Pubblicato in: Harry Potter, Recensioni

Harry Potter: Hogwarts Mystery – La mia opinione

Buon venerdì sera a tutti i lettori del blog. Oggi voglio parlarvi di un gioco che sta spopolando in questi giorni e che è uscito il 25 aprile per iOS e Android: Harry Potter: Hogwarts Mistery.

Le premesse per un gioco che tenesse incollato generazioni di fan al proprio smartphone c’erano tutte, eppure a pochi giorni dall’uscita ha già deluso una buona parte di pubblico. Che cos’è che non funziona in questo gioco? Scopriamolo insieme!

Ma prima di analizzarne gli aspetti negativi partiamo dal principio. In che cosa consiste Hogwarts Mystery?

Tocca a TE frequentare la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts! Parti per un’avventura tutta tua in questo nuovissimo RPG ambientato nel mondo magico di Harry Potter anni prima della sua iscrizione a Hogwarts. Scopri stanze inesplorate del castello di Hogwarts e risolvi antichi misteri. Impara potenti incantesimi e nozioni dal professor Silente, Piton e molti altri. Duella coi tuoi rivali e crea alleanze con nuovi amici perché ti aiutino durante le tue avventure. In questo gioco innovativo per mobile di Portkey Games, casa videoludica di WBIE, sei tu il centro della nuova storia del mondo magico di Harry Potter.
hogwarts.jpg

La storia si apre con il nostro avatar che viene ammesso a Hogwarts e si ritrova a Diagon Alley per acquistare il necessario per l’anno scolastico.  Una volta raggiunta la scuola il giocatore può scegliere in che casa vuole essere smistato. Questo aspetto non mi è piaciuto, avrei preferito un test di smistamento piuttosto che una libera scelta.

Fin da subito appare chiaro che il game play effettivo consiste davvero in poche azioni, e si focalizza perlopiù nello sviluppo della trama. Il giocatore è guidato per l’intero tempo da indicazioni su ciò che deve fare e come deve muoversi.  Per proseguire con i livelli deve frequentare le lezioni e interagire con gli altri personaggi, ma ogni azione costa determinati punti energia. Una volta terminata l’energia il giocatore è costretto ad aspettare, oppure può velocizzare il processo tramite l’acquisto di gemme in cambio di denaro vero. L’energia che viene fornita ad ogni avatar è però troppo poca e in breve tempo ci si ritrova a dover aspettare per proseguire con la trama.

Per essere un gioco per smartphone devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita dalla grafica, i personaggi sono realistici, anche se avrei preferito una maggiore libertà negli spazi di Hogwarts. Non è infatti possibile esplorare il castello in libertà.

hogwarts2.jpg

Tuttavia dopo poco tempo la NOIA è il sentimento che è prevalso più di tutti. Ad esclusione della trama, che segue uno sviluppo interessante, non c’è poi molto altro da fare, se non cliccare in continuazione dove ci viene indicato dal gioco stesso. L’unica libertà è data dalle interazioni con gli altri personaggi. Durante alcuni dialoghi il giocatore può infatti scegliere tra tre diverse risposte, che incideranno sui punti esperienza dell’avatar.

Al momento sono ancora al primo anno, perciò mi auguro che il gioco migliori con il passare degli anni scolastici e dei livelli, ma se invece si mantiene sulla stessa linea non credo continuerò a giocarci. E voi lo avete già scaricato?

Se volete leggere altri articoli a tema Harry Potter potete trovarli qui:

 

 

 

 

Annunci
Pubblicato in: Curiosità, Libri e serie tv, Lo Hobbit / Il signore degli anelli

∼ Le mie 3 “Bromance” letterarie preferite

Buona domenica a tutti, come avete passato il weekend? Oggi voglio parlarvi dei rapporti di amicizia maschili nei libri e in modo ancora più specifico delle Bromance.

Ma che cosa sono le Bromance?

Una bromance è uno stretto rapporto, non sessuale, tra due o più uomini. È una forma di intimità omosociale, cioè un rapporto sociale non erotico tra persone dello stesso sesso. [wikipedia]

Scopriamo insieme quali sono le amicizie maschili (in ordine sparso) che ho preferito nei libri.

