Curiosità, Sezione Viaggi

John Rylands Library: una meravigliosa biblioteca nel cuore di Manchester

Ciao a tutti! Come state? Io purtroppo sono tornata dal mio viaggio e poco alla volta riprenderò la normale routine del blog e della pagina Facebook.

Oggi voglio parlarvi di una libreria che ho avuto in piacere di visitare mentre mi trovavo a Manchester per qualche ora, la John Rylands Library.

La biblioteca fu fondata da Enriqueta Rylands, in memoria del suo defunto marito John Rhylands, celebre industriale inglese. I lavori per la costruzione dell’imponente struttura iniziarono nel 1889, con un disegno dell’architetto Basil Champneys, e durarono un decennio.

La biblioteca aprì ufficialmente al pubblico il 1 gennaio del 1900 ed è diventata parte dell’Università di Manchester nel 1972.

Oggi è considerata una delle librerie neo-gotiche più belle al mondo. Esplorando le sale e risalendo la scalinata vi sembrerà di trovarvi a Hogwarts!

Varcando la Reading Room resterete stupiti dalle luminose vetrate e dalle statue dei coniugi Rylands che presidiano la sala. LLa sala dedicata alla lettura è usufruibile al pubblico e inutile dire che ne ho subito approfittato per leggere la mia copia di Ragione e Sentimento!

Ogni dettaglio della biblioteca è stato curato dalla stessa signora Ryland, utilizzando i migliori materiali in commercio e senza badare a spese. (Dalla pietra arenaria della Cumbria, alla quercia della regione di Gnadsk, fino alle decorazioni in bronzo in stile art nouveau.)

La libreria è stata uno dei primi edifici della città ad essere gestito ad elettricità, che inizialmente veniva prodotta in loco. È stata anche costruita con un sistema di filtraggio dell’aria molto all’avanguardia per la sua epoca.

Negli anni la biblioteca è stata ristrutturata e ampliata con le necessità moderne, senza tuttavia alterarne lo stile. Tra le aggiunte vi è una sala lettura per consultare manoscritti particolarmente rari.

La visita alla libreria è completamente gratuita e attualmente ospita anche una mostra dedicata alle donne che hanno valorizzato la città di Manchester. (fino a marzo 2019)

E voi siete stati in questa magnifica libreria? Vi aspetto nei commenti!

Annunci
jane austen, Sezione Viaggi

Il Lettore in viaggio || Chatsworth House: la location di Orgoglio e Pregiudizio

Buon inizio settimana a tutti i lettori! Al momento mi trovo ancora all’estero, ma rientro domani. Qualche giorno fa sono stata nella magnifica Chatsworth House, la residenza del Duca e della Duchessa Cavendish del Devonshire, dove attualmente ancora abitano. Gran parte degli spazi dell’abitazione e l’immenso giardino sono visitabili al pubblico e attirano ogni giorno tantissimi visitatori (300 mila all’anno), soprattutto in seguito alla popolarità del film del 2005 Orgoglio e Pregiudizio, girato in questa residenza.

Il castello fu costruito nel 1553 e ristrutturato in stile barocco nel 1687. Oggi espone collezioni artistiche di inestimabile valore, da affreschi risalenti al XVII secolo a quadri, a porcellane appartenenti alla famiglia ed esposte a rotazione.

Un viaggio in alcune stanze tra le più lussuose che avrete mai occasione di vedere, iniziando dalla Painted Hall, con affreschi del pittore italiano Antonio Verrio. Il tour prosegue nelle stanze da letto, nella sala da pranzo e in diversi salotti. Non manca uno scorcio sulla libreria, nella quale non è però possibile entrare.

Per concludere il visitatore si troverà nella sculpture gallery, che nel film Orgoglio e Pregiudizio ha un ampio spazio.

Ricordate la scena in cui Elizabeth arriva a Pemberley? La sala delle sculture è effettivamente l’ultima zona visitabile della residenza, anche se la scultura più famosa si trova in un altro spazio.

