pazienza di aspettare, potete guardare dopo una settimana l’intera puntata, formata dalle clip già trasmesse online, su Tim Vision.

La serie è inoltre integrata da fotogrammi di conversazioni whattsapp tra i personaggi e foto instagram dei loro profili (she è anche possibile seguire per davvero). L’idea è di coinvolgere lo spettatore nelle vite dei protagonisti.

Skam-Italia-2.jpg

∼ Quando escono le clip?

Purtroppo non sappiamo di preciso quando usciranno le varie clip, perché vengono messe online nel momento stesso in cui si svolge la scena. Se il protagonista si trova, ad esempio, a scuola, la clip uscirà durante l’orario scolastico di un giorno settimanale e se invece si troverà a una festa, la clip uscirà in tarda serata o di notte. Per essere sicuri di non perdere neanche un frammento potete richiedere di essere aggiornati tramite Whattsapp (qui).

∼ La trama

Nel caso di Skam Italia la prima stagione vedeva come protagonista Eva, una sedicenne romana che approda in una nuova scuola, dove non conosce nessuno. Su insistenza del suo ragazzo Giovanni prova a stringere amicizia con alcune ragazze della scuola, nelle quali trova delle amiche e confidenti fidate.

Questa stagione è molto simile al remake norvegese, sebbene alcuni dettagli siano stati adattati al pubblico italiano, tant’é che persino la protagonista di Skam Norvegia si chiama Eva.

skam_italia_martino_niccolo_5DBgpoQ_jpg_1003x0_crop_q85.jpg

La seconda stagione si focalizzerà invece sulla trama che nell’originale troviamo nella terza stagione. Personalmente sono molto entusiasta di questa scelta, anche perché la terza è in assoluto la mia preferita. Così come accaduto a me, molti spettatori hanno amato la coppia Isak ed Even (Evak) che nella serie italiana sono diventati Martino e Niccolò.

Ci saranno diversi dettagli che distingueranno Skam Italia dall’originale, ma già dal trailer è possibile osservare alcuni frammenti che ricorderanno quest’ultima (l’iconica scena del bacio sott’acqua per citarne uno).

In un paese che è ancora molto all’antica sul tema dell’omosessualità, Skam è una ventata di aria fresca, soprattutto per i giovanissimi che si trovano ad affrontare la propria sessualità per la prima volta.

∼ Perché guardarlo?

Se il format inusuale non vi ha ancora convinto, posso assicurarvi che si tratta di uno di quei prodotti italiani che vale la pena guardare. Il livello recitativo del cast è abbastanza buono, ma a colpire più di tutto è l’autenticità con cui Skam si rivolge ai giovani.

Nonostante io sia ormai fuori target, trovo che Skam sia una serie che non tenta di imitare le generazioni più giovani, ma si mette al loro livello, dipingendo la realtà così com’è vissuta da loro.


Spero di avervi incuriosita almeno un po’. Continuate a seguirmi per altri post dedicati a Skam che usciranno nelle prossime settimane.

Se anche voi siete fan della serie o avete voglia di seguirla lasciatemi un commento qui sotto!

 

 

 

skam_italia_martino_niccolo_5DBgpoQ_jpg_1003x0_crop_q85.jpg

serie tv

Jane the Virgin 5: cosa aspettarsi dopo il finale shock della quarta stagione?

Buona domenica cari lettori del blog! Oggi voglio parlarvi della quarta stagione di Jane the Virgin, uscita finalmente anche in Italia, su Netflix.

Ovviamente non continuate la lettura se non l’avete vista perché contiene spoiler. Siete stati avvisati! Prima di parlare del finale inaspettato della quarta stagione dobbiamo però fare un veloce riassunto.

La terza stagione si è conclusa con un salto temporale di tre anni. Nel mid season finale abbiamo lasciato una Jane devastata dalla morte di Michael, scomparso a causa di complicazioni alla ferita al cuore, causata da Sin Rostro. Per tre stagioni abbiamo assistito a un continuo tira e molla tra Michael e Jane, anche in seguito ai sentimenti confusi di quest’ultima per Rafael, padre di suo figlio. Alla fine Jane si è resa conto di essere sempre stata innamorata del suo primo amore Michael e finalmente i due sono convolati a nozze.