1. John Watson e Sherlock Holmes

Chi mi segue sa che non è la prima volta che manifesto il mio apprezzamento per questa “coppia”. Non vi so dire se sia colpa della chimica tra Benedict Cumberbatch e Martin Freeman (rispettivamente Holmes e Watson in Sherlock della BBC) ma adoro il rapporto di complicità che hanno costruito fin dall’inizio della serie e dei libri.

[Vi propongo questo esilarante video che riassume perfettamente la bromance tra i due!]

2. Frodo e Sam

In questo caso non ho ancora letto i libri e quindi mi baso solo sulla saga cinematografica, ma fin dal primo momento in cui Frodo e Sam sono comparsi in scena sono rimasta colpita dal forte legame che li unisce.

Non voglio ridurre il loro legame a un breve post perciò non spenderò altre parole su di loro, ma magari in futuro analizzerò meglio la loro amicizia.

frodo_and_sam_by_classicalnocturne-d6lukof.png

[Fanart by ClassicalNocturne]

Sam: Chissà se ci metteranno mai nelle canzoni o nei racconti.
Frodo: Cosa?
Sam: Chissà se la gente dirà mai: “Sentiamo di Frodo e dell’Anello”; e io dirò: “Si, è una delle mie storie preferite. Frodo era molto coraggioso, vero papà?” “Si figlio mio; il più famosissimo degli hobbit! E questo è dir poco.”
Frodo: “Ah! Hai tralasciato uno dei personaggi principali: Samvise l’Impavido! Voglio sapere di più su di Sam.” Frodo non avrebbe fatto granché senza Sam.
Sam: Su padron Frodo; non dovreste scherzare! Io dicevo sul serio.
Frodo: Anche io.

3. Harry e Ron

Fin dai primi momenti di Harry Potter e la pietra filosofale, Harry e Ron sono stati inseparabili. In sette libri, tra alti e bassi hanno affrontato avventure e rischiato la vita. Per Harry, Ron è diventato come un fratello e un membro a tutti gli effetti della famiglia Weasley.

hr.png

[Fanart by sibandit]


Ci sono altre bromance che negli anni mi hanno conquistato, come quella tra Mr Darcy e Mr Bingley o sempre dal fandom di Harry Potter, quella tra Sirius e Lupin. Quali sono invece i vostri rapporti d’amicizia preferiti nei libri? Vi aspetto nei commenti!

Pubblicato in: Harry Potter

Animali Fantastici: I crimini di Gindelwald – è uscito il teaser trailer!

Buonasera a tutti! Nella giornata di oggi è uscito il tanto atteso trailer di Animali fantastici: I crimini di Grindelwald, secondo capitolo della saga cinematografica scritta da J.K Rowling.

Fin da subito è chiaro che, almeno per una parte del film, torneremo di nuovo tra i corridoi di Hogwarts, con un giovane Silente interpretato da Jude Law. E tra i volti nuovi, come quello di Zöe Kravitz che interpreta Leta Lestrange e il chiacchierato Johnny Depp nei panni del mago Grindelwald, torneranno anche i protagonisti del primo film, Newt, Tina, Queenie, Jacob e persino Credence.

animali-fantastici-silente-banner.jpg

Come anticipato alla fine del primo capitolo, una minaccia incombe sul mondo magico. Sarà Silente a chiedere aiuto al magizoologo Newt Scamander per sconfiggere il potente Grindelwald.

Diverso tempo fa la Rowling aveva lasciato un indizio che aveva portato a pensare ad un cambio di location per il film. Come possiamo vedere dal teaser trailer, parte di esso sarà ambientato a Parigi.

Non so voi, ma io non vedo l’ora di vedere il film al cinema, anche se purtroppo dovremo attendere fino al 15 novembre. Sono felice che il mio adorato Jacob abbia spazio anche in questo film e che la perdita di memoria avuta alla fine del primo non sia permanente! E a voi è piaciuto questo teaser trailer? Fatemi sapere nei commenti!

coverlg.jpg

Pubblicato in: Argomenti / Tag

5 cose che avrei voluto fossero (o non fossero) accadute nei libri!