Per rivedere le scene girate in questa location: https://youtu.be/Y-8y3y3MxZI

Ma non sono solo i magnifici interni ad attrarre i visitatori, l’immenso giardino è un luogo imperdibile per chi arriva a Chatsworth. Da 450 anni è in costante cambiamento, anche con nuove installazioni artistiche che è possibile scorgere all’interno dei 105 Acri.

Se vi trovate in Inghilterra non potete farvi sfuggire l’occasione di visitare questo luogo magnifico.

Per la visita ho speso 21 sterline di biglietto, valido sia per l’interno che per il giardino.

Il parco può essere esplorato a piedi o tramite un carro con sedute (hop on – hop off) trainato da un trattore che si aggira per la tenuta. Il biglietto ha un costo di 4,50 sterline ed è valido per tutto il giorno.

Se invece volete sentirvi come un personaggio di Orgoglio e Pregiudizio potete scegliere di salire su un carro trainato da cavalli, che percorre il viale principale al costo di poche sterline.

Curiosità, Sezione Viaggi

Il lettore in vacanza || 3 luoghi da visitare per gli amanti della lettura: Le città dei libri

Ciao a tutti i lettori, come state? Oggi inizierà una nuova rubrica estiva, “Il lettore in vacanza”, nella quale combinerò la lettura con il tema delle vacanze. In questo primo appuntamento voglio presentarvi tre cittadine che sono conosciute agli amanti della lettura per essere luoghi con numerose librerie e festival letterari. Chissà, magari proprio tra queste righe troverete la vostra prossima meta estiva!

∼ Hay-on-Wye

Di Hay-on-Wye vi ho già parlato in passato, perciò vi riporterò qui sotto parte dell’articolo orginale.

Hay-on-Wye è una piccola cittadina di poco più di 1800 abitanti nel Galles, al confine con l’Inghilterra. È conosciuta con il nome di “Città dei libri” poiché ospita una quarantina di librerie. È diventata quindi una vera e propria meta turistica e durante il festival annuale della letteratura, che si tiene dal 1988, le strade si riempiono di appassionati del genere. Nel 2002 ospitò persino Bill Clinton, che la definì la “Woodstock of mind”.

Da non perdere la libreria all’aperto ai piedi del Castello del paese, potete lasciare i soldi in una cassetta (honesty box) e acquistare il libro che desiderate! (I prezzi variano da 50centesimi a 1 sterlina)

Da librerie specializzate in libri noir o botanica, ad angoli per i più piccoli, Hay-on-Wye ne ha per tutti i gusti. Ogni zona del paese è disseminata di locali a tema o tranquilli posti per leggere.

∼ Bécherel

Bécherel è invece una cittadina francese della regione della Bretagna, famosa per essere diventata la prima città francese dei libri. Il centro è animato da coloratissime librerie, se ne contano ben 14 per 800 abitanti.
Ogni mese vengono organizzati degli appuntamenti a tema letterario e una volta all’anno le vie del centro si riempiono di turisti e appassionati per la fiera del libro.
rue-de-becherel-cite-du-livre_reference.jpg
[ph: Emmanuel Berthier]
Ma Bécherel non è famosa solo per l’insolito numero di librerie, ma è affollata da numerose attività che rimandano al tema letterario, come antiche stamperie e botteghe artigiane.

∼ Montereggio

Ebbene sì, anche in Italia abbiamo la nostra “città dei libri”. Si tratta di Montereggio, un borgo medievale in provincia di Massa Carrara. La storia dei librai di questo affascinante piccolo centro risale a diversi secoli fa.

Con la bella stagione gli uomini di Montereggio partivano dal piccolo paese con la gerla piena di libri e raggiungevano prima Pontremoli, poi la pianura, per andare a vendere la loro “merce” nelle città”del Nord”, dove peregrinavano a lungo, fino all’inizio della stagione invernale, quando ritornavano a casa.

Piano piano la fama dei librai si estese oltre la valle e, con l’aumento del lavoro, molti andarono a portare i libri sempre più lontano

Da ambulanti con la gerla sulle spalle diventarono ben presto bancarellai, molti aprirono vere e proprie librerie, altri diventarono editori.