Premetto di essere sempre stata Team Michael, perché nonostante gli errori commessi da parte sua nelle prime stagioni (le bugie e la reazione iniziale a Mateo per dirne qualcuno) credo davvero che sia sempre stato l’uomo giusto per Jane. E ne abbiamo avuta una conferma nella terza stagione con la coronazione del loro amore.

Ma non sarebbe Jane the Virgin senza un colpo di scena degno di una soap opera e così l’idillio del loro amore è durato una manciata di minuti, perché Michael Cordero è uscito dalla serie poco dopo.

Nonostante tre anni di salto temporale, Jane non si è ancora ripresa dallo shock causato dalla morte del marito, ma riesce a trovare un conforto nella scrittura. Nel bel mezzo di nuovi drammi famigliari e altri colpi di scena, Jane inizia lentamente a fare di nuovo spazio all’amore, prima frequentando un divo delle soap opera Fabian, e poi una sua ex fiamma, Adam. La ragazza però non può fare a meno di tornare sempre tra le braccia del padre di suo figlio, Rafael, per il quale si accorge di provare un sentimento che va oltre l’amicizia che li lega. E anche se inizialmente Rafael ha occhi solo per Petra, in seguito scopre di ricambiare i sentimenti di Jane.

Jane e Rafael provano finalmente ad avere una relazione matura, lasciando da parte tutti i drammi passati, ma concentrandosi sulla loro felicità e quella del figlio Mateo. Per la prima volta abbiamo di fronte due personaggi cresciuti, che vogliono davvero far funzionare le cose tra di loro.

A questo punto sapevo che sarebbe arrivato il fatidico colpo di scena a rovinare un futuro che sembrava ormai già segnato. Ma mai mi sarei immaginata…

Michael è vivo.

Ho odiato la scelta di uccidere il suo personaggio, non riuscivo a capacitarmi che Michael Cordero fosse davvero morto. Ho sperato a lungo in un ritorno, dopotutto si tratta pur sempre di Jane the Virgin e niente è mai come sembra!

Come sapete la serie non è estranea a morti apparenti e ritorni improvvisi, eppure ormai avevo messo una pietra sopra a questa possibilità. Ma ancora una volta questa serie è riuscita a fare ciò che riesce meglio: sorprendere lo spettatore oltre ogni limite. E mi sono sentita proprio come le Villanueva quando assistono a uno dei colpi di scena delle loro soap opera preferite.

Ovviamente la stagione si è conclusa con l’apparizione di Michael e tantissime domande che resteranno sospese fino all’inizio della quinta e ultima stagione.

Che cosa è successo a Michael in tutto questo tempo?

Le ipotesi, ovviamente, si sprecano. C’è chi parla di un amnesia, chi di un fratello malvagio o chi ancora di un rapimento di Michael da parte di Sin Rostro.

L’unica cosa certa è che Rose (Sin Rostro) è coinvolta in qualche modo nel ritorno di Michael. È stata lei infatti ad avvisare Rafael che il ragazzo era ancora vivo.

Michael sarà un personaggio principale nella quinta stagione, perciò sappiamo per certo che è ufficialmente tornato. Personalmente non voglio pensare che l’allontanamento da Jane sia stato una sua scelta, e propendo quindi per l’ipotesi del rapimento.

Ma si sa, parliamo pur sempre di Jane the Virgin… Gli autori sapranno stupirci con qualche ragione coerente sulla sua scomparsa o il ritorno di Michael sembrerà solo un tentativo per alzare gli ascolti?

Io spero solo che nonostante la scelta di far tornare Michael, alla fine Jane non scelga comunque Rafael. Devo dire che da una parte un po’ mi dispiace per lui, perché in questi anni è davvero cresciuto come persona. Ha lasciato da parte le dipendenze, ha saputo essere un padre presente per Mateo e un buon amico per Jane. Insomma, ce l’ha proprio messa tutta.

Ma Michael era l’uomo che Jane ha scelto al posto di Rafael. Spero che il suo ritorno non rovini l’immagine che ci è rimasta di Michael fino alla sua morte.