Ciao a tutti e buon mercoledì mattina! Stavo riflettendo sul fatto che molto spesso i libri prendono una piega narrativa che non avremmo voluto. Quando ciò accade è interessante perché la lettura diventa imprevedibile, ma a volte anche deludente. Ho pensato quindi a quei libri per cui avrei voluto cambiare il corso degli eventi. Fatemi sapere nei commenti o con un post la vostra personale classifica!

Disclaimer: L’articolo contiene ovviamente spoiler. Se non volete rovinarvi la lettura fermatevi all’inizio di ogni sottotitolo!

∼ Harry Potter: l’eterno orfano [SPOILER]

Non bastava che Harry Potter avesse perso i genitori da neonato, la sua adolescenza è continuamente segnata da lutti. Quando Sirius Black ha fatto la sua comparsa nel terzo capitolo ero felice che finalmente Harry avesse trovato una figura paterna che colmasse il vuoto lasciato dalla morte dei genitori, ma J.K Rowling ha pensato bene di rovinare quella parvenza di felicità! E se la scomparsa di Sirius era un male necessario, da quel momento diventa sempre peggio. Vi ricordano niente Silente o Lupin (per citarne qualcuno)?!

Ovviamente non voglio sindacare sul talento di J.K Rowling, che è peraltro la mia scrittrice preferita, ma penso che un po’ di tatto non avrebbe guastato! Se avessi dovuto salvare un personaggio sarebbe stato senz’altro Sirius Black.

black.jpg

∼ Sherlock e Watson: più di una Bromance

So che leggendo il titolo molti di voi storceranno il naso e so anche che il mio sogno non sarebbe mai potuto diventare realtà vista l’epoca in cui è stato scritto, ma avrei sognato che Sherlock e Watson avessero approfondito la loro amicizia! Non so se è stata colpa della chimica tra Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, che interpretano i personaggi di Doyle sullo schermo, ma ho iniziato a immaginarli insieme. Ho scoperto di non essere l’unica a fare questo tipo di pensieri, i siti di Fan Fiction ne sono pieni, ed è uscito addirittura un libro che ricalca questa idea: Mio diletto Holmes di Rohase Piercy.

gud

∼ Call me by your name: Una gioia per Elio e Oliver [SPOILER]

Qualche giorno fa ho letto Chiamami col tuo nome (di cui trovate la recensione qui) e nonostante mi sia piaciuto molto, mi ha lasciata un po’ insoddisfatta. Questo sentimento nasce dal finale, che nonostante sia realistico non è ciò che avrei voluto per Elio e Oliver. Diventati ormai adulti si ritrovano, ricordando i momenti passati insieme, ma consapevoli che restano appunto solo questo: ricordi. Inutile dire che speravo in un lieto fine per loro!

elii.jpg

∼ Io prima di te: il destino di Will [SPOILER]

Se dovessi pensare al libro che mi ha fatta versare più lacrime nominerei senza dubbio Io prima di te. Nonostante ci siano due sequel all’attivo, la storia di Lou e Will è finita con il primo capitolo. Will mantiene infatti la sua decisione di morire. Non voglio sindacare sul fatto se la scelta della scrittrice di farlo morire sia stata giusta e sbagliata, bensì pensare a ciò che avrei voluto io. Ovviamente avrei preferito fosse rimasto, vivendo una vita felice con Lou.

io.jpg

∼ Allegiant: Tris [SPOILER]

tris.jpg

Se c’è stato un finale che non mi sarei mai aspettata è la morte di Tris, nel terzo capitolo della saga Divergent di Veronica Roth. Il romanzo si conclude con la morte della protagonista, che decide di sacrificarsi per il futuro dei suoi amici. Forse il finale doveva andare in quel modo, ma non posso negare che avrei preferito un lieto fine tra Tris e Quattro.