Grazie allo stretto rapporto mantenuto con il paese d’origine, queste famiglie hanno fatto di Montereggio uno dei borghi meglio conservati della Toscana spesso ravvivato da eventi legati al mondo editoriale.

[Dal sito http://www.montereggio.it]

A testimonianza dell’importanza dei libri, molte vie del centro omaggiano alcune tra le case editrici più grandi d’Italia. Troverete quindi Borgo Feltrinelli, Piazza Mondadori, Via Einaudi etc.

DSC_0002.jpg

[Ph: Oltre il ponte ]

Proprio a Montereggio è anche nato, nel 1952, uno dei premi letterari più importanti del Paese, Il premio bancarella.


E voi siete stati in qualcuno di questi luoghi? Vi aspetto nei commenti!

Sezione Viaggi

[Sezione Viaggi] ∼ In Scozia sulle orme di Outlander || PARTE 2

Buongiorno a tutti i lettori del blog e buon inizio settimana! Come sapete amo la Scozia e ho avuto la fortuna di visitarla diverse volte, perciò voglio condividere con voi le infinite bellezze che questo paese ha da offrire! Qualche mese fa ho iniziato a parlarvi delle location comparse nella serie televisiva e nei libri di Outlander, e oggi continuerò con la seconda parte del post. (trovate la prima qui)

Attenzione contiene spoiler della terza stagione.

GLASGOW

La moderna cittadina di Glasgow è stata usata per alcune delle riprese durante la serie televisiva.

  • George Square: Durante la prima stagione la piazza è stata trasformata in un set ambientato nel 1940, dove Frank fa la proposta di matrimonio a Claire.

proposal.jpg

  • Cattedrale di Glasgow: Durante la seconda stagione, ambientata in parte in Francia, Claire si offre come infermiera volontaria all’Hopital Des Anges. Queste scene della serie tv sono state girate all’interno della cattedrale gotica.
  • Università di Glasgow: Nella serie Frank insegna all’università di Harvard, ma come location è stata usata l’università di Glasgow. Risalente al 1451 è uno dei più importanti edifici di architettura gotica.glaS.jpg
  • Kelvingrove Park: Nella più recente terza stagione Kevingrove Park a Glasgow è stato usato come Boston Park, dove Claire passeggia di frequente nella natura.
  • Pollok Country Park: Un altro parco è stato usato, questa volta durante le prime due stagioni, come location nella serie. La vasta area boschiva è diventata nella prima la zona che circonda Castel Leoch, e nella seconda la strada tra Le Havre e Parigi.

Continue reading “[Sezione Viaggi] ∼ In Scozia sulle orme di Outlander || PARTE 2”

Sezione Viaggi

[Sezione Viaggi] ∼ In Scozia sulle orme di Outlander || PARTE 1

Buongiorno a tutti i lettori del blog! È passato un po’ di tempo dall’ultima volta che ho pubblicato qualcosa nella sezione viaggi, e oggi ho pensato di riprendere questa rubrica con un viaggio nelle location dei libri e della serie televisiva Outlander. Come sapete amo la Scozia e ho avuto la fortuna di visitarla diverse volte, perciò voglio condividere con voi le infinite bellezze che questo paese ha da offrire! Dividerò il post in più parti, perché le location comparse nella serie televisiva e nei libri sono davvero tantissime!

CASTELLI

  • Doune Castle: Il castello di Doune si trova nei pressi di Stirling e nella serie televisiva rappresenta Castle Leoch, dimora di Colum MacKenzie. Ricordate la puntata della prima stagione nella quale Claire e Frank visitano queste rovine?
  • Aberdour Castle:  Gli interni di questo castello, in particolare la Cucina e la Galleria sono stati usati come monastero dove Claire e Murtagh portano Jaime dopo la prigione.
  • Linlithgow Palace: I corridoi e l’entrata sono stati usati nella prima stagione per rappresentare la prigione di Wentworh, dove Jamie viene imprigionato.

