fantasy, game of thrones

Game of Thrones: Riassuntone 8×05 + promo 8×06

“Più grande il rischio, più grande la ricompensa.” dice Varys a uno dei suoi “uccellini”.
La puntata ha inizio con Varys, che dice a Jon che dovrebbe essere lui a governare i Sette Regni al posto di Daenerys. Jon ribadisce di non voler diventare Re e che Daenerys sarà sempre la sua Regina.

In seguito Tyrion raggiunge Daenerys per dirle che qualcuno l’ha tradita. Lei dice subito che si tratta di Jon, ma lui le svela che è stato Varys.
Daenerys si sente tradita da Jon per aver detto a Sansa delle sue origini. Secondo la madre dei draghi Sansa lo ha detto a Tyrion soltanto perché voleva che la voce su Jon si spargesse.

Verme Grigio raggiunge Varys e lo porta al cospetto di Jon, Daenerys e Tyrion. Tyrion saluta Varys dicendogli di essere stato lui a tradirlo.
Varys viene condannato a morte da Daenerys e ucciso da Drogon.
Jon raggiunge Dany e lei gli dice che Sansa è colpevole quanto lei e che ora sa che cosa accade a chi scopre la verità su di lui.

Intanto la battaglia ad Approdo del Re è imminente, ma Tyrion è preoccupato per gli innocenti che moriranno nella battaglia.
Fa quindi promettere alla madre dei draghi che quando sentirà le campane suonare dovrà cessare l’attacco, perché significa che il popolo si è arreso.
La donna dice a Tyrion che Jaime è stato catturato mentre cercava di superare le linee nemiche.
Tyrion chiede a Davos un favore e riesce a raggiungere Jaime per liberarlo dalla prigionia. Vuole convincere Cersei a fermare la guerra per evitare lo spargimento di sangue innocente, facendo fuggire i due fratelli verso Pentos.
Tyrion dice al fratello che senza di lui non sarebbe mai sopravvissuto all’infanzia e che era l’unico a non trattarlo come un mostro.
I due si salutano con un abbraccio e Jaime raggiunge le mura della città.

game-of-thrones-8x05-5-1170211-1280x0

Intanto Arya e Il Mastino hanno raggiunto Approdo del Re per uccidere Cersei e la capitale si prepara alla guerra.
Jaime ha difficoltà a entrare ad Approdo del Re, perché i cancelli vengono chiusi.
Dany e Drogon iniziano l’attacco, distruggendo le navi di Euron e le balestre costruite per uccidere il drago.
Daenerys e Drogon si spostano poi in città, facendo crollare i cancelli. L’assedio ha inizio.
In breve tempo il drago distrugge tutte le mura della città, mentre Cersei osserva inerme dalla fortezza rossa.
Mentre Jaime si fa strada tra la gente per arrivare a Cersei, l’esercito della Regina si arrende e gli abitanti di Approdo del Re restano in attesa che le campane suonino, dichiarando la resa.
Le campane finalmente suonano, ma Daenerys decide di ignorare la promessa, bruciando vivi migliaia di innocenti e distruggendo Approdo del Re.
A terra anche Verme Grigio ridà inizio alla battaglia, sotto gli occhi increduli di Jon, sterminando l’esercito che si era arreso.
Il drago arriva fino alla fortezza rossa, dove nel frattempo Qyburn convince Cersei a fuggire.

Schermata-2019-05-06-alle-07.29.20.jpg

Jaime cerca di raggiungere Cersei, ma viene fermato da Euron. I due lottano e Euron accoltella Jaime.
Ferito, Jaime riesce ad uccidere Euron e fuggire.
Arya e Il Mastino intanto hanno raggiunto la fortezza, ormai distrutta. Il Mastino dice ad Arya di non seguirlo e che se lo farà morirà. Le dice anche di non cercare la vendetta o finirà come lui.
Arya lo ringrazia e i due si separano.