Quindi agli scrittori della serie voglio dire: per favore non toccatemi Michael!

serie tv

8+ serie tv che seguivo durante l’infanzia [PARTE 1]

Ciao a tutti i lettori del blog! Oggi voglio parlarvi di alcuni serie tv che seguivo da bambina, ma dividerò il post anche in una seconda parte, con quelle che seguivo in adolescenza. (E che uscirà nei possimi giorni)

∼ Lizzie Mc Guire

Quando ero bambina ho avuto una fase “Hilary Duff” durata per almeno un paio di anni, durante i quali ho speso ogni mia paghetta nei DVD della protagonista di Lizzie Mc Guire. La serie è durata purtroppo per due sole stagioni, ma si è conclusa con un film girato proprio in Italia, a Roma.

Lizzie Mc Guire si focalizzava sulla vita di una studentessa delle medie, dei suoi due migliori amici e della sua famiglia, affrontando i problemi tipici di una teenager.

Ricordo di aver persino acquistato in edicola alcuni libri che riprendevano gli episodi della serie televisiva!

∼ Sabrina

Un’altra serie tv che ho seguito fin dalla prima in Italia è stata Sabrina: vita da strega, che si è conclusa nel 2003 con la settima stagione.

le-spellman-di-sabrina-vita-da-strega.jpg

La trama: Sabrina, interpretata da Melissa Joan Hart, è una ragazza adolescente che vive con le sue due zie e il gatto Salem. Al compimento del sedicesimo anno di età scopre di essere metà strega e metà mortale. Inizia quindi a imparare a padroneggiare la magia, senza però evitare di combinare diversi pasticci.

∼ La signora del west

Quando ero bambina non c’era di certo la scelta di oggi e i canali televisivi si contavano sulle dita di una mano. Spesso poi, vivendo in montagna, le trasmissioni mediaset erano criptate e la scelta ricadeva irrimediabilmente sulla RAI.

FormatFactoryla-donna-del-west.jpg

Una delle mie serie preferite della tv nazionale era La signora del west (Dr. Quinn, Medicine Woman) che esplorava la vita del medico Michaela Quinn, giunta in un piccolo paese di frontiera per svolgere la propria professione e costretta ad affrontare i pregiudizi degli abitanti sull’essere una donna medico.

∼ Settimo Cielo

Oggi me ne vergogno un po’, ma ai tempi una delle serie alle quali ero più affezionata era Settimo Cielo, durata per ben 11 stagioni.

settimo-cielo-attori-ieri-oggi-maxw-654.jpg

Settimo Cielo seguiva le vite della famiglia Camden, capitanata dal reverendo Eric e la moglie Annie, genitori di sette figli. Con una visione molto puritana e conservatrice trattava argomenti che spaziavano dalle droghe al bullismo.

Siamo sinceri, erano gli anni novanta e oggi un prodotto del genere non durerebbe neppure un giorno!

∼ Malcolm in the middle

Prima di Modern Family e The Middle c’era Malcolm, che ha fatto conoscere Bryan Cranston al grande pubblico. Sono passati dodici anni dalla fine della serie, ma viene ancora ricordata con affetto dai fan e persino dallo stesso Cranston.

5054874-5394149718-malco-maxw-654.jpg

Malcolm aveva per protagonista il figlio di mezzo di una stravagante famiglia, formata da altri tre fratelli, l’autoritaria madre Lois e il marito di quest’ultima Hal.

∼ Friends

Friends è la mia serie tv preferita in assoluto e ve ne ho già parlato in più occasioni. La seguo fin dall’infanzia e non mi stanco mai di rivederla. Le ho anche dedicato un post con i miei momenti preferiti dalle 10 stagioni (Che trovate qui)

∼ Streghe

Anche di Streghe (Charmed) vi ho già parlato, ma non potevo non citarla di nuovo. Dopotutto le sorelle Halliwell sono state una parte fondamentale della mia infanzia!