palace.jpg

  • Balgonie Castle: Questo castello si trova nel Fife ed è stato usato nella serie televisiva come Eldridge Manor, dove Claire viene portata dopo essere stata salvata dai lupi.
  • Blackness Castle: Non lontano da Edimburgo si trova il Castello di Blackness, utilizzato come location nelle prime due stagioni della serie televisiva, come quartier generale di Jack Randall. In questo luogo è stata anche filmata la famosa scena dell’incarcerazione di Jamie.
  • Dean Castle: Nella seconda stagione Claire e Jamie si recano da Lord Lovat per persuaderlo a inviare i propri uomini in aiuto di Charles Stuart. Il castello usato per le riprese, e che nei libri viene chiamato Beaufort Castle, è proprio Dean Castle.

dean.jpg

  • Drummond Castle Gardens: Parte della seconda stagione è ambientata in Francia, ma il parco di questo castello scozzese è stato usato come location per i giardini del palazzo di Versailles.
  • Craigmillar Castle: Questo castello, usato nel 1566 da Maria Stuarda, è stato utilizzato per filmare le scene della terza stagione dove Jamie è incarcerato nella prigione di Ardsmuir.

castle.png

VILLAGGI e PORTI

  • Falkland: Tappa immancabile dei fan di Outlander che visitano la Scozia è Flakland, villaggio nel Fife che è stato usato come location per Inverness nelle prime due stagioni della serie tv.

flakland.jpg

  • Culross: Sempre nel Fife troviamo Culross, un villaggio utilizzato in diverse riprese tra la prima e la seconda stagione. Culross è diventato il villaggio di Cranesmuir dove vive Geillis e per le scene dell’ospedale nella seconda stagione. Il Palazzo di Culross è stato invece utilizzato per rappresentare il giardino di erbe di Claire a Castle Leoch.

culross.jpg

  • Dunure Harbour: Nella terza stagione Claire e Jamie lasciano la Scozia per seguire il giovane Ian dal porto di Ayr. Per questa scena è stato utilizzato il porto di Dunure.
  • Dysart Harbour: Un’altra location scozzese usata per ambientazioni francesi è il porto di Dysart, che nella serie televisiva raffigura il porto di Le Havre nel 1740.

dysart.jpg

I luoghi utilizzati per filmare Outlander sono ancora numerosi, vi aspetto prossimamente per la seconda parte. E voi siete mai stati in Scozia in qualcuno di questi luoghi? Seguite o avete letto Outlander? Vi aspetto nei commenti!

Se volete leggere altri articoli su Outlander potete trovarli qui:

[Fonte Visit Scotland]

 

Harry Potter, Sezione Viaggi

[Sezione Viaggi] 10+ luoghi che ogni fan di Harry Potter dovrebbe visitare

Ciao a tutti e buon inizio settimana!

È da un po’ di tempo che non aggiorno la rubrica dei viaggi letterari, e ho pensato di stilare una lista dei luoghi che ogni potterhead amerebbe visitare. Quali di questi luoghi avete avuto la fortuna di visitare?

∼ Universal Studios

orlando

Se avete la possibilità di viaggiare negli Stati Uniti non potete perdervi gli Universal Studios, con una vasta sezione dedicata ad Harry Potter. Gli studios si trovano sia in Florida, a Orlando, che a Hollywood. Vi immergerete in una magica atmosfera e verrete accolti dalla fedele riproduzione del castello, le vie di Diagon Alley, l’espresso di Hogwarts, Hogsmeade…ecc.

Gli Universal Studios si trovano anche in Giappone, con una vasta sezione dedicata ad Harry Potter!

I biglietti hanno un costo di circa 110$ e sono validi per un solo giorno.

∼ The Making of Harry Potter

hpst

Se capitate a Londra è obbligatoria una visita ai vicini studi Warner Bros, sede dei set dove sono stati girati i film di Harry Potter e Animali Fantastici. Una vasta area è allestita con i set dei film, dalla sala grande, alla foresta proibita, passando per Diagon Alley e il binario 9 e 3/4. Ogni area espone gli oggetti e i costumi orginali, oltre alle riproduzioni di animali come l’ippogrifo, aragog e il basilisco. Continuando il tour all’esterno – dopo esservi gustati una burrobirra- verrete trasportati al numero 4 di Privet Drive e potrete ammirare la riproduzione della casa dei Dursley. Ogni set è allestito con curiosità e informazioni di vario genere, e potrete persino provare il brivido di volare su una scopa o viaggiare sull’espresso per Hogwarts!