3-got-8x05-Euron.jpg

Mentre le ultime mura della fortezza crollano, Cersei e Qyburn vengono protetti dalla Montagna. Vengono però fermati nella fuga dal Mastino.
Cersei chiede alla Montagna di proteggerla, ma la Montagna non obbedisce e uccide Qyburn.
Cersei fugge quindi da sola e viene raggiunta da Jaime. I due si abbracciano.
Nel frattempo sia Arya che Il Mastino tentano di sopravvivere. Arya cerca di fuggire da Approdo del Re, mentre Il Mastino trafigge la Montagna, senza successo.
La Montagna preme gli occhi del Mastino, proprio come aveva fatto con Oberyn Martell, ma il Mastino riesce a trafiggerlo al volto.
L’uomo si getta poi dalla Fortezza insieme al fratello e i due muoiono inghiottiti dal fuoco.

Jon invoca la ritirata. Approdo del re è distrutta.
Ad un passo dalla salvezza, Jaime e Cersei si rendono conto che il passaggio è ostruito dai detriti dei crolli.
Cersei inizia a piangere e dice a Jaime che non vuole morire, che vuole sopravvivere per il bambino.
Jaime le dice che non conta nient’altro, solo loro due.
Le ultime mura rimaste in piedi crollano sopra ai due fratelli, l’uno delle braccia dell’altro.
La puntata si conclude con Arya, che fugge da Approdo del re in groppa a un cavallo.


Vi aspetto domani con la pagella della puntata e le mie impressioni sui personaggi! Ma prima, non perdetevi il promo dell’ultima puntata!

 

Annunci
serie tv

Lucifer || recensione della quarta stagione [NETFLIX]

Dopo essere stata cancellata, essere diventata trending topic ed essere stata salvata da Netflix, la quarta stagione di Lucifer è finalmente arrivata sulla piattaforma streaming.

La terza stagione si era conclusa con la rivelazione che tutti aspettavamo: Chloe ha finalmente visto il vero volto di Lucifer.
La quarta riprende un mese dopo gli avvenimenti. Chloe si è allontanata da Los Angeles per far fronte alla sconvolgente notizia e i rapporti tra lei e Lucifer sono diventati più tesi.
Non è solo Chloe a dover convivere con questa nuova rivelazione, anche Lucifer ha difficoltà a gestire il ritorno della sua faccia da diavolo, cadendo in una profonda crisi d’identità.
È in questo momento che entra in gioco Eve, uno dei nuovi volti nuovi della stagione, interpretata da Inbar Lavi. Eve non è altri che la famosa Eva di Adamo ed Eva, fuggita dal paradiso per ricongiungersi al suo primo amore Lucifer.
Lucifer è conteso dalla detective, che sembra non accettare davvero il suo essere e da Eve, perfettamente a proprio agio con il volto da diavolo di Lucifer.
Al tempo stesso Linda deve fare i conti con la notizia della sua gravidanza “angelica” e Amenadiel con la sua scelta di restare sulla Terra.

La quarta stagione di Lucifer è iniziata lentamente, salvo poi riprendersi verso la seconda metà.
I continui tira e molla tra Lucifer e Chloe e le crisi del diavolo sembrano qualcosa di già visto nelle stagioni passate e a lungo andare possono stancare lo spettatore.
Sebbene mi sia piaciuta l’idea di focalizzarsi sulla trama orizzontale, i casi su cui la detective e i colleghi lavorano in ogni puntata sono un po’ lasciati al caso e poco coinvolgenti.
Ho apprezzato invece la formula delle dieci puntate, invece di una stagione lunga come le precedenti.
Come già accennato l’identità è uno dei temi centrali. Non riguarda solo Lucifer e la propria faccia da diavolo, ma ogni personaggio della serie.
La morte di Charlotte ha infatti avuto impatto soprattutto su Dan, che sfoga la propria rabbia su Lucifer, ma anche su Ella e il proprio credo.
Oltre all’identità, anche la spiritualità è un altro dei temi toccati maggiormente in questa stagione, così come l’aspetto mitologico.

enVzrP8xS7VR6wulO9dMi1y48xj.jpg

La quarta stagione di Lucifer è un buon prodotto, ma non coinvolgente quanto sperassi. Consiglio comunque l’intera serie!

Voto 3,75 su 5.

