serie tv

5 Motivi per guardare “La Regina degli Scacchi” (The Queen’s Gambit) su Netflix

The Queen’s Gambit è la serie tv Netflix del momento. Uscita il 23 ottobre 2020, racconta la storia di fantasia di Beth Harmon, prodigio degli scacchi, dall’infanzia all’età adulta, in sette puntate da poco meno di un’ora ciascuna ed è tratta dal libro omonimo del 1983 di Walter Tevis’s.
Non è un caso che la serie stia riscontrando un enorme successo di pubblico e critica.
Ancora non siete sicuri se dedicare il vostro tempo a una serie sugli scacchi? Ecco sei motivi per farlo!

1. Non devi conoscere gli scacchi per guardarla

Gli scacchi non sono di certo visti come uno dei giochi di strategia più spassosi nel nuovo millennio, quindi è comprensibile non essere sicuri di voler iniziare una serie che ha questo tema al centro di ogni puntata.
Sebbene gli scacchi siano in effettivamente fondamentali ai fini della trama, non è necessario conoscerli o apprezzarli.
Nella serie, le competizioni alla quale partecipa la protagonista sono numerose e occupano una buona parte del minutaggio. Tuttavia non si ha mai la sensazione di guardare qualcosa di già visto. Ogni partita è avvincente e unica, anche se non avete la minima idea di come si muova un cavallo o della funzione della Regina nella partita.
Un’altra sensazione che si ha guardando Beth e gli altri personaggi muovere le pedine è quella di autenticità. Non a caso gli attori sono stati affiancati da esperti, giocando partite che hanno davvero fatto la storia nei millenio scorso.

2. Contesto storico

The Queen’s Gambit è ambientata tra gli anni ’50 e ’60 e il contesto storico statunitense è sapientemente rappresentato nel corso delle puntate.
La serie pone una particolare attenzione ai costumi, dagli abiti di Beth durante l’infanzia in orfanotrofio, fino all’età adolescenziale/adulta con un cambio di stile sempre più deciso, che segue la moda dell’epoca ma anche l’evoluzione del personaggio.
Anche la musica gioca un ruolo fondamentale in questo.
Nonostante il ruolo della donna nella società, in particolare quello di Beth in un mondo prevalentemente maschile, non sia mai marcato, alcuni accorgimenti ci danno un’idea precisa del contesto storico in cui ci troviamo.


3. Rappresentazione veritiera della dipendenza

Nel corso della serie la protagonista si ritrova a combattere contro la dipendenza da farmaci e alcolici.
La sua dipendenza, e successivamente (senza fare spoiler) quella di un altro personaggio della serie, sono state rappresentate con una particolare attenzione e cura dei dettagli.
Nonostante il tema ricorra spesso, ogni volta che Beth si rifugia nell’alcool o nelle pillole, non si ha mai la sensazione di rivedere la stessa scena ancora e ancora.
Ogni momento è unico, anche grazie al lavoro accurato dell’attrice protagonista e del regista che l’ha diretta.

4. Ottime interpretazioni

Oltre a una sceneggiatura eccezionale, gran parte del successo della serie si deve anche dalle ottime interpretazioni del cast.
Anya Taylor-Joy è la star della serie, non solo perché è la protagonista assoluta, ma anche perché riesce a portare sullo schermo il personaggio di Beth nelle diverse fasi della sua vita con una recitazione pulita e uno sguardo magnetico.
La trama si regge fortemente sull’interpretazione di Anya, ma è supportata da un cast di tutto rispetto, con Marielle Heller nel ruolo della mamma adottiva di Beth; Harry Melling come Beltik e Thomas Brodie-Sangster nei ruolo di Benny.

5. È semplicemente una bella serie!

Lo so, dire “guardate questa serie perché è bella” non è molto obiettivo, ma in questo caso voglio davvero invitarvi a dare una chance a The Queen’s Gambit.
Personalmente è entrata nella mia top 3 della serie più belle viste quest’anno.
Ho apprezzato la sceneggiatura, la cinematografia, le scelte della regia e le interpretazioni.
Non mi sarei aspettata che una serie con il tema degli scacchi potesse colpirmi tanto, eppure ci è riuscita.

Non me ne vogliano i chess-lovers, ma chi l’avrebbe mai detto che gli scacchi potessero essere così avvincenti?!



Non ho voluto scrivere una recensione come al solito, ma spero che questa lista vi sia piaciuta comunque. Potete trovare The Queen’s Gambit (in italiano La Regina degli Scacchi) su Netflix.