Pubblicato in: Curiosità

∼ 15+ Regali di Natale per fan di Sherlock (Holmes)

Ciao a tutti e buon fine settimana!

Qualche settimana fa vi ho parlato di alcune idee regalo per amanti dei libri, e ancora prima di regali di Natale per fan di Harry Potter. In questi giorni sto riguardando la serie televisiva Sherlock, ho riscoperto un’insana cotta per Benedict Cumberbatch (ma questa è un’altra storia!) e al tempo stesso mi è tornata la voglia di leggere i romanzi di Arthur Conan Doyle (cosa che farò nei prossimi giorni). A questo proposito ho pensato di consigliarvi alcune idee regalo per i fan della serie tv e dei romanzi.

ABBIGLIAMENTO E ACCESSORI

∼ DVD E LIBRI

∼ CASA E CUCINA

∼ VARIE


Spero che queste idee regalo vi siano piaciute. Io ho già ordinato i fumetti e domani acquisterò anche il piumone (per la gioia di mio marito ahah).

Inoltre siccome ho preso una bella cotta per Benedict Cumberbatch non posso farmi mancare il suo calendario 2018!

 

 

 

 

Pubblicato in: Curiosità, game of thrones

Il trono di spade: Il vallo di Adriano che ispirò La barriera

Qualche tempo fa vi avevo parlato degli eventi storici che hanno ispirato George R.RMartin nella stesura delle Cronache del ghiaccio e del fuoco, in modo particolare della guerra delle due rose e della vera storia che ispirò le nozze rosse. Oggi ci soffermiamo invece su Il vallo di Adriano, da cui lo scrittore prese spunto per l’invenzione della barriera durante un viaggio in questo luogo.

adriano.jpgIl vallo di Adriano era un’imponente fortificazione in pietra (parte dei resti sono ancora visibili oggi) voluta dall’imperatore romano Adriano nel II secolo d.C. Aveva la funzione di segnare il confine che divideva la Britannia, sotto il controllo romano, dalla Caledonia, occupata dai Pitti.

Oggi del Vallo di Adriano rimane ben poco, ma com’era al tempo dell’impero romano? Immaginate un imponente muro alto circa 5 metri e largo tra i 2,5 e i 3 metri, con ben 80 fortini nei pressi delle porte, una ogni miglio romano. Tra ogni fortino vi erano oltre due torrette, utilizzate come punto di osservazione, e lungo tutto il muro un numero di forti ausiliari compresi tra 17 e 19. Si pensa che l’intero vallo impiegasse circa 9000 uomini, per i suoi 117 chilometri di lunghezza.

La Barriera di George R.R Martin è però molto più imponente di quella voluta da Adriano. Si estende infatti per 480 chilometri, arrivando a un’altezza compresa fra i 210 e i 270 metri di altezza, ed è costituita da blocchi di ghiaccio che arrivano a dieci metri di larghezza nella parte superiore. Lungo tutto il muro vi sono 19 castelli, dei quali però solo una parte è presidiata.

wall.jpg

“Era alta duecentocinquanta metri, il triplo del più alto dei castelli che proteggeva. Benjen Stark aveva detto che la sua sommità era larga abbastanza da permettere il passaggio di dodici uomini a cavallo, in armatura pesante e affiancati. Mastodontiche catapulte e ciclopiche gru di legno parevano montare di sentinella su di essa, simili a vestigia scheletriche di uccelli leggendari. E tra quegli scheletri, piccoli come formiche, camminavano gli uomini in nero.”

Il Vallo di Adriano nel corso degli anni fu più volte ristrutturato in seguito agli attacchi provenienti dal nord, per poi finire in disuso con la caduta dell’impero romano. Oggi è partimonio dell’UNESCO.

Se volete approfondire la storia del Vallo di Adriano qui trovate alcune letture. Non dimenticate di lasciarmi un commento con le vostre impressioni!

[Per la stesura di questo articolo ho consultato il sito English Heritage e Il trono di spade wikia per le info dettagliate sulla barriera.]

 

 

 

Pubblicato in: Curiosità

Blogger Recognition Award

Ciao a tutti!