Recensioni

Estropia di Calvin Idol [RECENSIONE]

Buongiorno cari lettori! Qualche tempo fa vi ho segnalato un libro dello scrittore Calvin Idol, che ho avuto il piacere di leggere e oggi recensisco per voi.

Estropia è una raccolta di racconti, che spaziano dal fantasy, alla fantascienza, al horror ed è formata da nove storie di varia lunghezza, così divise:

Arswyd: Si tratta di un racconto fantasy che proviene dall’universo della serie di libri “Il Lascito” (ne ho parlato qui). Il protagonista è Roel, un arswyd che si trova a far luce su un mistero che avvolge la città nella quale è di passaggio.
Spore: Un racconto di fantascienza ambientato durante la missione Apollo 11 e che coinvolge l’astronauta Miller in una missione di copertura Apollo 12, con lo scopo di recarsi in esplorazione su Alfa Centauri.
Unghie e Capelli: Un racconto horror con protagonista un ragazzino a casa da solo e la sua paura per gli alieni.
Reazione a catena: Un racconto slasher che coinvolge diverse persone e un pazzo omicida.
– Attento a ciò che desideri: Un racconto di fantasia che coinvolge un uomo che ha appena perso la moglie ed esaudisce il desiderio di riaverla.
– L’Unica Ragione: Un racconto ambientato in un mondo post apocalittico, nel quale una coppia cerca di salvarsi.
– Eden: Un racconto di fantascienza con protagonista Steven, un uomo abituato a dormire con una donna diversa ogni notte e la cui vita cambia all’improvviso in seguito a un incidente d’auto.
– Siro: Un racconto di fantascienza nel quale un uomo si trova a vagare in un mondo distrutto da una glaciazione.
– Rumplestiltskin: Una rivisitazione in chiave moderna della celebre fiaba dei Fratelli Grimm con Tremotino (Rumplestiltskin).

Non sono mai stata una grande amante del genere horror e slasher, quindi alcuni dei racconti non rispecchiano propriamente il mio gusto personale. Tuttavia, anche brani come Unghie e Capelli o Reazione a catena, mi hanno catturata e spinta a divorare un racconto dopo l’altro.
L’autore è riuscito a dare vita a una raccolta che spazia molto in genere e ambientazioni, ma che mantiene un filo conduttore.
L’unico brano che forse non ho trovato affine al tema della raccolta quanto gli altri è Reazione a Catena. Si tratta di un racconto che mi ha tenuta con il fiato sospeso fino alla fine ed è un omaggio al cinema slasher, ma che non esplora il rapporto tra uomo/realtà e uomo/tecnologia quanto gli altri.

La raccolta si apre con Arswyd, il racconto che aspettavo di leggere di più e che per un breve momento mi ha riportato nel mondo de Il Lascito. Non sono rimasta delusa, ma non riesco a decretarlo il mio preferito, perché gli altri componimenti sono validi allo stesso modo.
Estropia è la prova che Calvin Idol riesce a spaziare in generi diversi, cavandosela molto bene con la fantascienza e con il mantenere il lettore sempre con il fiato sospeso. È in grado di giocare con le emozioni umane come pochi, passando in poche pagine dall’ansia alla paura.

Come ogni opera di Calvin Idol anche Estropia è minuziosamente curata nell’editing. L’autore si affianca infatti a una figura professionale e il risultato è sempre impeccabile.

Una menzione va anche alla copertina dai colori accattivanti, che trovo davvero carina. È stata realizzata dall’autore stesso.

In conclusione ci tengo a consigliarvi questo libro, soprattutto se siete amanti dei generi sopracitati, ma anche se volete allargare i vostri orizzonti letterari come ho fatto io.

Questa raccolta è parte di una collana (Beyond Midnight) creata da Calvin Idok e JPK Dike, con lo scopo di sostenersi a vicenda e farsi conoscere ai rispettivi lettori.

Trovate Estropia su amazon al prezzo di 2€, gratis se siete abbonati a Kindle Unlimited.

Recensioni

Sono sempre io di Jojo Moyes [RECENSIONE FLASH]

Dopo di te, il secondo volume della serie con protagonista Louisa Clark, è stato il primo libro recensito sul blog, ormai tre lunghi anni fa. Oggi torno con il terzo e ultimo capitolo della saga, uscito lo scorso anno con Mondadori, che ho finalmente avuto la possibilità di leggere. Buona lettura!

