Curiosità

Audible: pro e contro dell’applicazione per ascoltare audiolibri

Qualche giorno fa vi ho consigliato 5 audiolibri da recuperare su Audible e oggi ho pensato di parlarvi dei pro e contro di Audible, l’applicazione più famosa per gli audiolibri.
In passato vi ho parlato spesso della mia esperienza con gli audiolibri, ma dato che gli ultimi articoli erano un po’ datati, ho voluto riprendere l’argomento.

“Audible è un servizio in abbonamento che permette di scaricare e ascoltare una vasta selezione di audiolibri. La lista di libri (oltre 60,000) tra cui scegliere spazia dai classici alle ultime uscite, ma sono disponibili anche podcast e originali Audible.”

audiolibri pro e contro

PRO

Se il tempo che avete per leggere è limitato a causa degli impegni, gli audiolibri sono un’ottima soluzione per essere multitasking.
Io, ad esempio, svolgo un lavoro manuale e gli audiolibri sono una buona compagnia durante le ore lavorative.
Se dovete affrontare frequenti viaggi in macchina o sui mezzi pubblici, gli audiolibri possono permettervi di leggere senza distogliere lo sguardo dalla strada.

Se sfruttate diverse letture nell’arco di un mese, vi ritroverete a risparmiare parecchi euro. Pagando 9,99€ avete infatti libero accesso a tutte le letture che volete. Quindi più ne ascoltate e più risparmierete.
L’offerta presente è sempre molto ricca e tra i titoli ci sono spesso nuove uscite, che cartacee e in ebook vi costerebbero di più.

Un pro da non sottovalutare è che gli audiolibri sono una risorsa preziosa per permettere a persone con difficoltà visive o cognitive di avere la possibilità di accedere alla lettura.

Come vi ho accennato nell’introduzione, Audible non offre solo audiolibri, ma anche podcast e audio serie originali. Il catalogo è diviso per tipologia di storia e genere letterario, è comodo da navigare ed è arricchito da una vetrina che si adatta agli interessi dei lettori.
Quando esplorate il catalogo dall’applicazione, potete anche leggere le recensioni del libro senza lasciare la pagina. Se siete lettori che amano leggere le opinioni degli altri, è un’aggiunta da non sottovalutare.

L’ultimo Pro che voglio citare è che Audible può essere un buon mezzo per avvicinarsi alla lettura in lingua ed esercitare lingue straniere come l’inglese o lo spagnolo. Il catalogo inglese, soprattutto, offre numerose storie non ancora tradotte in lingua italiana.

CONTRO

Uno dei contro che ho riscontrato è che non sempre la voce è adatta al tipo di storia raccontata e non tutte le voci potrebbero piacere a chi le ascolta.
Audible ha diversi narratori dal curriculum importante, come doppiatori e attori, ma la voce è un elemento estremamente soggettivo e potrebbe influenzare l’approccio alla lettura.
Mi è capitato infatti di interrompere un libro perché non mi trovavo con lo stile del narratore. Considerate che una lettura può durare anche oltre 20 ore per le letture più corpose, e può essere un tempo infinito se dovete ascoltare qualcuno raccontare una storia.

Un altro contro è che, se siete lettori veloci, potreste impiegare il doppio del tempo ad ascoltare un audiolibro di quanto fareste se lo leggeste in versione cartacea/ebook. L’audiolibro, come ho già detto, si presta bene al multitasking, quindi non sarebbe comunque tempo “sprecato”.

L’ultimo elemento negativo è che è più difficile tornare indietro e riascoltare un passaggio del libro, così come è impossibile prendere appunti o sottolineare il testo.
Se siete lettori che amano appuntare le citazioni preferite, con Audible non potete farlo.


Nel corso degli anni sono stata spesso abbonata ad Audible on & off e nel complesso è un servizio che mi sento di consigliare. Se volete consultare il catalogo degli audiolibri o abbonarvi al servizio, potete farlo qui.

Novità

[NEWS] DeA Planeta Libri: al via una partnership con Audible

Ciao a tutti i lettori del blog! State sopravvivendo al caldo infernale? Voglio “rinfrescarvi” la giornata con una notizia che mi è arrivata per email qualche giorno fa. Vi riporto alcuni estratti del comunicato e poi lo commenterò con la mia opinione.

Audible, società Amazon leader nella produzione e distribuzione di audiolibri, podcast e serie originali, arricchisce le sue collaborazioni con gli editori italiani siglando una partnership con DeA Planeta Libri per la produzione di titoli in esclusiva da Audible Studios: un accordo strategico con l’obiettivo di contribuire a veicolare contenuti sempre più premium e di qualità a differenti target.