Oggi rispondo finalmente al Blogger Recognition Award, per il quale mi avete nominata in tanti. Ringrazio quindi i blog che mi hanno nominata, sperando di non dimenticare nessuno (purtroppo non riesco a trovare i tag e quindi vado a memoria), in ordine sparso: Canti delle balene, Milioni di particelle, Scents and Colors Books, Take a book and drink a coffee with me, Sunday Mood, 50 sfumature di viaggio, Il grimorio della strega, L’ultimo spettacolo

GRAZIE DI CUORE perchè mi seguite con affetto e rendete questa esperienza ancora più divertente. Ognuno di voi ha un blog che personalmente seguo sempre con interesse e in cui so che troverò sempre consigli validi.

Sicuramente ho dimenticato qualcuno e me ne scuso, non è stato intenzionale. Se mi sono dimenticata di voi, scrivetemi un commento e provvederò ad aggiungervi!

blogger.png

Ecco le regole!
1. Ringraziare il blogger che ti ha nominato e inserire il link al suo Blog
2. Scrivere un post per mostrare il proprio riconoscimento
3. Raccontare la nascita del proprio Blog
4. Dare consigli ai nuovi blogger
5. Nominare altri 15 blogger ai quali vuoi passare il segno di riconoscimento
6. Commentare sul Blog di chi ti ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo (anche sulla pagina Fb)

Continua a leggere “Blogger Recognition Award”

Pubblicato in: Curiosità, Dal libro al film

∼ 5 libri da leggere se sei fan di Stranger Things

Ciao a tutti, come state?

La mania di Stranger Things è esplosa nel 2016, ma come al solito ho scoperto questa serie tv più tardi, ovvero qualche settimana fa. Ovviamente ho divorato entrambe le stagioni in pochissimo tempo, e me ne sono innamorata! Oltre a essere rimasta colpita dal talento dei giovani protagonisti, sono rimasta estasiata dall’ambientazione anni ’80. In questo articolo ho voluto parlarvi di alcuni libri che per una ragione o per l’altra possono ricordare Stranger Things. Se avete qualche libro di questo tipo da consigliarmi, scrivetelo nei commenti!

∼ I romanzi di Dungeons & Dragons

Soprattutto nella prima stagione della serie televisiva i giovani protagonisti passano le giornate giocando a Dungeons & Dragons, il famoso gioco di ruolo fantasy. Gli universi di D&D sono stati ripresi in diversi cicli di romanzi, tra i più famosi potete trovare Dragonlance (che conta oltre 190 libri di diversi autori) e Forgotten Realms.


∼ I romanzi di Stephen King

Nella serie televisiva i riferimenti ai romanzi di Stephen King sono molteplici, per stessa ammissione dei fratelli Duffer, creatori dello show. Non ho mai letto i romanzi di King (sono una fifona!) ma dopo una ricerca tra le varie trame mi sono imbattuta in diverse similitudini (o chiamiamoli omaggi). L’incendiaria in modo particolare sembra avere molti punti in comune con Stranger Things, e anche il famoso IT.

king2La trama in breve: (L’incendiaria) Charlie: una bimba terrorizzata e terrorizzante dotata di energie psichiche straordinarie. La “Bottega”: un’agenzia governativa decisa a sfruttare tali facoltà per i suoi folli scopi. Si scatena così una ricerca senza quartiere per braccare la piccola che tuttavia riserverà qualche sorpresa ai suoi persecutori.


∼ Aliens

alien.jpgDurante un’intervita i fratelli Duffer hanno dichiarato che la seconda stagione di Stranger Things ha diverse somiglianze con la serie cinematografica Aliens, a partire dall’attore Paul Reiser, comparso in entrambe. Aliens nasce da una serie di fumetti, adattata poi anche a ciclo di romanzi dallo scrittore Steve Perry.


∼ I Goonies

str2.jpgSenz’altro conoscerete I Goonies, film del 1985 di Steven Spielberg, con protagonista proprio Bob di Stranger Things (Sean Astin). Da un paio di mesi I Goonies è arrivato anche in libreria!