416XnNIFrXL._SX323_BO1,204,203,200_.jpg

Lou Clark sa tante cose… Ora che si è trasferita a New York e lavora per una coppia ricchissima e molto esigente che vive in un palazzo da favola nell’Upper East Side, sa quanti chilometri di distanza la separano da Sam, il suo amore rimasto a Londra. Sa che Leonard Gopnik, il suo datore di lavoro, è una brava persona e che la sua giovane e bella moglie Agnes gli nasconde un segreto. Come assistente di Agnes, sa che deve assecondare i suoi capricci e i suoi umori alterni e trarre il massimo da ogni istante di questa esperienza che per lei è una vera e propria avventura. L’ambiente privilegiato che si ritrova a frequentare è infatti lontanissimo dal suo mondo e da ciò che ha conosciuto finora. Quello che però Lou non sa è che sta per incontrare un uomo che metterà a soqquadro le sue poche certezze. Perché Josh le ricorda in modo impressionante una persona per lei fondamentale, come un richiamo irresistibile dal passato… Non sa cosa fare, ma sa perfettamente che qualsiasi cosa decida cambierà per sempre la sua vita. E che per lei è arrivato il momento di scoprire chi è davvero Louisa Clark.

Lou è finalmente arrivata a New York, dove ha trovato lavoro come assistente per Agnes, la moglie di un uomo facoltoso dell’Upper East Side. Lou ha il compito di affiancare Agnes nelle sue abitudini quotidiane, dalle corse mattutine agli eventi più sfarzosi, nei quali finge di essere un’amica della donna, venuta in visita dall’Inghilterra.

Durante uno di questi eventi, Louisa fa la conoscenza di Josh, un uomo che le ricorda in modo impressionate Will.
La protagonista è combattuta dalle sensazioni che le risveglia Josh, ma al tempo stesso sente la mancanza di Sam, il suo ragazzo paramedico rimasto a Londra.
Inoltre la distanza non sembra aiutare affatto la loro relazione e neppure la nuova collega di Sam, per cui Lou prova una forte gelosia…

Finalmente Jojo Moyes sembra ritrovare la Louisa di un tempo – anche se più cresciuta e matura ovviamente – lasciandosi alle spalle l’insoddisfacente sequel Dopo di te.
Seppur siano presenti nuovi personaggi e un’ambientazione differente, non mancano le caratteristiche che abbiamo tanto amato in Io prima di te.

Lou ha finalmente accolto il consiglio di Will, aprendosi a nuove possibilità nella Grande Mela e realizzando il suo desiderio.
New York vive attraverso le parole di Jojo Moyes, dalla libreria che Lou tenta disperatamente di salvare, al caratteristico negozio di abiti vintage.
Scegliere New York come ambientazione sarebbe potuta essere una scelta azzardata, ma l’autrice è stata abbastanza abile da non renderla un cliché.

MBY-EClarke_02.jpg

In Sono sempre io viene affrontato il tema della distanza che divide Lou dalla sua famiglia, ma soprattutto da Sam, l’uomo che ama; e il tema dell’identità, del timore e l’incertezza per il proprio futuro, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita.

Sono sempre io è un romanzo piacevole e che, nonostante il numero di pagine, resta sempre scorrevole e intrigante da leggere.
Ci sono alcuni nuovi personaggi che vengono poco approfonditi, e altre vecchie conoscenze la cui presenza è discutibile, ma nel complesso ho trovato il libro un buon sequel.
Lo consiglio a chi vuole ritrovare anche solo un po’ la Lou del primo volume e concentrarsi su una lettura non troppo impegnativa.

Potete acquistare il volume su amazon.

Articolo correlato: Io prima di te: ci sarà un sequel con Emilia Clarke?

Curiosità, film

Io prima di te: ci sarà un sequel con Emilia Clarke?

Buongiorno lettori, oggi parliamo della serie di libri con protagonista Louisa Clark, di cui qualche anno fa è uscito un adattamento con Emilia Clarke e Sam Claflin: Io prima di te.