Nel 2017 Veronica Roth ha però deciso di scrivere una breve novella, We can be mended, che narra gli eventi 5 anni dopo la fine del libro. (Qui tutte le info)

Pubblicato in: Harry Potter, Un libro in musica

Un libro in musica: la colonna sonora di Harry Potter

Buona domenica a tutti! Oggi voglio parlarvi ancora una volta di Harry Potter e nello specifico della meravigliosa colonna sonora della saga.

Per i primi tre film della serie è stata affidata al celebre compositore statunitense John Williams, per la quale è stato nominato al premio Oscar e ai Grammy Awards. Tra le canzoni più celebri i fan ricorderanno Hedwig’s Theme, che sebbene abbia subito un’evoluzione con il proseguire della serie cinematografica resta la canzone chiave della saga.

In Harry Potter e il calice di fuoco il testimone è passato a Patrick Doyle, un compositore di colonne sonore britannico. In questa pellicola compaiono anche tre canzoni scritte dal musicista Jarvis Cocker. Se avete letto i libri ricorderete infatti che durante Il ballo del ceppo si esibisce il gruppo delle Sorelle Stravagarie (Weird Sisters). Nel film non è stato possibile mantenere questo nome a causa di una disputa legale con il vero gruppo Wyrd Sisters.

[Jarvis Cocker – Do the Hippogriff]

[Magic Works]

Per il quinto e sesto capitolo della saga la colonna sonora è invece stata affidata a Nicholas Hooper, compositore con esperienza in telefilm e documentari. Per il suo lavoro nella saga è stato candidato ai Grammy Awards nel 2010.

Per i due ultimi capitoli della saga si era parlato a lungo del ritorno di John Williams, tuttavia nel gennaio 2010 è stato annunciato in coinvolgimento di Alexandre Desplat, compositore francese con una ricca esperienza alle spalle e candidato otto volte al Premio Oscar.

Anche Daniel Radcliffe, interprete di Harry Potter aveva espresso la propria opinione in merito alla colonna sonora, desiderando che il gruppo islandese Sigur Rós ne prendesse parte.

Vi lascio alla visione di un video fan-made con una canzone del gruppo come base:

Che ne pensate? Vi sarebbe piaciuto un loro coinvolgimento nella colonna sonora? Personalmente apprezzo molto questo gruppo e penso sarebbe stato bello se avessero inciso un paio di canzoni!

[Battle Of Hogwarts Theme]


Nel 2017 è uscito un cofanetto in edizione limitata con i vinili dei primi cinque capitoli della saga. Lo trovate su amazon alla cifra di 194,04€!

vinile.jpg


Se vi è piaciuto questo post vi consiglio di leggere anche quello dedicato alla colonna sonora di Lo Hobbit!

Se volete leggere altri articoli dedicati a Harry Potter sul blog ne trovate una ricca selezione, ecco alcuni esempi:

Pubblicato in: Novità

Una grande novità in arrivo: Lo SHOP ONLINE! – Box di biscotti a tema Harry Potter

Ciao a tutti!

In questo periodo sono stata un po’ assente, ma sto facendo davvero tantissime cose, di cui vi parlerò qui sotto! Ad ogni modo in giornata recupererò tutti gli articoli della community che mi sono persa 🙂

Oggi voglio parlarvi di una novità ancora in realizzazione ma che poco alla volta sta prendendo forma: lo shop online del blog!

Ho creato una sezione apposita sul sito, che avrà diverse categorie. La prima grande novità è la creazione di una Box di biscotti a tema Harry Potter. Per chi ancora non lo sapesse nella vita sono una pasticcera e ho pensato di combinare il lavoro con una delle mie passioni. L’idea è quella di creare in futuro delle box di biscotti a tema letterario.

Box di biscotti Harry Potter

All’interno della box ci sarà una selezione di biscotti a tema Harry Potter e sarà possibile scegliere tra diversi tipi:

  • BOX HOGWARTS: Una box di biscotti ispirata a tutte e quattro le case di Hogwarts (Grifondoro, Serpeverde, Corvonero e Tassorosso)
  • BOX CASA: Una box a tema ispirata a una delle quattro case di Hogwarts a scelta
  • SORTING BOX: Una box di biscotti che vi smisterà in una delle quattro case di Hogwarts.