∼ Xena

Se siete nati nei primi anni Novanta ricorderete senz’altro Xena – Principessa guerriera, trasmessa su Italia 1 fino al 2002. La protagonista Lucy Lawless ha prestato il volto a Xena per sette stagioni attraverso un’ambientazione nell’antica Grecia, in compagnia della sua alleata più fidata Olimpia.

x.002.jpeg

Non posso non accennare anche Willy, il principe di Bell-Air; Baywatch; La Tata; Walker Texas Ranger; Zorro; Young Hercules; Un medico in famiglia e tante altre!

E voi quali serie tv seguivate da bambini? Vi aspetto nei commenti!

Se vi è piaciuto questo articolo potete visitare anche le seguenti pagine:

 

 

serie tv

Alcuni dei momenti migliori in Friends

Buongiorno a tutti i lettori! Oggi voglio ripercorrere un viaggio nei ricordi di una delle mie serie tv preferite: Friends, con alcuni dei momenti migliori. Non dimenticate di farmi sapere nei commenti quali sono stati i vostri momenti preferiti!

Per una migliore fruibilità dell’articolo, il post sarà diviso in più pagine che potete far scorrere in fondo.

∼ Phoebe insegna a Joey il francese

∼ Monica chiede a Chandler di sposarlo

∼ Rachel dice a Ross di essere incinta

∼ Il matrimonio di Phoebe

Curiosità, serie tv

7 Serie tv ormai concluse che mi sono rimaste nel cuore

Ciao a tutti i lettori del blog! Qualche giorno fa vi ho parlato di quelle serie tv che secondo me sono state interrotte troppo presto. Oggi voglio riprendere l’argomento parlando invece delle serie tv che sono ormai concluse, ma che mi sono rimaste nel cuore. Ovviamente aspetto i vostri commenti nel box apposito qui sotto!

∼ Friends

Per me Friends resterà sempre la serie tv comedy per eccelenza, che ho iniziato a seguire da bambina e non mi stanco mai di rivedere! Phoebe, Joey, Chandler, Ross, Monica e Rachel sono stati parte della mia vita per quasi un ventennio ed è come se ormai fossero amici di lunga data, sempre pronti a confortarmi quando ne ho più bisogno.

∼ How I met your mother

How I met your mother è quella serie che ha colmato il vuoto (in parte) lasciato da Friends. Per diversi aspetti possiamo accomunare le due serie, ma HIMYM è riuscita ad essere sempre originale senza diventare la copia di Friends. Ma come Friends anche questa serie tv si è conclusa, lasciando un enorme vuoto!

giphy

∼ Streghe

Streghe (Charmed) è una delle primissime serie televisive che ho iniziato a seguire da bambina e che mi ha accompagnata per quasi un decennio durante l’infanzia. Nonostante il reboot sia prossimo all’arrivo in tv, per me Streghe resteranno sempre Prue, Phoebe, Piper e Paige.

“Il potere del trio coincide col mio!”

∼ Gilmore Girls

MV5BOGY1ZjNhYjAtNDY2MC00N2QwLTk4MzQtMjNmMTRkMDYzYTE4XkEyXkFqcGdeQXVyNTA4NzY1MzY@._V1_.jpgNel 2016 è uscito su Netflix il reboot di Gilmore Girls, che non nego essere stata una delusione per diversi motivi. La serie tv principale resta comunque parte della mia infanzia e anche se non posso annoverarla tra le preferite di sempre ha segnato una parte importante nella mia crescita.

Le vite di Rory e Lorelai mi hanno accompagnata dal 2000 al 2007 e in numerosi rewatch negli anni successivi.

∼ Sherlock

giphy.gif

In realtà questa serie tv non è propriamente conclusa, ma il suo destino è sempre incerto. Non sappiamo di preciso se e quando ci sarà modo di vedere ancora sullo schermo i casi di Sherlock Holmes e John Watson. Ovviamente spero sempre in una nuova stagione, ma nel frattempo non mi stancherò mai di rivederla!

∼ Castle

MV5BMjM2NjU0ODU0NF5BMl5BanBnXkFtZTgwMDAwMzg5NjE@._V1_UX182_CR0,0,182,268_AL_.jpgCi sono tante serie tv migliori di Castle, eppure ha sempre saputo intrattenermi e divertirmi, soprattutto per merito dell’umorismo di Richard Castle (interpretato da Nathan Fillion). Ignorerò però l’ultima puntata che ha massacrato lo show con un finale imbarazzante!