Attenzione spoiler Io prima di te

Nel film Emilia Clark interpreta una ragazza di ventisei anni indecisa sul proprio futuro e senza particolari prospettive, che si ritrova a fare da assistente a un ragazzo finito sulla sedia a rotelle in seguito a un incidente.
Alla fine del film Io prima di te, Will, interpretato da Sam Claflin muore, lasciando una toccante lettera a Lou, nella quale la invita a sfidare la vita.

“Vivi bene. Semplicemente, vivi.”

La storia di Louisa è continuata sulla carta, con due sequel: Dopo di te e Sono sempre io, usciti rispettivamente nel 2016 e nel 2018.
Dopo di te si basa sulla vita di Lou un anno e mezzo dalla morte di Will; Lou non ha seguito il consiglio di Will, trovandosi di nuovo al punto di partenza, intrappolata in un lavoro che odia.
La sua vita ha però una brusca svolta quando rimane coinvolta in un incidente ed è costretta ad affrontare una riabilitazione, che la porterà a fare la conoscenza del paramedico Sam.

ipdt.jpg

Il materiale per un sequel dunque non manca e il film ha ottenuto grande successo, raggiungendo i 208 milioni di dollari nel mondo, a fronte di un budget di 20 milioni.

In un’intervista dello scorso anno la scrittrice Jojo Moyes si è espressa sul sequel di Dopo di te, dicendo che il cast sarebbe ben disposto a realizzarlo, ma che al momento gli impegni degli attori non lo rendono possibile.
Emilia Clarke negli anni passati è infatti stata impegnata sul set di Game of Thrones e Sam Claflin si è dedicato a diversi film come Resta con me.
Ora che Emilia Clarke ha terminato il proprio impegno con la serie, sarebbe disposta a riprendere i panni di Lou?

Come sappiamo il personaggio di Will non è presente nei sequel per ovvie ragioni, ma non è da escludere che, in un eventuale film, Sam Claflin possa tornare come comparsa in un flashback.
Chi potrebbe invece interpretare Sam?
Io vedrei bene nei panni del paramedico l’attore gallese Taron Egerton (impegnato in questo periodo in Rocketman), che avrebbe l’età e l’aspetto giusti per il personaggio.

GettyImages-849099566.jpg

Josh invece, personaggio del terzo libro, potrebbe essere interpretato da Nicholas Hoult. In Sono sempre io infatti Louisa fa la conoscenza di Josh, un uomo che le ricorda tantissimo Will.

Nicholas Hoult e Sam Claflin sono davvero simili di aspetto, perciò la scelta sarebbe azzeccata!

Non ci resta che attendere e sperare che il progetto possa vedere la luce prima o poi.

E voi chi vedreste bene come controparte maschile in un’eventuale sequel? Vi aspetto nei commenti!

Curiosità, Novità, novità in libreria

Il sequel di Chiamami col tuo nome è finalmente preordinabile in libreria!

Buongiorno lettori! Oggi voglio riportarvi una notizia, che vi ho già anticipato su Facebook: il sequel di Chiamami col tuo nome arriverà presto in libreria!

La data prevista è il 29 ottobre 2019 e il libro si chiamerà Find Me.

∼ La trama

Samuel, il padre di Elio, ora single, si reca da Firenze a Roma in viaggio in visita a Elio, diventato un pianista di talento.
Sul treno fa un incontro che cambia la sua vita per sempre.
Elio intanto si trasferisce a Parigi, dove anche lui ha una storia, mentre Oliver, diventato professore nel New England medita di intraprendere un viaggio attraverso l’Atlantico ora che i figli sono cresciuti.

call-me-by-your-name-2

Potete preordinare il libro qui al prezzo di 16,04€.


Siete curiosi di leggere il sequel?
Nell’attesa del libro, vi rimando ai miei post precedenti:

fantasy, game of thrones

Game of Thrones La pagella della 8×04 + i momenti migliori e peggiori

La scorsa notte è uscita la quarta puntata dell’ultima stagione di Game of  Thrones (il riassuntone della puntata qui) e oggi voglio parlarvi dei momenti salienti.