Il prezzo di un biglietto è di circa 39£, ma se preferite potete scegliere di acquistarlo con una compagnia che offre compreso anche il trasporto per raggiungere gli studios

∼ Harry Potter: The Exhibition

Quidditch-Costume-1000x560.png

Harry Potter Expo è un tour itinerante che ha già fatto tappa a: Boston, Toronto, Seattle, New York, Sydney, Singapore, Tokyo, Parigi, Shanghai e Bruxelles. Fino a un mese fa si trovava nei Paesi Bassi, a Utrecht e offre agli appassionati la possibilità di avere un assaggio degli allestimenti degli studios di Londra. La prossima location scelta è Madrid… chissà, forse l’Italia sarà la prossima!

Ho visitato l’expo qualche mese fa durante un viaggio in Olanda, ed essendo già stata negli studios di Londra, non nego di esserne rimasta un po’ delusa. Il tour offre prevalentemente la possibilità di ammirare i costumi di scena, in un contesto che riproduce in parte gli interni del castello di Hogwarts. Il costo del biglietto è di circa 20€, prezzo a mio parere un po’ alto, considerando che la visita si conclude in circa venti minuti.

∼ Viaggio sull’espresso di Hogwarts

hpvia.jpg

Sapevate che potete percorrere il famoso viadotto che compare nei film di Harry Potter in treno a vapore? Ebbene sì! Prendendo il Jacobite Steam da Fort William, percorrerete il famoso viadotto di Glenfinnan, attraverso una delle più belle tratte in treno al mondo, arrivando alla cittadina portuale di Mallaig.

Il prezzo di un biglietto standard andata e ritorno è di circa 35£. Potete anche scegliere di percorrere la stessa tratta con un treno normale, e ad un prezzo ridotto.

Io ho avuto la fortuna di percorrere questa meravigliosa tratta, anche se purtroppo non in treno a vapore.

∼ Oxford

ox.jpg

Ci spostiamo in Inghilterra, più precisamente a Oxford, in due differenti location. In questa città hanno infatti sede la Bodleian Library, usata per le riprese della libreria di Hogwarts in tre film, e la hall della Christ Church College, trasformata per l’occasione nella Sala Grande.

∼ Londra

plat.jpg

Oltre agli WB studios sopracitati, Londra è sede di numerose location che i fan di Harry Potter dovrebbero visitare.

Al binario 9 e 3/4 purtroppo non troverete l’espresso per Hogwarts ad attendervi, ma potrete accontentarvi di una visita al negozio omonimo, che vende il merchandising ufficiale della saga. All’esterno potrete inoltre farvi immortalare mentre “attraversate” il muro del binario, indossando la sciarpa della vostra casa!

Tra i luoghi da non perdere vi segnalo inoltre il Millenium Bridge, visto in Harry Potter e il principe mezzosangue, e lo zoo di Londra, comparso in Harry Potter e la pietra filosofale.

∼ Binario 9 e 3/4 in Italia

bin.jpg

Anche noi italiani possiamo vantare una location in pieno stile potterhead. Si tratta di un pub a tema Harry Potter, situato a Mapello (Bergamo). Il Binario 9 e 3/4 offre un menù con panini, crepes, hamburger, birre e cocktail personalizzati. Per maggiori info: qui.

∼ Irlanda e Scozia

Sensory-High.jpg

Tra i luoghi più suggestivi dell’Irlanda non possono mancare le Cliffs of Moher, le suggestive scogliere apparse in Harry Potter e il principe mezzosangue.

Se invece vi trovate a Edimburgo, all’Elephant House avrete la possibilità di scattare una foto nel luogo in cui J.K Rowling scrisse il primo volume della saga.