Ogni box avrà inoltre all’interno un piccolo gadget di Harry Potter.

Ma quando partirà questo progetto? Le spedizioni partiranno già da Mercoledì 28 febbraio, ma il sito è ancora in fase di sistemazione. Mancano infatti le foto degli interni ed esterni della box, che verranno aggiunte nei prossimi giorni. Ad ogni modo è già possibile preordinare i prodotti.

In esclusiva per voi follower del blog, se preordinate uno qualsiasi dei prodotti riceverete in omaggio, insieme al pacco, un sacchetto di deliziosi biscotti potteriani 🙂 Potete farlo qui.


Spero che questa idea vi piaccia, fatemi sapere nei commenti quali fandom vorreste trovare in una Box!

Pubblicato in: Harry Potter

Voldemort: Origins of the Heir – La mia opinione sul film fan made

Buon sabato sera a tutti!

Se siete rimasti a casa questa sera forse avete visto il film fan made Voldemort: Origins of the Heir. Se non l’avete ancora visto potete farlo qui.

Voldemort: Origins of the Heir è un film fan made, realizzato da alcuni fan italiani e prodotto dalla Tryangle films. La Warner Bros ha permesso la realizzazione del progetto, ma ne ha preso le distanze, il film è quindi UNOFFICIAL.

Il film ha una durata di 52 minuti e racconta l’ascesa di Voldemort al potere e la creazione degli Hocrux attraverso il racconto di Grisha McLaggen, erede di Grifondoro.

vol3

È stato realizzato in lingua inglese, ma sono disponibili i sottotitoli in diverse lingue. Il problema maggiore del film è forse il doppiaggio. La maggiorparte del cast ha recitato in italiano (o almeno così mi è sembrato) ed è stato poi doppiato in lingua inglese. Credo che questa scelta sia stata la migliore, anche perché in questo modo il prodotto finale è fruibile a un pubblico più vasto. Mi è spiaciuto leggere i numerosi commenti negativi, soprattutto da parte di stranieri non abituati al doppiaggio. In effetti la sincronizzazione del parlato è il punto più dolente del film, e si nota soprattutto con alcuni attori, ma non dobbiamo dimenticare che si tratta di una produzione fan made!

Devo dire che il cast mi è piaciuto molto. Stefano Rossi, che interpreta Tom Riddle è molto credibile nella parte e tra i miei preferiti non posso non citare Maddalena Orcali nel ruolo di Grisha McLaggen adulta.

Gli effetti speciali non hanno nulla da invidiare alle grandi produzioni e non dimentichiamo che il film è stato prodotto con solamente 15000€ di budget! Ho apprezzato anche le location e la cura nei dettagli.

vol4.jpg

La trama forse poteva essere sviluppata un po’ meglio, ma la durata di 52 minuti è stata senz’altro un limite in questo senso. C’è qualche errore, ad esempio viene erroneamente detto che il simbolo di Corvonero è un Raven (corvo), quando in realtà è un’ Aquila.

Ad ogni modo questo film fan made è un gioiellino, e assolutamente il migliore in circolazione su youtube. Questi ragazzi hanno un talento pazzesco e spero ottengano sufficiente credito per il duro lavoro. Dobbiamo essere orgogliosi di questi giovani italiani che hanno realizzato un piccolo capolavoro. COMPLIMENTI!


Come sapete di solito non recensisco film, anche perché l’argomento esula dalle mie “competenze”, però non potevo non lasciare le mie considerazioni su Voldemort: the origins of the Heir. Quindi scusate se non mi soffermo sugli aspetti più tecnici del film!

Appena finita la visione ho voluto lasciare una piccola donazione simbolica sul sito della Tryangle films. Vorrei ricordare che la produzione non ha ricevuto guadagni dalla realizzazione del film. Potete però offrire un piccolo riconoscimento per il lavoro svolto.

 

 

 

Pubblicato in: Harry Potter

Harry Potter: Tutti gli appuntamenti del 2018

Buona serata a tutti i lettori!