Ovviamente l’intero post contiene spoiler della puntata!

Il Personaggio peggiore

Jaime: Voto 4 

Jaime è uno dei miei personaggi preferiti dell’intera serie e se l’ultima volta lo avevo messo tra i personaggi migliori, in questa quarta puntata ha perso il titolo quando ha deciso di tornare ad Approdo del Re, lasciando Brienne in lacrime.
L’incredibile cambiamento che ha visto protagonista Jaime nelle ultime stagioni è crollato all’improvviso. Ha scelto Cersei, di nuovo.
A questo punto potrebbe farsi perdonare soltanto se uccidesse la sorella!

Il Personaggio migliore

Varys: Voto 8

Ci sono volute quattro puntate ma finalmente abbiamo visto Varys come qualcosa di più che una semplice comparsa. Varys è l’unico davvero preoccupato per l’incolumità del popolo e per la salute mentale di Daenerys. Infatti alla fine lo vediamo prendere finalmente una posizione.
Spero che il personaggio di Varys abbia un ruolo fondamentale nelle prossime puntate; le premesse sembrano buone.

GoT-Sn7_FirstLook_12-1.jpg

Il Personaggio inutile

In questa categoria sono indecisa tra Tormund, ridotto ormai a una macchietta comica o Bran, di cui ancora non ho capito l’utilità.
Spero che prima o poi avremo qualche spiegazione in più sul suo ruolo. Tormund intanto sembra sia stato congedato.
Lascio la decisione a voi!

Il personaggio più intelligente

Sansa: Voto 8

Sansa si sta rivelando uno dei personaggi più intelligenti della serie. Non si fida di Daenerys e non ci pensa due volte a tradire la promessa fatta a Jon per liberarsi della Madre dei Draghi.
Sono curiosa su quello che ci riserverà nelle prossime puntate.

6f69d026-1b4b-4f2c-a7aa-68049fb46ce7-sansa-tyrion-still-married-game-thrones.jpg

I momenti più commoventi

Jon saluta Sam e Gilly: 8

Prima di partire per Approdo del Re, Jon saluta Sam e Gilly, i quali aspettano un bambino, che hanno intenzione di chiamare Jon se sarà un maschio.
Sam saluta Jon, dicendogli che è l’amico migliore che abbia mai avuto.

Arya e il Mastino: Voto 9

La reunion tra Arya e il Mastino ci sta regalando delle piccole gioie in questa ottava stagione, non ultimo il momento in cui insieme cavalcano per Approdo del Re. Credo che le scene tra i due non siano ancora terminate in questa stagione. 

Il mio momento preferito

Jaime e Brienne finalmente insieme: Voto 9

Molti lo hanno definito fan service e forse lo è stato davvero, ma dopo stagioni intere passate a sperare in qualcosa tra Jaime e Brienne, finalmente è accaduto!
Non ho dato una votazione piena perché il momento tra i due è stato tagliato sul più bello.
Fingiamo invece che il successivo addio di Jaime non sia mai avvenuto!

Bonus

Il Mastino: Voto 10

Non posso non includere Sandor nella pagella e il suo “faccia a faccia” con Sansa.
Adoro il rapporto che ha con le ragazze Stark e seppur non lo ammetterebbe mai apertamente, tiene molto a entrambe.
Sono certa che vedremo il Mastino ancora di più nelle prossime puntate, soprattutto nel tanto atteso sconto con La Montagna.

 


Quali sono i momenti che avete preferito? Vi aspetto nei commenti!
Se volete leggere il riassunto della puntata vi rimando al mio precedente articolo (QUI).