Ho avuto la fortuna di visitare le Cliffs of Moher un paio di anni fa con un tour giornaliero che partiva da Dublino. Quando ero a Edimburgo sono passata invece per caso proprio davanti all’Elephant House. Era così affollato che non sono potuta entrare, ma si tratta di un tradizionalissimo locale, che espone all’entrata un cartello con il vanto di aver “contribuito” in qualche modo alla stesura di Harry Potter.


Se ti è piaciuto questo articolo, scopri gli altri inerenti alla saga:

 

 

 

 

 

Sezione Viaggi

Sezione Viaggi: Sulle orme di Sherlock Holmes

Ciao a tutti e bentornati con la rubrica “Sezione Viaggi”!

Oggi vi porterò alla scoperta dell’investigatore privato più famoso del mondo, Sherlock Holmes, nato dalla penna dello scrittore Arthur Conan Doyle e protagonista di numerosi romanzi e racconti.

Londra, è la città dove Sherlock e il dottor Watson vivono e risolvono insieme i casi. Il nostro viaggio non può quindi, che snodarsi per le vie della capitale inglese.

L’indirizzo più famoso è senza dubbio il 221B di Baker Street, dove nei romanzi ha sede l’appartamento di Holmes e Watson. Nella realtà troverete invece lo Sherlock Holmes Museum, (in realtà si trova poco più avanti, al 237) che al costo di 15£ vi offrirà una panoramica sulla vita del personaggio e dello scrittore. Il museo si sviluppa su tre piani, nei quali sono state ricreate le stanze della sua casa ispirate ai romanzi, con numerosi oggetti legati ai suoi casi e statue di cera.

[foto wikimedia]

Se siete appassionati della serie tv della BBC con Benedict Cumberbach e Martin Freeman, gli esterni del 221B di Baker Street si trovano a North Gower Street, nel quartiere di Camden Town (più precisamente al numero 187). Accanto potete notare lo Speedy’s Cafe, che compare in numerose scene.

Su Marylebone Road potete ammirare la statua dedicata a Sherlock Holmes, opera dello scultore John Doubleday.

Se siete affamati potete concedervi uno spuntino nel pub ispirato all’investigatore, Il Sherlock Holmes Pub. Il locale si trova nella zona di Westminster ed espone numerosi oggetti legati al romanzo, ma anche alla serie tv della BBC.

s5

[foto visitlondon]

Inoltre non potete farvi sfuggire l’occasione di scattare una foto di fronte al palazzo di Scotland Yard, sede della polizia locale, con cui Holmes collabora. Potete trovarlo a Westminster tra Broadway e Victoria Street, anche se non è possibile visitarlo all’interno.

Il St. Bartholomews Hospital è un luogo importante sia per gli appassionati dei romanzi, sia per gli amanti della serie televisiva Sherlock. É infatti la sede del laboratorio dove Sherlock trascorre parte del suo tempo e incontra per la prima volta Watson (uno studio in rosso). Gli esterni, sono invece stati usati in numerose scene di Sherlock.

s2.jpg

Nella serie televisiva sono comparse numerosissime altre location, come Chinatown, il Chinese Theatre, la Bristol Swimming Pool (qui dovete spostarvi a Bristol), Piccadilly ecc…

Se avete visto la quarta stagione di Sherlock, non avrete dimenticato l’esplosivo episodio the Final Problem, ambientato quasi interamente nel “manicomio-prigione” di Sherrinford. Sherrinford è in realtà un isola nel Galles, usata come forte militare a metà Ottocento. Gli interni sono stati realizzati negli studi cinematografici Pinewood Studios.

 s1.jpg
Infine potete chiudere il tour con una breve sosta al Langham hotel, dove Arthur Conan Doyle incontrò Oscar Wilde, incontro fondamentale per la nascita di Sherlock Holmes.

Se ti è piaciuto questo articolo, non perdere gli altri articoli legati a Sherlock Holmes:

Scopri anche gli altri articoli della Sezione Viaggi:

 

[le foto senza didascalia provengono dal sito sherlockology.com]

 

 

Sezione Viaggi

[Sezione Viaggi] Sulle orme dei fratelli Grimm – La strada delle fiabe

Ciao a tutti e buon inizio settimana!