Questa sera voglio parlarvi degli appuntamenti che ogni potterhead dovrebbe segnare sul calendario per il 2018. Buona lettura!

Dopo una lunga attesa domani 13 gennaio alle ore 21.00 uscirà finalmente Voldemort: The origins of the Heir. Si tratta di un film fan made realizzato da alcuni talentuosi ragazzi italiani. La produzione ha avuto il benestare della Warner Bros, a patto che la visione fosse gratuita. Il film verrà quindi rilasciato su youtube in inglese, ma avrà i sottotitoli in diverse lingue, tra cui l’italiano. Se ancora non sapete di che cosa si tratta vi lascio il trailer qui sotto.

Di pochi giorni fa è la notizia che il 2 luglio, in occasione del 20° anniversario di Harry Potter e la camera dei segreti, uscirà l’edizione speciale con i colori delle case di Hogwarts. [Se vi siete persi la prima uscita trovate tutte le news qui.]

chamber

Non si ha ancora una data ufficiale dell’uscita del quarto volume illustrato della saga di Jim Kay, ma se venisse mantenuto l’andamento degli anni precedenti potremmo già avere Harry Potter e il calice di fuoco questo autunno.

Quest’anno verranno inoltre rilasciati alcuni giochi per cellulare e consolle. Ricordiamo infatti che nel 2017 la Warnes Bros ha aperto l’etichetta Portkey Games e in collaborazione con Niantic (i creatori di Pokémon Go) uscirà Harry Potter: Wizards Unite.

wiz.jpg

Il 19 e il 20 maggio Roma avrà il piacere di ospitare la Always Convention, un weekend dedicato alla saga organizzato da FantasyInTouch. Al momento sono stati annunciati tra gli ospiti Bonnie Wright e Natalia Tena, che parteciperanno alla convention insieme ai fan. Altri ospiti verranno annunciati prossimamente. Trovate tutte le info qui.

always.jpg

Il 22 aprile Harry Potter and the cursed child debutterà a Broadway con il primo cast, mentre allo stesso tempo continuerà anche al Palace Theatre di Londra con il nuovo cast. Il prossimo anno, nel 2019, sbarcherà in Australia. Se vi trovate nei pressi di Londra vi consiglio di recuperare i biglietti dello spettacolo perché ne vale assolutamente la pena! [ La mia esperienza a teatro qui.]

ho.jpg

Il 16 novembre uscirà l’atteso sequel di Animali Fantastici e dove trovarli, che si intitolerà Animali Fantastici e i crimini di Grindewald. In questo secondo capitolo troveremo un giovane Silente, interpretato da Jude Law e Grindewald, interpretato da Johnny Depp. Sicuramente non mancheranno numerosi gadget e libri della saga cinematografica. Potrebbe inoltre uscire la sceneggiatura ufficiale del film, come già accaduto per Animali Fantastici e dove trovarli.

crim.jpg

Quest’anno Firenze avrà l’onore di ospitare la Coppa del mondo di Quidditch babbano, evento che ti terrà dal 27 giugno al 2 luglio. 31 paesi si sfideranno in una competizione sportiva promossa dalla International Quidditch Association.

Se tutti questi eventi non vi bastano non dimenticate che quest’anno uscirà il quarto volume della serie di gialli scritta da J.K Rowling e che ha come protagonista il detective Cormoran Strike.

Che dire? Il 2018 sarà sicuramente un anno fantastico per i potterhead di tutto il mondo!


Se vuoi leggere altri articoli riguardanti la saga di Harry Potter consulta la nostra pagina dedicata all’argomento!

 

Pubblicato in: Harry Potter, novità in libreria, Recensioni

Animali fantastici e dove trovarli EDIZIONE ILLUSTRATA – [recensione + gallery]

Ciao a tutti! Come procede la settimana? Vi siete ripresi dalle abbuffate natalizie?

Oggi voglio parlarvi dell’edizione illustrata di Animali Fantastici e dove trovarli, uscita recentemente con Salani Editore nella versione italiana. Ho ricevuto questo bellissimo volume in regalo per Natale dalla mia migliore amica e non potrei esserne più entusiasta!