∼ Merlin

Anche se il finale non lascia spazio a una nuova stagione, non ho mai smesso di sperare di rivedere Merlino e Artù insieme.

Nonostante le diversità con il mito, Merlin è una di quelle serie da cui devo ancora riprendermi e che mi ha accompagnato dal 2008 al 2012.

Attenzione! Spoiler nel video!

Tra questa già citate una menzione speciale va anche a Lost, Band of Brothers, Cougar Town e Bones.

Curiosità, serie tv

9 serie tv cancellate di cui avrei voluto un’altra stagione

Buongiorno a tutti i lettori del blog! Come state? Oggi voglio parlare di quel “dramma” che tutte le persone dipendenti da serie tv conosceranno: le cancellazioni. Troppo spesso mi è capitato di dover dire addio a serie tv che seguivo con passione e che sono state brutalmente cancellate. Molto probabilmente farò una seconda parte di questo articolo quando mi verranno in mente i titoli che mi sono sfuggiti nella prima stesura. Non dimenticate di farmi sapere la vostra lista personale di serie tv cancellate di cui avreste voluto avere un’altra stagione!

∼ 2 Broke Girls

landscape-1494676764-2-broke-girls.jpg

2 Broke Girls segue le vicende di Max e Caroline, due amiche ai poli opposti unite da un sogno comune: fare soldi con un negozio di cupcake. Nonostante 6 stagioni e ben 9 candidature agli Emmy, 2 Broke Girls è stata cancellata lo scorso anno a causa del calo di ascolti.

Anche se è stata criticata per un calo di qualità, a me la serie ha continuato a divertire fino alla fine e avrei voluto vedere una conclusione decente per Max e Caroline.

∼ Ben and Kate

benandkate.jpg

Probabilmente quasi nessuno conoscerà o ricorderà questa serie comedy, ma Ben & Kate è stata una delle prime apparizioni dell’ormai conosciutissima Dakota Johnson (Ana in 50 sfumature di grigio).

La serie segue le vite di Kate, giovane madre single di una bambina di sei anni e Ben, l’eccentrico fratello della donna. Purtroppo Ben & Kate è stata cancellata durante la messa in onda della prima stagione, tant’è che parte degli episodi non sono mai stati trasmessi.

In Italia è andata in onda su Fox.

∼ Notorious

notorius-abc.jpeg

Notorious è stata brutalmente stroncata dalla critica, tant’è che dopo la prima stagione è stata cancellata. La serie del 2016 con protagonista Piper Perabo si focalizza sull’amicizia tra una giornalista televisiva, sempre alla ricerca di una notizia da prima pagina e un avvocato penalista.

Probabilmente sono una delle poche persone ad aver apprezzato questa serie tv, ma a discapito di quanto detto dal resto del mondo io l’ho trovata intrigante e originale!

∼ Life

Life-TV-Show-image-life-tv-show-36552077-1280-720.jpg

Life è una di quelle serie tv di cui non sento mai parlare, al punto che ho quasi pensato fosse frutto della mia immaginazione! Invece Life esiste davvero ed è stata trasmessa per due stagioni dal 2007 al 2009 con protagonista Damian Lewis.

La serie si basa sulla nuova vita di Charlie Crews, rilasciato dal carcere dopo 12 anni di detenzione ingiusta

∼Ugly Betty

81t0f86WLSL._RI_.jpg

Io sto ancora sperando che prima o poi Ugly Betty abbia un sequel. Non mi importa se sarà un film (come si era speculato) o un’altra stagione, ma io DEVO sapere che cosa è accaduto tra Betty e Daniel! L’ultima stagione si è conclusa con troppi sottointesi… io ho bisogno di certezze!

∼ La spada della verità

legend-of-the-seeker-legend-of-the-seeker-30918024-1152-864.jpg

Tratta dalla saga di libri di Terry Goodkind, La spada della verità è una serie tv fantasy andata in onda per due stagioni a partire dal 2008.

La serie tv ha ricevuto critiche contrastanti, ma ha sempre avuto il supporto dello scrittore dei libri, anche quando è stata cancellata e i fan hanno tentato di salvarla.