Continua la rubrica Sezione Viaggi, oggi vi porterò in Germania nei luoghi delle famose fiabe dei Fratelli Grimm. Le storie che conosciamo oggi e che probabilmente ci venivano lette quando eravamo bambini, sono molto differenti da quelle originali più macabre e raccapriccianti. Jacob e Wilhelm rielaborarono e riscrissero le fiabe popolari, tra le più famose ricordiamo Cenerentola, Biancaneve, Il gatto con gli stivali, Hansel e Gretel, Cappuccetto Rosso ecc..

Il viaggio non può che cominciare da luogo natale dei Grimm, Hanau. Per ricordare i fratelli è stato eretto un monumento in città. Nei pressi della cittadina potete inoltre trovare  Il Castello di Philippsrue, con un bellissimo giardino che lo circonda.

[foto wiki]

A Steinau si trova la casa dove vissero i fratelli durante l’infanzia, che è diventata oggi un museo a loro dedicato. L’esibizione è divisa in 18 stanze e ospita i loro effetti personali, tra cui numerose prime edizioni dei loro libri.

steinau.jpg

Ci addentriamo poi nei luoghi in cui sono state ambientate le fiabe più famose. A Christenberg è stata ambientata la fiaba Hansel e Gretel e non molto lontano, il bel borgo di Marburg è stato il luogo dove i fratelli completarono gli studi di legge e iniziarono le prime ricerche per i loro libri.

Marburger_Schloss_024.jpg

[foto wikiwand]

Cappuccetto Rosso la troviamo invece nel museo Alsfelder Märchenhaus ad Alsfeld e nei boschi di Schwalmstadt, dove è ambientata la fiaba.

Alsfelder_Märchenhaus_e3.jpg

Un altro museo dedicato ai fratelli Grimm si trova a Kassel. Il Grimmwelt si estende su una superficie di 1600 metri quadrati, attraverso documenti originali, curiosità, postazioni multimediali e tanto altro. Nei dintorni merita una visita il parco collinare più grande d’Europa, il Bergpark Wilhelmshohe, con i suoi ruscelli, cascate e giochi d’acqua.

[foto thousandwonders]

Le fiabe della Bella Addormentata nel bosco e Cenerentola prendono vita al sabato, rispettivamente nel Castello Sababurg e nel castello Burg Polle, dove vengono organizzate rievocazioni in costume per grandi e piccini.

[foto lazypenguins – travelfar]

Ad Oberweser, una curiosa cittadina tedesca, sono ambientate Il Gatto con gli Stivali e Biancaneve.

L-n.2---imm1.jpg

Non potete inoltre perdere ogni domenica la rappresentazione della fiaba del Pifferaio Magico, vedere la famosa fontana e la casa del protagonista.

Il viaggio si conclude a Brema, luogo di ambientazione della storia I Musicanti di Brema, dove verrete accolti dalla statua che rappresenta i personaggi e dove potrete assistere a uno spettacolo teatrale.

Se volete approfondire le fiabe dei fratelli Grimm e scoprire le edizioni integrali, vi consiglio Tutte le fiabe. Prima edizione integrale (29,75€) oppure Tutte le fiabe – Fratelli Grimm (2,99€).

Se invece amate le storie rivisitate per i più piccoli vi propongo Le fiabe dei fratelli Grimm (14,36€) in copertina rigida, oppure Fiabe dei fratelli Grimm (5,99€) in copertina flessibile.

Qual è la vostra fiaba preferita? Fatemi sapere nei commenti!

Se ti è piaciuto questo articolo vedi anche: Come finiscono realmente le fiabe Disney

 

Sezione Viaggi

Sezione Viaggi: Sulle orme di Beatrix Potter – Viaggio attraverso il Lake District

Ciao a tutti!
Era da un po’ di tempo che non postavo più un articolo della mia rubrica “Sezione Viaggi”, viaggiare è infatti un altro dei miei passatempi. Questa rubrica ha lo scopo di fornire degli spunti interessanti per l’organizzazione di un tour sulle orme dei vostri

Beatrix_Potter_1

scrittori preferiti.