“L’accordo prevede il lancio dei primi 20 audiolibri entro la fine del 2018, iniziando con “Mi vivi dentro” di Alessandro Milan previsto il 6 agosto, mentre è atteso nella seconda metà di settembre il Premio Bancarella “Tutto questo ti darò” di Dolores Redondo. […] Tanti i titoli e gli autori coinvolti, di tutti i marchi della casa editrice (DeA Planeta, De Agostini e UTET), tra gli altri: il bestseller di Alberto Pellai e Barbara Tamborini “L’età dello tsunami”, Paola Zannoner con “L’ultimo faro” – Premio Strega Ragazzi 2018, Jennifer Niven con “Raccontami di un giorno perfetto” – Premio Mare di Libri 2016.”

Entro la fine dell’anno il catalogo Audible sarà quindi arricchito con diversi volumi della casa editrice. Come sapete sono una fan di Audible, ve ne ho parlato in diverse occasioni in passato e la notizia che anche DeA Planeta Libri ha dato il via a una partnership mi rende molto felice e conferma ancora una volta la mia stima per la casa editrice.

Spesso ho sentito commenti negativi riguardo al mondo degli audiolibri, ma ci tengo a ricordare che, oltre ad essere molto comodi e versatili per tutti i lettori, sono un aiuto grandissimo per tutta la comunità non vedente che vuole avvicinarsi al mondo della lettura.

Forse gli audiolibri non sono per tutti, ma meritano sicuramente un catalogo ricco per chiunque voglia accedervi!

Se volete approfondire l’universo di Audible vi consiglio questi due articoli:

E voi siete felici di questa nuova collaborazione? Avete mai ascoltato un audiolibro?

Curiosità

La mia esperienza con Audible ∼ l’applicazione di Amazon per ascoltare gli audio libri

Ciao a tutti e buon fine settimana!

Oggi voglio parlarvi di Audible, e della mia esperienza in merito. Sono passati diversi mesi in realtà da quando lo avevo provato, ma mi sono resa conto di non averne mai parlato sul blog.

Che cos’è Audible?  È un’applicazione che permette di scaricare e ascoltare – previo abbonamento – una vasta selezione di audio libri.

Ho usufruito del mese gratuito a marzo e dopo aver ascoltato alcuni titoli, ho deciso di rinnovarlo per il secondo mese a 9,99€. 

La scelta è piuttosto ampia, anche se al momento non è così vasta come il catalogo inglese. Vi sono titoli per ogni genere letterario, dai gialli, ai romanzi rosa, dai fantasy, ai classici, ma anche corsi di lingua, biografie, diari e quotidiani. Connettendomi al sito dal computer riesco a vedere quasi 12 mila titoli differenti sia in lingua italiana, che inglese, narrati anche in alcuni casi da personaggi famosi.

bisio.jpg

Nella versione in lingua originale possiamo trovare personaggi come Kate Winslet, Colin Firth, Susan Sarandon, Martin Scorzese, Dustin Hoffman ecc…, mentre tra le voci italiane al momento abbiamo ancora pochi personaggi di spicco, anche se possiamo trovare letture narrate da Claudio Bisio, Cristiana Capotondi o Paola Cortellesi.

Qui trovate l’intero catalogo di Audible, consultabile anche se non siete iscritti al programma.

LA MIA ESPERIENZA

Quando ero in vacanza mio marito aveva scaricato questa applicazione, e ci eravamo ritrovati ad ascoltare un audio libro per passare il tempo durante il lungo viaggio in macchina. Tornati dal viaggio, e finito il mese gratuito, ho deciso di rinnovare l’abbonamento. Lo ascoltavo durante il lavoro, ma ben presto mi sono resa conto che non riuscivo a sfruttarlo a pieno. Ascoltare la lettura di un libro richiede infatti molta concentrazione, e si adatta soprattutto a persone che viaggiano molto, magari per lavoro. Stavo però pensando di scaricarlo nuovamente, la prossima settimana andrò infatti in vacanza in solitaria, e potrei usufruirne durante gli spostamenti in aereo e in treno.

au.jpg

Credo che Audible sia una bellissima idea, sia per chi legge molto e non vuole spendere troppi soldi in libri, sia per chi non ha tempo di leggere, ma può ascoltare, e anche per i non vedenti, che hanno con Audible una bellissima possibilità di lettura.

Mi sono trovata molto bene con questa applicazione e mi sono piaciute anche le voci narranti che ho avuto modo di ascoltare. In quel periodo ho ascoltato: Uno studio in rosso di Arthur Conan Doyle, Le confessioni del cuore di Colleen Hoover, Emma di Jane Austen, un altro romanzo di cui non ricordo il titolo, e ho iniziato Ragione e Sentimento, Il segno dei quattro, L’incastro (im)perfetto e Anna dai capelli rossi.

E voi lo avete provato? Fatemi sapere nei commenti!