Un vero peccato perché a mio parere era ben fatta, con location neozelandesi stupende e un’ottima chimica tra i due protagonisti.

∼ Men in trees

menintrees_big.0

Men in trees è una serie tv che ho iniziato perché ambientata nella meravigliosa Alaska e che si è rivelata poi essere molto piacevole.

Cancellata dopo due stagioni, Men in Trees segue le vicende di Marin, consulente sentimentale e autrice di bestseller che resta bloccata in Alaska dopo aver scoperto di essere stata tradita.

∼ 10 cose che odio di te

10-cose-che-odio-di-te.jpg

Okay, okay. Era il 2009 e io ero una giovane adolescente ammaliata dal fascino di bad boy di Ethan Peck. Devo pure ammettere che a me 10 cose che odio di te era pure piaciuta (nonostante non fosse paragonabile al film originale) e quando è stata cancellata sono stata malissimo! Probabilmente dopo questa affermazione perderò metà degli iscritti, ma aihmè, ero giovane e ingenua! 😉

Nonostante la critica abbastanza positiva la serie è stata cancellata dopo una stagione a causa dei bassi ascolti.


 

 

Curiosità, serie tv

L’amica geniale questo autunno diventerà una serie tv HBO || prime foto, trailer, sinossi e curiosità

Proprio in queste ore sto finendo il libro L’amica geniale, di Elena Ferrante, titolo scelto per il mio club del libro. Ho recentemente scoperto che il film sarà presto una serie televisiva HBO. Ho raccolto per voi alcune notizie e foto direttamente dal sito ufficiale di HBO, ecco che cosa ho scoperto!

L’amica geniale (My brilliant friend) è una produzione HBO, RAI FICTION and TIMVISION, diretta da Saverio Costanzo (Private, La solitudine dei numeri primi, Hungry Hearts) in arrivo questo autunno.

cq5dam.web.1200.675.jpeg

Il casting della serie ha avuto una durata di oltre 8 mesi, e quasi 9000 bambini e 500 adulti, provenienti da tutta la Campania, hanno fatto le audizioni per avere un ruolo nella produzione. Elisa Del Genio e Ludovica Nasti sono state scelte per impersonare Elena e Lila da bambine, mentre Margherita Mazzucco e Gaia Girace saranno i due personaggi durante l’adolescenza. In tutto L’amica geniale avrà un cast di ben 150 attori e 5000 comparse.

cq5dam.web.1200.6752.jpeg

L’imponente set di 215mila metri quadrati è stato ricreato in un centinaio di giorni ed è servito a rappresentare il rione, location simbolo della storia.


519gc8NwHxL.jpg

“L’amica geniale comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità.
L’autrice scava intanto nella natura complessa dell’amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l’Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. ” Link d’acquisto amazon.⇐⇐


E voi avete letto il libro? Che ne pensate di questa serie tv? Fatemi sapere la vostra opinione nei commenti qui sotto!

Curiosità, serie tv

4 serie tv sottovalutate che dovresti assolutamente recuperare

Ciao a tutti i lettori del blog! Come avete passato il weekend? Oggi voglio parlarvi di alcune serie televisive che sono spesso sottovalutate o poco conosciute in Italia, e che personalmente vi consiglio di recuperare. Ovviamente non dimenticate di farmi sapere, nei commenti quali serie dovrebbero essere aggiunte, secondo voi, alla lista!

∼ My Mad Fat Diary

my-mad-fat-diary3.jpg

My Mad Fat Diary è una serie tv inglese che ho scoperto da poco e che in Italia è ancora inedita. È andata in onda dal 2013 al 2015 per un totale di 3 stagioni e 16 episodi.

La protagonista della serie è Rae, una ragazza di 16 anni con problemi di peso, appena dimessa dall’ospedale psichiatrico dopo un tentativo di suicidio. In un’ambientazione nella fine degli anni 90, My Mad Fat Diary ripercorre l’adolescenza di quegli anni senza mai finire nella banalità o nello stereotipo. Affronta temi come il bullismo, depressione, l’insicurezza e la difficoltà di accettarsi.