fantasy, game of thrones

Game of Thrones || Riassunto 8×04 + promo 8×05

Attenzione contiene spoiler

Al Nord i sopravvissuti danno l’ultimo saluto ai morti della guerra contro il Night King.
Dany dice addio a Jorah Mormont e Sansa a Theon.
Con le ultime parole di Jon, i corpi vengono bruciati.
I superstiti festeggiano la fine della guerra tra alcool e cibo e Daenerys legittima Gendry, nominandolo Lord di Capo Tempesta, in quanto figlio di Robert Baratheon.
Tra i festeggiamenti Daenerys si rende conto che Jon è ancora visto dal popolo con un Re, diversamente da lei.
Mentre bevono e festeggiano, Tyrion insinua che Brienne sia ancora vergine davanti a Jaime e la donna lascia la festa risentita.
Viene seguita da Jaime nelle sue stanze, dove l’uomo ammette di essere geloso di Tormund. Jaime bacia finalmente Brienne e i due fanno sesso.
Sansa intanto raggiunge Sandor e lui le dice che non le sarebbe accaduto niente se lei se ne fosse andata con lui.
Ma Sansa gli dice che se non ci fossero stati Ramsey o Ditocorto lei sarebbe ancora un piccolo uccellino per tutta la vita.
Gendry invece trova Arya, che non era presente ai festeggiamenti. Le racconta di essere stato nominato Lord e anche che la ama e vuole sposarla.
Ma Arya rifiuta; non è una Lady e mai lo sarà.
Daenerys intanto raggiunge Jon e gli dice che Jorah la amava, ma che lei non ha mai potuto ricambiare il suo amore, perché non lo ha mai amato nel modo in cui ama Jon.
Daenerys è preoccupata per il futuro, perché teme che la voce sulla reale identità di Jon venga alla luce. Jon la rassicura che vede lei come sua Regina e che ciò non cambierà mai.
La madre dei draghi lo prega di non dire la verità a nessuno o non verrà mai accettata come Sovrana. Ma Jon vuole dirlo ad Arya e Sansa, nonostante Daenerys sia contraria.

1_xRp7TXx4_YFUWm9XPE-kyg.jpeg

Il giorno seguente il Nord deve fare i conti con la verità: le armate sono state dimezzate e le forze non sono sufficienti per sconfiggere Cersei.
Daenerys vorrebbe attaccare subito Approdo del Re, ma Sansa non è d’accordo, perché sostiene che le truppe abbiano bisogno di riposo prima di una nuova guerra.
Jon ricorda che il Nord obbedirà alla Regina e che farà ciò che lei comanda.
Arya, Sansa e Bran parlano con Jon. Sansa non vuole obbedire agli ordini di Daenerys, Arya invece dice che Jon ha fatto la cosa giusta inginocchiandosi a lei, perché non aveva altra scelta, ma non si fidano comunque di lei.
Arya ricorda a Jon che loro sono una famiglia, gli ultimi quattro Stark rimasti in vita.
Jon deve prendere una scelta: dire la verità o protrarsi al volere della Madre dei draghi.
Incarica quindi Bran di dire la verità sulle sue origini, non prima di far promettere alle due ragazze di non svelare mai il segreto a nessuno.

Jon e Tyrion discutono sul loro futuro. Jaime ha deciso di restare a Grande Inverno insieme a Brienne.
I loro discorsi vengono interrotti dall’arrivo di Bronn, incaricato da Cersei di uccidere i suoi fratelli. Bronn però sa che Cersei è spacciata dal momento in cui ha visto i draghi di Daenerys ed è arrivato a Grande Inverno per ottenere qualcosa di meglio.
Tyrion offre quindi Altopiano, dando la propria parola a Bronn. Gli chiede anche di restare a combattere al loro fianco, ma lui rifiuta.
Arya e Sandor intanto cavalcano insieme e Il Mastino dice alla ragazza che anche lui andrà ad Approdo del Re perché ha un conto in sospeso.

Tyrion si confronta con Sansa, non riesce a capire perché si ostini a odiare la Madre dei draghi. Teme inoltre per la sua incolumità, perché una volta che Daenerys sarà salita al potere, Sansa diventerà protrettrice del Nord.
Sansa decide quindi di spezzare la promessa fatta a Jon e rivela le reali origini del ragazzo a Tyrion.
Prima di partire per Approdo del Re Jon saluta Tormund, che ha intenzione di tornare a casa insieme al proprio popolo e gli chiede di portare con se Spettro, dove appartiene.
Jon saluta anche Sam e Gilly, che aspettano un bambino, che chiameranno Jon se sarà maschio.

