Curiosità

Buona giornata mondiale del libro!

Ciao a tutti i lettori del blog, buon lunedì e buona giornata mondiale del libro!

Ebbene sì, il 23 aprile ricorre la Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. Si tratta di un evento promosso dall’UNESCO a partire dal 1996, per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri, e il copyright. Fu scelto il 23 aprile perché in questa giornata, nel 1616, morirono tre grandi scrittori: Cervantes, de la Vega e Shakespeare.

Per questa occasione sul sito dell’UNESCO potete trovare una lista di 40 romanzi ambientati nelle regioni italiane, “con l’intento di legare la narrativa al territorio e stimolare l’interesse dei lettori.”

italia.png

Avete letto qualcuno dei libri nella lista? Personalmente al momento ho letto soltanto Il sentiero dei nidi di ragno e Le otto montagne.

In questa occasione potete anche approfittare delle varie offerte (con sconti fino al 70%) che trovate nei negozi online, come Mondadori, IBS, Amazon…

In tutta Italia verranno inoltre organizzati vari incontri letterari per tutta la giornata di oggi. E voi come celebrerete la Giornata mondiale del libro?

Curiosità

La Giornata Mondiale del Libro 2017

La Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’autore è un evento promosso dall’UNESCO a partire dal 1996, per promuovere la lettura e la protezione della proprietà intellettuale. Numerose sono le manifestazioni che si terranno in tutto il mondo il 23 aprile. In Italia tra i tanti eventi, si terrà Tempo di Libri a Milano giunta ormai all’ultima giornata.

Ho pensato di approfittare di questo momento per riflettere su una notizia piuttosto spiacevole uscita negli ultimi giorni. Secondo i dati ISTAT, il 57% degli italiani non ha mai letto un libro. È un fatto sconcertante, e se consideriamo la percentuale restante, i lettori forti ne occupano una piccola fetta.

E se il mercato dei libri era cresciuto del +2,3% (Aie) nel 2016, nei primi mesi del 2017 c’è stato un calo notevole (- 2,9%).

Quali sono le fasce di età più coinvolte nella lettura?

Il calo maggiore si è riscontrato nella fascia adulta, restano stabili i bambini e gli adolescenti che sono i maggiori lettori e aumenta invece la fascia degli anziani. Cresce anche la lettura digitale, ma non quella degli e-book reader, vengono preferiti infatti gli smartphone e i tablet. Nonostante la crescita della lettura sui dispositivi digitali, l’Italia è ancora molto indietro rispetto agli altri Paesi. I lettori forti prediligono la lettura su carta.

kindle-381242_960_720

Durante la fiera Tempo di Libri è emerso inoltre che la narrativa italiana è in forte crescita (rispetto all’editoria straniera) e i generi preferiti sono Fiction e Libri per bambini e ragazzi.

Personalmente provo sconforto all’idea che una parte così ampia della popolazione non si sia mai dedicata alla lettura. Basta connettersi a un social qualsiasi per notare una pessima proprietà di linguaggio, causa di un’ignoranza che la lettura potrebbe arginare in grande parte.

Per quale motivo i giovani non sono attratti dai libri? Si tratta di una questione economica o la ragione è un’altra?

Fatemi conoscere le vostre opinioni lasciando un commento nel box qui sotto!

Se ti è piaciuto questo articolo vedi anche “I Libri più Letti del 2016”.