Oggi viaggeremo in Inghilterra e più precisamente nella zona del Lake District, dove visse la scrittrice e illustratrice inglese Beatrix Potter, conosciuta principalmente per le storie di Peter il Coniglio.

[foto telegraph.co.uk]

Beatrix Potter si impegnò a salvaguardare l’ambiente naturale dei terreni di sua proprietà, che alla sua morte furono affidati al National Trust e oggi costituiscono una grande parte dell’area naturale protetta del Lake Distict.

Hill Top è stata la casa delle vacanze di Beatrix dal 1906 ed è visitabile anche all’interno.

1-hilltop-f61p26.jpg

A Hawkshead si trova invece la Beatrix Potter Galleryche ospita una vasta raccolta dei lavori della scrittrice (libri, acquerelli e statuine dei personaggi).

th

Yew Tree Farm a Coniston era una delle proprietà di Beatrix Potter, acquistata nel 1930. E’ comparsa anche nel film Miss Potter, dove la scrittrice è stata interpretata dall’attrice Renée Zellweger. Oggi è stata trasformata in un Bed and Breakfast, dove è possibile soggiornare immersi nel verde e gustare i prodotti della fattoria.

Inoltre, non potete farvi mancare un viaggio sul treno a vapore che collega Settle a Carlisle, che percorrendo 70 miglia, attraversa i luoghi più suggestivi dell’Inghilterra.

aisgill-jf1.jpg

In alternativa potete godervi una bella crociera sul lago Coniston, a bordo di un battello a vapore tradizionale.

A Lindeth Howe trovate la casa dove Beatrix Potter visse dal 1911 al 1913, e che successivamente donò alla madre. Si affaccia sul lago Windermere e oggi è un hotel.

CBHW109h01lg.jpg

102.jpg

L’ultima tappa è the World of Beatrix Potter Attraction a Bowness, un luogo magico dove sono stati ricreati i personaggi delle illustrazioni della scrittrice, da Peter Rabbit a Jeremy Fisher. Vi è inoltre un piccolo giardino da scoprire e un negozio di souvenir, dove acquistare un ricordino a tema.

515LHi0gnbL._SX387_BO1,204,203,200_.jpg

Spero che questo breve viaggio nel Lake District vi sia piaciuto, non dimenticate di lasciarmi un commento!

Il Lettore Curioso consiglia…Il mondo di Beatrix Potter, la raccolta di tutte le storie di Peter il Coniglio e le filastrocche di Beatrix Potter.

 

 

 

 

[Foto Credits Visit Cumbria]

Curiosità, Da Scoprire, Sezione Viaggi

∼ Le migliori librerie di Londra

Ciao a tutti e buon lunedì!

Manca meno di un mese alla mia partenza per Londra per la visione di Harry Potter and the Cursed Child. Dopo oltre un anno e mezzo di attesa dall’acquisto dei biglietti, quasi non mi sembra vero!

Harry-Potter-and-the-cursed-child-in-London.jpg

Soggiornerò nella City per un paio di notti, ma avendo già visto le attrazioni principali durante le precedenti vacanze nella capitale, mi dedicherò allo shopping compulsivo di libri! Spero infatti di trovare in questa occasione, alcuni titoli sulla storia della Scozia, oltre a qualche libro in lingua originale che non costi una follia.

Ho selezionato a questo proposito alcune fantastiche librerie che vorrei inserire nel mio intinerario.

La tappa più particolare e suggestiva è Word on the Water, una libreria galleggiante aperta nel 2011  che ha sede su un’imbarcazione olandese di 100 anni fa. Word on the Water vende libri nuovi e usati, donati nel corso degli anni da clienti di passaggio. La libreria qualche tempo fa ha rischiato la chiusura, ma è stata salvata tramite le donazioni sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo.

Continue reading “∼ Le migliori librerie di Londra”