Serie Tv

I Am not okay with this: recensione flash della nuova serie TV Netflix

Buonasera lettori! Oggi voglio parlarvi di una nuova serie televisiva, approdata a fine febbraio su Netflix. Sto parlando di I Am not okay with this, uscita con una prima stagione di 7 episodi.

La protagonista è Syd, una diciassettenne che vive con la madre e il fratellino dopo la morte del padre, suicidatosi qualche anno prima. Dopo l’evento, il rapporto tra Syd e la madre si è incrinato sempre di più.

Syd non deve solo affrontare le difficoltà di un’adolescente come il primo approccio al sesso e la scuola, ma scopre anche di avere un potere soprannaturale, che si manifesta quando prova delle emozioni molto forti. Spalleggiata dal proprio vicino Stanley, Sydney cerca di capire che cosa sta accadendo e come controllare il suo nuovo potere.

Ancora una volta Netflix si cimenta nelle atmosfere pseudo anni ottanta di una piccola cittadina di provincia americana, portando sullo schermo una nuova storia di adolescenti.

I Am not okay with this sta ricevendo ottime recensioni dalla critica, ma devo essere sincera, a me non ha fatto impazzire. Penso che il problema principale sia la durata degli episodi, di appena venti minuti. In un lasso di tempo così breve la serie non ha il tempo di mostrare il suo potenziale, e riesce a colpire lo spettatore soltanto nell’ultimo episodio. Il resto della narrazione è infatti molto lenta, nonostante la brevità degli episodi.

Gli attori sono molti credibili nei rispettivi ruoli, soprattutto Sophia Lillis nei panni della protagonista. Questa prima stagione lascia spazio solo in minima parte ai poteri di Syd, che fungono più che altro da pretesto per presentarci i personaggi.

La stagione si conclude con un cliffhanger che promette una possibile seconda stagione molto più scoppiettante. Come già detto, penso che la serie abbia del potenziale e mi auguro che gli autori sappiano sviluppare la trama al meglio. I Am not okay with this nasce presumibilmente come una serie che si svilupperà con il tempo, perciò è difficile dare un giudizio definitivo.

Non voglio bocciarla o promuoverla, quindi mi riservo di rimandarla alla seconda stagione.

E voi avete visto la serie? Vi è piaciuta?

21 pensieri su “I Am not okay with this: recensione flash della nuova serie TV Netflix”

  1. L’ho appena finita di guardare e devo dire che mi è piaciuta tanto. Però è vero, troppo breve, l’intera stagione sembra quasi un episodio pilota. Sarò lì a guardare la seconda (se la faranno)

      1. io sì. e su topcrime ho appena finito di vedere bones^^
        le ultime stagione hanno casi meno complicati ma si concentrano molto di più sui protagonisti, l’hai mai vista?

      2. ho appena scritto tre pagine di note, però mi piacerebbe un rewatch almeno del 1×1 per vedere com’era all’inizio

      3. Hai preso appunti per un articolo? Sarebbe interessante leggerlo!

        In effetti sarebbe curioso rivedere la prima puntata. Non la ricordo più!

      4. l’ho guardata e ho salvato uno screen da aggiungere al post assieme a un’immagine già presente nel mio blog.
        Sn giovanissimi, lei è strafredda, superba e manesca e quasi rischia di mandare a monte l’indagine. Era un pilot ma per fortuna tutti gli attori erano gli stessi, bellissimo episodio forse solo meno incentrato sugli altri personaggi rispetto alle nuove stagioni.

  2. L’ho vista e sono d’accordo con te: gli attori sono straordinari, soprattutto i due ragazzi che per me sono ancora Beverly e Stan di It, ma in generale non mi ha fatto impazzire. È ok, si guarda ma non mi ha lasciato il segno.

      1. Per ora mi piace un sacco tra idea e ambientazione! *_* Bisogna vedere come va la trama, ma dato che viene da un fumetto o graphic novel spero sia ben pensata!

  3. L’ho vista (data la brevità degli episodi è stato come guardare un film un po’ più lungo). L’ho trovata carina, anche se non succede granché: è una prima stagione introduttiva, ci hanno giusto presentato i vari personaggi e dato loro un background. Vediamo come sarà la seconda stagione.

Rispondi