game-of-thrones-8x04-jon-snow-rende-omaggio-ai-caduti-maxw-1280.jpg

Tyrion dice a Varys la verità su Jon e i due discutono sul possibile futuro. Varys sa che se la notizia venisse fuori, il popolo non accetterebbe mai Daenerys come propria regina, neppure se Jon rifiutasse il trono.
Varys è inoltre preoccupato per la salute mentale della donna.
Mentre Daenerys è in volo con i draghi verso Approdo del Re, la flotta viene attaccata all’improvviso da Euron. Uno dei draghi viene abbattuto immediatamente e le navi distrutte.
Nello scontro Missandei viene catturata da Euron.
Euron torna da Cersei con la notizia della morte di uno dei draghi e lei gli dice che il figlio che aspettano governerà sui Sette Regni.
Intanto Daenerys è decisa a raggiungere Cersei, ma Varys le dice che sta commettendo un errore e che migliaia di persone innocenti moriranno se lei invadesse Approdo del Re.
L’intento è sempre stato di proteggere gli innocenti, ma Daenerys dice che quello è il suo destino e che farà di tutto per combattere le tirannia.
Tyrion chiede a Daenerys di parlare prima con Cersei.
In privato Varys insinua che la donna sia una tiranna e chiede a Tyrion chi tra lei e Jon sarebbe un sovrano migliore.
Tyrion suggerisce di nuovo l’idea del matrimonio tra i due, ma il legame di sangue non sarebbe ben visto e Daenerys non accetterebbe mai di condividere il trono con qualcuno.
Varys dice che farà di tutto per proteggere I Sette Regni; anche a costo di eliminare Daenerys?

Jaime viene messo al corrente delle novità ad Approdo del Re, e nonostante le insistenze di Brienne, che lo prega di restare, decide di partire. Jaime le ricorda di tutte le orribili cose che ha fatto per Cersei e che non è un brav’uomo come Brienne crede. Cersei è un essere spregevole e così e lui.

game-of-thrones-8x04-euron-e-cersei-maxw-1280.jpg

Ad Approdo del Re intanto giunge Daenerys per parlare con Cersei.
Qyburn viene inviato fuori dalle mura per parlare con Tyrion. Tyrion chiede a Qyburn di arrendersi e liberare Missandei. D’altra parte Cersei ordina di arrendersi immediatamente oppure ucciderà Missandei.
Tyrion chiede di salvare la città da un inevitabile massacro, ma Qyburn sa che Cersei è in netto vantaggio numerico.
Tyrion si avvicina quindi alle mura, mettendo a rischio la propria sicurezza, ma Cersei non lo fa uccidere.
L’uomo dice che sa che Cersei odia il suo popolo e il suo popolo odia lei, ma che nonostante ciò non è un mostro. Tyrion lo ha visto nell’amore che ha provato per i propri figli e per il figlio che porta in grembo.
Le dice che non deve finire per forza male e che lei può salvarsi.
Cersei si avvicina a Missandei, chiedendole se ha delle ultime parole da dire.
Mentre Missadei pronuncia “Dracarys”, La Montagna la giustizia davanti allo sguardo sgomento di Daenerys e Verme Grigio.


Curiosità

Un gruppo per scrittori e blogger

Buonasera lettori! Dovete scusarmi per l’assenza degli ultimi giorni, ma sono stata impegnata con l’addio al nubilato di un’amica.
Comunque sono tornata per segnalarvi un gruppo facebook per scrittori e blogger, aperto da qualche giorno da Giovanni di Serial Escape.
Se avete voglia di farne parte vi basterà inviare la richiesta a “Scrittura Creativa e Blogging”.

Dalla descrizione del gruppo:

Il gruppo è nato per creare una “risorsa” per aspiranti scrittori, scrittori emergenti e/o blogger. Il gruppo sarà utilizzato prevalentemente per:

– Parlare di scrittura creativa (esercizi, link utili, consigli)
– Parlare di ciò che si sta scrivendo, chiedendo pareri e consigli su personaggi, trame, ambientazioni
– Chiedere consigli, informazioni su concorsi letterari/pubblicazioni
– Parlare di blogging (strategie, contenuti ecc…)

Vi aspettiamo!

facebook-556808_960_720.jpg