∼ Premessa

Diversi mesi fa vi avevo già parlato delle differenze tra la nuova e vecchia edizione, per quanto riguarda i contenuti e la copertina (trovate l’articolo qui.). L’edizione illustrata segue la nuova edizione, pertanto i contenuti scritti sono identici all’ultima uscita.

∼ Recensione

ani0L’edizione illustrata è stata affidata a Olivia Lomenech Gill, mentre la saga principale è attualmente illustrata da Jim Kay.

Il libro di apre con una breve biografia dell’autore fittizio del volume, ovvero Newt Scamander, personaggio che abbiamo avuto modo di conoscere meglio nel primo film della saga cinematografica e che a novembre troveremo di nuovo nelle sale.

Segue poi un ringraziamento a J.K Rowling, autrice del libro, che ci ricorda che tutti i proventi delle vendite verranno donati a Comic Relief e a Lumos, associazioni di beneficienza supportate dalla scrittrice. Troppo spesso ho sentito i fan lamentarsi delle continue uscite, sostenendo che servano ad alimentare in già gonfio portafoglio dell’autrice, dimenticando quanto lei stessa sia attiva nel campo della beneficienza.


INDICE COMPLETO

  • L’autore: Breve biografia di Newt Scamander
  • Prefazione dell’autore: “Destinata solo all’edizione per maghi”
  • Introduzione: Com’è nato questo libro – Che cos’è un animale? -Breve storia della consapevolezza babbana degli animali fantastici – Animali fantastici alla macchia – L’importanza della magizoologia
  • Classificazione del ministero della magia
  • Animali fantastici dalla A alla Z: Introduzione di sei nuovi animali rispetto all’edizione del 2001 (Wampus, Tuono Alato, Serpecorno, Hodag, Nascondombra, Alastridente.)
  • Indice degli animali
  • J.K Rowling / Olivia Lomenech Gill
  • Cominc Relief / Lumos

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

[Sfoglia la gallery! – le foto appartengono a illettorecurioso.com, vietata l’appropriazione]

La descrizione di ogni animale è accompagnata da una magnifica illustrazione. Il volume è piuttosto grande, della stessa dimensione delle edizioni illustrate da Jim Kay, anche se le pagine sono più spesse e in questo libro non è presente una sovracopertina.

Il prezzo di copertina è di 29€, ma su amazon potete acquistarlo a 24,65€. (link di acquisto)

Secondo me il rapporto qualità – prezzo è onesto. È un pezzo che ogni pottehead dovrebbe avere nella propria libreria, e nonostante i contenuti scritti siano uguali all’edizione precedente, sono le illustrazioni il vero punto forte.

Articoli correlati

Pubblicato in: Harry Potter, Recensioni

[RECENSIONE] Harry Potter: A History of Magic ∼ il libro della mostra alla British Library

Ciao a tutti e buon fine settimana!

Se mi seguite su instagram o facebook avrete notato che tra i recenti acquisti ho ricevuto anche Harry Potter: A History of Magic. Oggi ve ne voglio parlare nel dettaglio, buona lettura!

Harry Potter: A History of Magic è il libro ufficiale della mostra, una collaborazione unica tra la casa edistrice Bloomsbury, J.K Rowling e i curatori della British Library.  Promette di portare i lettori in un affascinante viaggio attraverso le materie studiate a Hogwarts, dall’Alchimia a Pozioni, da Erbologia a Cura delle creature magiche.

RECENSIONE

Harry Potter: A history of Magic è il libro ufficiale della mostra (tutt’ora in corso) organizzata dalla British Library  in occasione del ventesimo anniversario dall’uscita di Harry Potter e la pietra filosofale.

A primo impatto il libro ricorda, per dimensione e cartonato, le edizioni illustrate da Jim Kay dei primi tre libri di Harry Potter, e infatti anche questo volume contiene illustrazioni dello stesso artista. Il libro è suddiviso in nove capitoli, oltre a un’introduzione redatta da Julian Harrison (curatore della mostra).