I punti di forza:

  • La colonna sonora: Rae è un’appassionata di musica Brit Pop tipica di quegli anni. Non mancano quindi tantissimi riferimenti alle canzoni e gruppi del momento.
  • Linguaggio/slang: My Mad Fat Diary è una serie che va vista rigorosamente in lingua originale. Gli attori parlano con un forte accento del Lincolnshire e con uno slang giovanile che rende la serie ancora più particolare e unica.
  • Rae/Finn [spoiler]: My Mad Fat Diary ha dato vita a una delle mie ship preferite di sempre, Rae e Finn. Vi consiglio di cercare su youtube qualche clip dei due personaggi!

[Attenzione, il video contiene spoiler! Ho deciso di condividerlo comunque perché è stata la prima clip che ho visto in assoluto e che mi ha fatto subito interessare della serie.]

∼ Skam

Da quando Skam è arrivata anche in Italia, la serie ha acquistato una certa popolarità, ma il riferimento di oggi è per la versione originale norvegese. I diritti sono stati venduti infatti in diversi paesi, dando così vita a nuove versioni molto simili all’originale.

Ma partiamo dall’inizio. Skam è una web serie di quattro stagioni, andata in onda in Norvegia dal 2015 al 2017 che si basa sulle vite di alcuni adolescenti benestanti di Oslo. Ogni stagione si sviluppa dal punto di vista di un personaggio differente, focalizzandosi su tematiche diverse, quali abuso sessuale, religione, omosessualità, femminismo, malattie mentali…

Ammetto di aver iniziato a guardare Skam soltanto quando mi sono imbattuta in un video di youtube sulla terza stagione, che ha come protagonista Isak. Isak è un adolescente in conflitto con la propria sessualità, che scopre poco alla volta una crescente attrazione per un coetaneo, Even.

original.gif

∼ Crazy Ex-Girlfriend

crazyexgirlfriend.jpg

Crazy Ex-Girlfriend è una di quelle serie tv che a primo impatto vi sembrerà talmente assurda che sarete tentati di lasciar perdere, ma che alla fine vi trascinerà puntata dopo puntata, finché non arriverete ad amarla. A me è successo proprio così!

Guardando lo show vi sembrerà di trovarvi letteralmente nella testa di Rebecca Bunch, la protagonista della nostra serie tv/musical. Rebecca è un avvocato affermato di New York, con uno stipendio da capogiro e un curriculum importante. Un giorno, imbattendosi nella sua ex fiamma adolescenziale, decide di abbandonare la sua vita nella Grande Mela e seguire (segretamente) il suo ex a West Covina, in California.

Tra scene assurde e pezzi musicali esilaranti non potrete fare a meno anche voi di sentirvi un po’ come Rebecca Bunch!

Disponibile su Netflix.

∼ The Good Place

The-Good-Place-Infinity-2-e1519065617400.jpg

Da fan accanita di ogni commedia sentimentale mai prodotta ovviamente conoscevo l’attrice Kristen Bell e quando ho saputo che era la protagonista di uno nuovo show ho voluto assolutamente recuperarlo.

Dopo essere stata travolta da un camion che pubblicizzava prodotti contro la disfunzione erettile, Eleanor Shellstrop si ritrova nell’aldilà. Al suo arrivo scopre di essere stata destinata alla “parte buona” (The Good Place) per aver salvato numerose vite durante la sua vita terrena. Ma Eleaonor capisce ben presto di essere stata confusa per un’altra persona. Lei, infatti, non è affatto buona, bensì si è sempre comportata da egoista. Circondata da persone gentili, Eleanor deve fingere di essere una di loro e passare inosservata, mentre la vera Eleanor è bloccata nella “parte cattiva”.

Ambientare una serie in paradiso è di certo un azzardo e il rischio “buonismo” è senz’altro alto. The Good Place riesce però ad essere brillantemente scritto e a dare vita a personaggi realistici e geniali. Nonostante si tratti di una serie a stampo comico, riesce a dare numerosi spunti di riflessione su ciò che è o meno etico.

Si tratta di una delle serie tv con la trama più originale che ho mai avuto il piacere di guardare e continui colpi di scena che vi spingeranno a divorare le puntante una dopo l’altra.

Disponibile su Netflix. (1a stagione)