La trama in breve: È estate nella piccola cittadina di Astoria. I Qoonies – un gruppo di giovani ragazzi  – devono dare addio alle case dove sono nati e cresciuti: i signorini del club del golf hanno dato lo sfratto alle loro famiglie per radere al suolo il quartiere e costruire nuovi, esclusivi campi da gioco. Poco prima di andarsene, però, uno di loro scopre in soffitta un’antica mappa del tesoro, appartenuta a Willy l’Orbo – un temibile pirata spagnolo del Seicento. Se i Qoonies riusciranno a mettere le mani sul bottino del vecchio corsaro potrebbero ancora salvare le loro case!


∼ Messaggi dal sottosopra

str1.jpgChiudiamo con un libro che non è un romanzo, ma una raccolta di curiosità e informazioni per conoscere meglio la serie tv del momento!

La trama in breve: Dalle teorie complottistiche che hanno ispirato gli autori alla musica che accompagna ogni episodio, dai provini degli attori agli esperimenti ai tempi della Guerra fredda: “Messaggi dal sottosopra” è la guida per conoscere tutti i segreti del mondo di Stranger Things.


E per restare in tema “regali di Natale” avete visto questa bellissima tazza?!

str3.jpg

Pubblicato in: Curiosità

15 regali di Natale per amanti dei libri

Ciao a tutti e buon lunedì! Come avete passato il weekend?

Qualche tempo fa vi avevo accennato che anche quest’anno vi avrei parlato di libri e regali di Natale, perciò eccomi qui con il secondo appuntamento dell’anno! [Il primo dedicato a Harry Potter lo trovate qui.] Oggi vi segnalerò alcune idee che potrebbero essere adatte ai regali di Natale, per se stessi, famigliari o amici.

GIOIELLI LETTERARI

Ho trovato un negozio su Amazon (Silva Creations & Co) che vende bellissimi gioielli fatti a mano ispirati ai libri. Ecco i miei preferiti:

ILLUMINAZIONE

Un lettore sa che una corretta illuminazione è fondamentale per godersi una buona lettura. Ecco quindi alcune proposte interessanti!

SEGNALIBRI

Avete qualche amico o famigliare con la fastidiosa mania di piegare le pagine dei libri per tenere il segno? Potreste risolvere con un simpatico segnalibro!

AGENDA

Spesso accade che durante una lettura il lettore senta la necessità di trascrivere frasi o pensieri, perché non regalare quindi un’agenda che serva a questo scopo? In commercio ne esistono diverse con copertine ispirate a libri famosi.

KINDLE

kindle.jpg

Oggi è il Cyber Monday, quindi ancora per poche ore avete la possibilità di acquistare un kindle a un prezzo agevolato. Ecco alcune proposte:


Spero che queste idee vi siano piaciute! Vi aspetto al prossimo appuntamento 🙂

Pubblicato in: Curiosità

Il genere letterario “cappa e spada” ∼ che cos’è?

Ciao a tutti, come state?

Qualche tempo fa vi avevo parlato del genere letterario ucronico, visto l’interesse che avete dimostrato ho deciso di replicare l’idea e parlare di un altro genere che forse in pochi conosceranno: il cappa e spada.

jackIl genere cappa e spada si è sviluppato tra il 1800 e il 1900 ed è caratterizzato da trame storiche, ma con particolare interesse all’aspetto avventuroso. In romanzi appartenenti a questa categoria troveremo quindi duelli tra i personaggi, colpi di scena e suspence. Il nome cappa e spada deriva dalla “cappa“, l’indumento indossato solitamente dai cavalieri e ovviamente dalla spada, l’arma principale usata nei duelli.

Il genere non si limita solo alla letteratura, ma è arrivato anche al cinema e ai fumetti. Tra i personaggi cinematografici non possiamo non citare Jack Sparrow, il capitano dei Pirati dei caraibi, o il suo compagno di avventure Will Turner; ma anche l’abile giustiziere mascherato Zorro. 

Nella letteratura moderna abbiamo diversi esempi di questo genere, tra i più noti troviamo lo scrittore Bernard Cornwell, e il suo iconico Richard Sharpe, protagonista di oltre venti romanzi ambientati durante le guerre napoleoniche; o la saga di Excalibur o

tre

ancora delle storie dei re sassoni. Anche lo scrittore spagnolo Arturo Pérez-Reverte è un amante di questo genere, i suoi personaggi sono infatti abili spadaccini in cerca d’avventura.

Tra gli autori classici conoscerete senz’altro Alexandre Dumas, autore della trilogia I tre moschettieri, saga che segue le avventure dei moschettieri del Re che si sfidano a duello con le guardie del cardinale, o Robert Louis Stevenson con il celebre L’isola del tesorouno dei romanzi per ragazzi più celebre di tutti i tempi.

Anche i protagonisti di alcune leggende o storie antiche appartengono a questo genere, per citarne alcuni: Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda, o Robin Hood (di cui vi ho parlato qui).

artù.jpg

E voi avete letto qualche romanzo di questo genere? Sapevate che si chiama così? Fatemi sapere nei commenti!

Pubblicato in: Curiosità

∼ Un libro per ogni segno zodiacale [Parte 2]

Ciao a tutti! Ieri ho pubblicato la prima parte di questo articolo (qui), perciò se in lista non trovate il vostro segno zodiacale, cercatelo nel precedente. In questo articolo analizzerò le caratteristiche di ogni segno e basandomi sulle sue peculiarità consiglierò una lettura che ritengo adatta.

GEME.jpgGEMELLI

Questo segno spicca di grande intelligenza, è abile, curioso e si adatta facilmente ai luoghi e alle situazioni. Queste caratteristiche mi hanno fatto pensare a Edmond Dantès del romanzo Il conte di montecristo di Alexandre Dumas.


cancer-759378_960_720.jpgCANCRO

Il segno del cancro è molto legato all’infanzia e al passato, è molto sensibile, fedele e ambizioso. Si rifugia spesso nei sogni, sperando che un giorno diventino realtà, ma è anche un po’ permaloso. Il fatto di rifugiarsi spesso nei sogni mi ha fatto pensare a Jacob di Animali Fantastici e dove trovarli, so che non è un libro vero e proprio, ma si tratta di una bellissima sceneggiatura di J.K Rowling.


acquario.jpgACQUARIO

L’acquario è un segno onesto e fedele, schietto e aperto ai cambiamenti. Ama fare amicizia e socializzare, anche se non è molto realista, ed è spesso portato a credere che l’impossibile sia possibile. Queste qualità mi hanno fatto pensare a Simon della saga Shadowhunters di Cassandra Clare.


scorpio-759377_960_720.jpgSCORPIONE

Il segno dello scorpione è molto autoritario e possessivo, ma è anche attivo, energico e passionale. Ha molto intuito ed è pieno di risorse. Se penso a queste caratteritiche e agli scorpioni che fanno parte della mia vita mi viene in mente il detective Cormoran Strike, serie di Robert Galbraith (J.K Rowling) che inizia con Il richiamo del cuculo. (ne ho parlato qui.)


PESCIPESCI

Emotività e sensibilità sono qualità di questo segno, sono inoltre comprensivi e credono nella bontà del prossimo. Sono molto vulnerabili e hanno la tendenza all’autodistruzione. La bontà d’animo di questo segno mi fa pensare a Lucy della saga Le Cronache di Narnia di C.S Lewis.


capricorn-759379_960_720CAPRICORNO

I capricorno non hanno fretta di raggiungere la vetta del successo, anche se sono consapevoli di dover aspettare anni. Sono molto ambiziosi e determinati, se hanno un obiettivo lo raggiungeranno. Queste caratteristiche mi ricordano Daenerys delle Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R Martin.


Sono finalmente arrivata alla fine di questo articolo, devo ammettere che è stato difficile! 🙂 Fatemi sapere nei commenti se vi ritrovate nelle caratteristiche dei vostri segni!

Pubblicato in: Curiosità

∼ Un libro per ogni segno zodiacale [Parte 1]

Ciao a tutti e buon inizio settimana!

Oggi ho pensato di fare una cosa un po’ diversa dal solito, ovvero abbinare ad ogni segno zodiacale un libro diverso. L’articolo sarà diviso in due parti, perciò se non trovate il vostro segno non temete, domani uscirà la seconda parte!

ARIETE

arie.jpg

L’ariete è un segno zodiacale caratterizzato da grande coraggio, impulsività e sincerità, pecca invece di pazienza. Queste caratteristiche mi hanno subito fatto pensare a Celaena della saga Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas. [ne ho parlato qui]


TORO

 

toro.jpgPresunzione, testardaggine e pigrizia sono i difetti che contraddistinguono un Toro, ma questo segno è anche paziente e costante. Per questo segno ho scelto il racconto Il mistero dell’interprete greco di Arthur Conan Doyle. In questo racconto compare per la prima volta Mycroft, fratello di Sherlock, che secondo me corrisponde alla descrizione di un toro.


LEONELEONE

Il leone è un segno nobile, orgoglioso e fiero, ma anche vitale e leale. Proprio queste caratteristiche contraddistinguono Elizabeth Bennet del romanzo Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen.

 


BILA.jpgBILANCIA

La bilancia è un segno zodiacale che ama stare in compagnia, il lusso e le comodità. Le persone nate sotto questo segno sono spesso ottimi strateghi e mediatori. Per questa ragione a mio parere i libri perfetti per questo segno sono due: Emma di Jane Austen e Via col Vento di Margaret Mitchell, proprio per le caratteristiche delle protagoniste così simili a quelle della bilancia.


saggi.jpgSAGITTARIO

Il sagitTario è descritto come segno molto gioioso, attivo e schietto, con la testa sempre “fra le nuvole”. Sono pieni di entusiasmo, vitalità e ottimismo. Per questa ragione penso subito ad Anna dai capelli rossi di Lucy Maud Montgomery, personaggio che senza dubbio incarna queste qualità.


vergine.jpgVERGINE

Il segno della vergine è molto intelligente, meticoloso e puntiglioso. È sempre attento ai dettagli e quando deve portare a termine un lavoro vi dedica molto impegno. Questo segno ha anche buon senso, è modesto e a tratti anche malinconico. Alla vergine consiglierei Harry Potter di J.K Rowling, potrebbe trovare molte caratteristiche in comune con Hermione.


Questa era la prima parte dell’articolo, vi aspetto domani per i segni restanti! Non dimenticate di lasciarmi un commento.

Pubblicato in: Curiosità, Novità

Bookcity Milano ∼ La festa del libro e della lettura

Ciao a tutti e buon fine settimana! Spero che abbiate programmi migliori del mio per questo weekend, io come al solito lavorerò!

Oggi voglio parlarvi di Bookcity, che si terrà nel centro di Milano dal 16 al 19 novembre.

Che cos’è Bookcity? Bookcity ha l’obiettivo di mettere al centro di una serie di eventi diffusi sul territorio urbano il libro, la lettura e i lettori, come motori e protagonisti dell’identità della città e delle sue trasformazioni nella storia passata, presente e futura. [dal sito web]

bcm17.jpg

Se siete in zona non potete perdervi questa bellissima manifestazione, con eventi sparsi per tutta la città. Ho raccolto per voi gli incontri che secondo me sono più interessanti, ma trovate il programma completo qui.

  • Stregata dal Fantasy. Scarlett Thomas tra Harry Potter e Fahrenheit 451: Scarlett Thomas presenta il suo nuovo romanzo, Il drago verde. [18 novembre – h 17]
  • Hyperversum e Time Deal – Viaggio nella narrativa italiana fantastica contemporanea: Francesco Trento dialoga con Cecilia Randall (Hyperversum) e Leonardo Patrignani (Time Deal). [19 novembre – h 10.30]

  • Il linguaggio delle storie: Licia Troisi e Roberto Recchioni si confrontano e ragionano su quanto siano vicini e lontani tra loro i mondi della creatività nei quali si muovono: libri, fumetti, serie TV. [19 novembre – h 12.30]
  • 20 anni magici vissuti con Harry Potter: Panoramica sulla vita e la carriera di J.K. Rowling con la testimonianza di chi ha lavorato direttamente assieme a J.K Rowling. [19 novembre – h 14.30]
  • Vent’anni di Harry Potter. Vivere e pensare con un classico contemporaneo [19 novembre – h 16.30]

  • Quello che le donne (non) dicono: Presentazione del libro La forza imprevedibile delle parole di Clara Sanchez. [19 novembre – h 11]
  • Saghe da Oscar. Napoleone e i Medici star della letteratura: Incontro con lgli scrittori Simon Scarrow, autore da 5 milioni di copie e Matteo Strukul, autore della serie I Medici. [19 novembre – h 15]

  • La suspense è donna: L’autrice del bestseller La ragazza del treno racconta come nasce una storia a più voci. [19 novembre – h 19.30]

  • Il giro d’Italia in 80 dolci: Incontro con il pasticcere Ernst Knam. [17 novembre – h 17]
  • Il Salottino del libro usato: Negli spazi del self service Mensa&Pizza.9, da giovedì 16 a mercoledì 22 novembre  verranno messi a disposizione libri usati a 1€

Fatemi sapere nei commenti se parteciperete a questa interessante manifestazione!

Pubblicato in: Curiosità

What If?∼ Il genere letterario ucronico. Che cos’è?

Buongiorno a tutti i lettori del blog!

Oggi voglio introdurre un nuovo argomento, il genere letterario ucronico. Se vi è piaciuto questo articolo, potrei affrontare altri generi letterari più o meno conosciuti. Se vi piace l’idea lasciatemi un commento!

L’Ucronìa è un genere letterario appartenente alla narrativa fantastica e fantascientifica, ma può essere anche paragonata al romanzo storico.

wolf!!.jpgIl termine Ucronìa apparve per la prima volta nel 1857, in un saggio di Charles Renouvier, filosofo francese, deriva dal greco e significa “senza tempo“. Un romanzo ucronico racconta infatti quello che sarebbe potuto accadere se un determinato avvenimento storico fosse andato diversamente.

 

In letteratura abbiamo innumerevoli esempi di questo genere. Tra i più famosi non posso non citare il romanzo di Stephen King 22.11.63, in cui Jake, professore d’inglese, attraversa uno spazio temporale, ritrovandosi a impedire l’assassinio di Kennedy.

Riuscite invece a immaginare un mondo in cui la Seconda guerra mondiale è stata vinta dai tedeschi? Lo ha fatto Philip K. Dick con il romanzo La svastica sul sole e più recentemente Ryan Graudin, con la duologia young adult Wolf. La ragazza che sfidò il destino.(di cui vi ho parlato qui)

man.jpg

[Tra il catalogo amazon prime video è presente la serie tv The man in the high castle, tratta dal romanzo La svastica sul sole.]

Ambientati nella prestoria abbiamo invece Viaggio centro della terra di Jules Verne e Il mondo perduto di Arthur Conan Doyle che immaginano una realtà abitata ancora da Dinosauri.

2211.jpgCi sono autori che hanno immaginato la guerra civile vinta dai Sudisti, altri che hanno pensato a Hilter come scrittore di fantascienza e altri ancora che hanno scritto di Napoleone sbarcato in Messico e diventato prigioniero degli Aztechi. Insomma, l’Uncronìa è un genere forse meno conosciuto rispetto ad altri, ma sicuramente molto presente!

Il genere ucronico non si limita solamente ai romanzi, ma spazia anche tra i fumetti, film, serie tv e videogiochi. Sia la DC Comics, che la Marvel Comics hanno infatti delle linee di fumetti dedicate proprio a questo genere.

Il primo esempio di questo genere lo troviamo nell’antichissima opera Ab Urbe condita, datata tra il 27 a.C e il 14 d.C. In un brano Tito Livio racconta della possibilità che Alessandro Magno si fosse diretto a ovest invece che verso est.

Tra gli eventi storici più utilizzati per questo tipo di narrazione troviamo sicuramente La seconda guerra mondiale, e più in generale i vari conflitti avvenuti negli ultimi secoli. Anche il fascismo in Italia è spesso oggetto di romanzi ucronici.

E voi avete mai letto un libro di questo genere? Vi aspetto nei commenti!