Il libro è in INGLESE, non vi so però dire se sia prevista una traduzione futura. Se ne sapete qualcosa in più fatemi sapere nei commenti!

hi1.jpg

[Il libro senza la sovracopertina.]

∼ I capitoli nel dettaglio

  1. Il viaggio: In questo primo capitolo, corredato da disegni originali di J.K Rowling e dalla copia di una lettera di presentazione inviata agli editori, scopriamo più nel dettaglio una storia ormai già nota: l’iniziale rifiuto delle case editrici e il successivo contratto con la Bloomsbury. Segue poi un approfondimento su Silente e la professoressa McGranitt, oltre a uno schizzo della scrittrice della pianta di Hogwarts.
  2. Pozioni e Alchimia: Tra citazioni del libro nell’aula pozioni, e un breve accenno a Piton, la prima parte del capitolo si sofferma sulla medicina medievale e l’uso dei calderoni. La seconda parte si focalizza sull’alchimia, non solo nel mondo magico, ma anche in quello storico, con accenni a Nicolas Flamel e all’uso dei Bezoar.
  3. Erbologia: Se avete letto i libri vi sarete sicuramente accorti che vengono spesso citati i nomi di alcune piante, come le mandragore. In questo capitolo, attraverso le citazioni dei libri, vi sono accenni storici al mondo della botanica, durante il Medioevo e non solo.
  4. Incantesimi: Partendo da alcuni degli incantesimi usati nei libri, il quarto capitolo inizia da Diagon Alley, arrivando ad Hogwarts con la canzone del Cappello Parlante. Non mancano gli accenni storici, con le immagini di alcuni ritrovamenti antichi di testi di incantesimi.
  5. Astronomia: Astronomia non è solo una materia studiata ad Hogwarts, ma anche una scienza profondamente radicata nella storia, ed è proprio la storia dei pianeti e delle stelle a essere protagonista del quinto capitolo.
  6. Divinazione: Dalla lettura dei palmi delle mani o dai fondi delle foglie di tè, all’arte della cartomanzia, la materia della professoressa Cooman è anche’essa legata alla storia antica.
  7. Difesa contro le arti oscure: La settima parte del volume introduce il professor Lupin, insegnate di difesa contro le arti oscure al terzo anno di Harry. Non manca quindi un approfondimento sui lupi mannari, ma anche sui serpenti, sul Basilisco e altre creature citate nei libri e conosciute da documenti antichi.
  8. Cura delle creature magiche: Creature come draghi, poltergeist,  troll, fenici, sirene e unicorni non sono invenzione della Rowling, ma fanno parte della mitologia e della credenza popolare da secoli.
  9. Passato, presente, futuro: L’ultimo capitolo è il più breve e contiene le copie delle scalette originali scritte da J.K Rowling durante la stesura di Harry Potter e l’ordine della fenice, oltre alle immagini della copia annotata di Harry Potter e la pietra filosofale venduta all’asta nel 2013 per beneficenza. Si conclude con le immagini di una box in miniatura che mostra i set di harry Potter and the cursed child.

hi2.jpg

∼ La mia opinione

Ammetto di fare davvero fatica a tenere il passo con tutti i libri dal mondo di Harry Potter usciti negli ultimi anni, ma quando ho visto A History of Magic su amazon non ho saputo resistere. Temevo fosse simile ad altri libri già usciti in passato e invece sono rimasta piacevolmente colpita dalla quantità di informazioni inedite.

Il libro, attraverso citazioni dei libri e appunti inediti della scrittrice, è un vero e proprio viaggio nella storia della magia, tra finzione e realtà. Se volete integrare le vostre conoscenze del mondo magico creato dalla Rowling alla storia antica, A History of Magic è il libro che fa per voi, e un bel pezzo da collezione.

Il prezzo, che potrebbe sembrare un po’ alto (28,92€ su amazon), a mio parere è abbastanza onesto e posso ritenermi più che soddisfatta dell’acquisto. Se volete acquistarlo lo trovate qui.


Se vi è piaciuto questo articolo, magari potrebbero interessarvi anche questi: