game of thrones

Il finale di Game of Thrones che avrei voluto

In questi giorni non si parla di altro. Il finale di Game of Thrones ci ha lasciato tutti sconvolti e tra petizioni online contro gli showrunner della serie e malcontento sui social, il clima generale è tutt’altro che positivo.

Ho immaginato il finale che avrei voluto io per le ultime puntate della serie, individuando alcuni punti centrali che a mio parere sono mancati nell’ottava stagione e altri che potevano essere evitati.

  • Lo scontro tra Cersei e Daenerys

mgid_ao_image_mtv.jpg

Per lungo tempo abbiamo atteso un confronto faccia a faccia tra Cersei e Daenerys, che in realtà non è mai arrivato.
Cersei è morta nel modo meno epico possibile, uccisa dalle macerie della fortezza rossa, e Daenerys è diventata il villain della serie in poche puntate, sterminando migliaia di innocenti.
Gli showrunner hanno creato un’aspettativa per otto stagioni, alimentando la rivalità tra Daenerys e Cersei, culminata in uno scontro che non è mai avvenuto.

  • L’evoluzione di Jaime e l’uccisione di Cersei

Game-Of-Thrones-Cersei-Jaime.jpg

Jaime è stato uno dei personaggi che più si è evoluto nel corso della serie e alla fine della settima stagione ha lasciato Approdo del Re e Cersei, per raggiungere il Nord.
È riuscito a vedere la sorella per la persona malvagia e manipolatrice che era, riuscendo finalmente a spezzare il legame morboso che li legava.
Gli showrunner hanno però deciso di rinnegare la sua evoluzione, facendo tornare Jaime tra le braccia di Cersei.
Ho sperato fino alla fine che fosse tornato da lei per ucciderla, ma ahimé non è accaduto.
Nel mio finale ideale Jaime avrebbe ucciso Cersei, per tornare poi da Brienne e vivere insieme a lei al nord.
Non dimentichiamoci che Bronn è stato inviato al nord da Cersei per uccidere proprio Jaime e Tyrion.

  • Il trono di spade, Bran e il corvo con tre occhi

bran-stark-game-of-Thrones.jpg

La distruzione del trono di spade da parte di Drogon è una scena che ho apprezzato. Non mi è invece piaciuta la decisione di far diventare Bran il Re dei Sei Regni, perché è totalmente incoerente con il suo personaggio.
Bran non è più il ragazzo caduto dalla torre a Grande Inverno, ma è diventato Il corvo con tre occhi. Ha ribadito in continuazione di non essere più Bran, eppure alla fine diventa Bran lo spezzato.
Inoltre la figura del corvo con tre occhi è rimasta troppo nel mistero, così come il vero obiettivo del Night King nei suoi confronti.
Certo, viene spiegato che il Night King voleva Bran perché lui è la memoria degli uomini, ma che cosa significa davvero tutto ciò? Perché nessuno ha pensato di interrogare Bran?
Per gran parte del tempo il personaggio sembra soltanto una comparsa e nessuno interagisce con lui.

  • Le vere origini di Jon Snow

bad2f44b-001d-4ca4-bad7-08b4296586d9-jon-snow.jpeg

Diverso tempo fa siamo venuti a conoscenza delle vere origini di Jon Snow, e nell’ottava stagione anche Jon scopre di essere un Targaryen, così come le persone attorno a lui.
L’identità di Jon è sempre stato un plot twist importante, che però non è stato sfruttato a dovere e alla fine rimane nell’ombra.
Perché inserire una notizia simile se poi non si ha intenzione di svilupparla?
Ritengo comunque che la decisione di spedire al nord Jon sia stata giusta, perché ha impedito agli Immacolati e ai Dohtraki di scatenare una nuova battaglia, ma avrei preferito che non si fosse arrivati a quel punto.

  • Sansa e Daenerys

dany-sansa-1555902944.png

Con l’arrivo di Daenerys al nord è chiaro che Sansa non è mai stata dalla sua parte e che la vede come una minaccia. La costruzione di questa rivalità non è però servita a nulla di rilevante.
Nel mio finale ideale Sansa e Daenerys si sarebbero confrontate, e chissà magari sarebbe stata proprio Sansa a uccidere la madre dei draghi.

  • Azor Ahai

Azor Ahai è la profezia raccontata da Melisandre, che vede l’eroe come colui che ha sconfitto gli Estranei in passato e che sarebbe dovuto rinascere, brandendo la spada Portatrice di luce.
I fan si sono interrogati a lungo su chi potesse Il principe che fu promesso, ma gli sceneggiatori sembrano essersi del tutto dimenticati di questa profezia, perché non viene più menzionata.

  • Momenti importanti tagliati

Scrivere un finale degno in sole sei puntate non deve essere affatto facile, soprattutto quando è il momento di decidere quali scene includere e quali storyline lasciar perdere.
A mio parere ci sono però alcuni momenti che sarebbe stato meglio mostrare al pubblico, come quando Jon rivela alle proprie sorelle la sua vera identità, o quando poco dopo è Sansa a rivelarla a Tyrion, o quando Verme Grigio, gli Immacolati e i Dothraki scoprono che Jon ha ucciso Daenerys.

  • Scene che non hanno senso ed errori

Questa stagione, bicchieri di Starbucks e bottigliette di acqua a parte, è stata anche ricca di sviste da parte degli autori.
Mi chiedo come sia possibile che in una serie con un budget così alto siano sfuggiti dei dettagli semplici.
Una delle scene a cui mi riferisco è ad esempio quando Daenerys viene acclamata dalla folla di Dohtraki, che appare numerosissima, quando quasi tutto l’esercito è stato sterminato dai morti nella 8×03.
Fatemi sapere nei commenti se vi potrebbe piacere un articolo dedicato agli “errori” di questa ottava stagione!

Questi sono i punti che ho riscontrato in questa stagione. Se vi va lasciatemi un commento, così possiamo discuterne meglio nei commenti!

12 pensieri su “Il finale di Game of Thrones che avrei voluto”

  1. In realtà a me è piaciuto che Jaime sia corso da Cersei, e non lo considero un’involuzione. Per me è molto verosimile che, nonostante tutta l’evoluzione che ha avuto, possa continuare ad avere una debolezza per Cersei, l’unica donna che abbia mai amato in tutta la sua vita; loro saranno sempre legati, anche se la ragione gli dice che si tratta di una relazione morbosa con una donna malvagia. Certo, come tutto in questa stagione è il modo che non va bene: sarebbe stato bello che Jaime riconoscesse questa sua debolezza, che si mostrasse combattuto tra l’amore e l’onore, tra la ragione e il sentimento, che corresse ad Approdo del Re ma provando disgusto verso sé stesso perché consapevole di star cascando ancora una volta nella stessa trappola ma senza poter fra nulla per evitarlo. Non c’è stato niente di tutto questo, ed è sembrato tutto un po’ buttato lì.

    D’accordissimo su Jon. Oltretutto era chiarissimo che avrebbe dovuto essere lui Azor Ahai, altrimenti perché riportarlo in vita? Solo per uccidere Daenerys? A Melisandre non frega nulla dei Sette Regni, si è intromessa nella politica, all’inizio, solo perché credeva che Stannis fosse il prescelto, e poi Jon. Con il fatto che questa storyline è stata cestinata (che poi, dico, ma almeno fai passare Arya come Azor Ahai, non ha senso ma almeno mi dimostri di non averlo perso per strada) diverse cose del passato perdono significato e interi personaggi non hanno scopo.

    Alla fine è Sansa a vincere il gioco del trono, perché è l’unica a riportare una vittoria su tutta la linea. Ha il suo castello, riesce a evitare che Daenerys sia regina mettendole tutti contro, il re è suo fratello e, forte di questo, ottiene l’indipendenza del Nord. Non brandisce spade, ma pochi dei personaggi davvero influenti nella serie l’hanno fatto; con una parolina qua e una là si dimostra un’abile giocatrice, e porta a casa il miglior risultato possibile.

    Piace a 3 people

    1. D’accordo con te su quasi tutto.
      In realtà Jaime è consapevole della propria debolezza e lo dice a Brienne nel momento in cui la lascia: Cersei è spregevole e io pure. Dici che è un po’ sbrigativo il modo in cui ci arriva? Ma, tanto per dire, non è che Jon abbia impiegato molto più tempo a tradire il proprio giuramento di guardiano della notte per correre a vendicare Ned. E allo stesso Jon quanto ci vuole per passare dall’obbedienza-nonostante-tutto al regicidio? A Amleto occorre un’intera tragedia shakespeariana per risolversi a fare quel che gli ha chiesto lo spettro del padre: ma Jon e Jaime non sono Amleto, sono molto più simili a noi 🙂
      A proposito di Jon: è stato riportato in vita per uccidere la tiranna, ma non solo. Prima doveva convincerla a lottare contro i morti per il Nord, e nessun altro sarebbe riuscito a farlo. Gli stessi bruti senza di lui non avrebbero preso parte alla grande guerra.
      Sansa non brandisce spade ma ha chi lo fa per lei, e in questo è perfettamente omologa a Cersei.
      Buona giornata 🙂

      Piace a 2 people

      1. Quindi, in questo modo, sarebbe Daenerys Azor Ahai, e Jon solo un mezzo per farla combattere. Mi sta bene, però almeno me lo devi dire, non puoi lasciare cadere la linea di trama e aspettarti che siamo noi a unire dei puntini che hai sparpagliato quasi a caso.

        Bè, alla fine Sansa ha studiato da lei, per cui ci sta!

        Piace a 1 persona

      2. A proposito di puntini da unire, per capire Jon bisognerebbe ricordare il discorso che gli fa maestro Aemon nel 9° episodio della 1ª stagione, menzionato proprio dallo stesso Jon in questa puntata conclusiva.

        Alla fine, la sceneggiatura è meno sciatta di quanto si dica 🙂

        Piace a 1 persona

    2. Sì hai ragione, forse è stato il modo in cui è stato rappresentato. Razionalmente so che può essere verosimile la sua reazione, ma mi sto rendendo conto che forse non riesco ad essere del tutto obiettiva per Jaime. Lui e Brienne sono due dei miei personaggi preferiti. Non ho mai creduto a un Happy ending, anzi ho avuto più di quanto immaginassi, ma dopo la scena di loro due finalmente insieme ho creduto davvero che Jaime amasse Brienne. E scoprire che non era così mi ha un po’ “spezzato il cuore”.

      In effetti tutti si aspettavano la rivelazione di Azor Ahai e spero nei libri sarà diverso.

      Sansa è davvero cresciuta tanto e si è rivelata un’abile stratega.

      Piace a 2 people

      1. Ma sai che io invece speravo che restasse un amore platonico, il loro? Che Brienne fosse per lui quasi una bussola morale, uno standard che lo obbligasse a migliorarsi sempre dove invece Cersei rappresenta la vittoria facile. Anche perché la scena in cui fanno l’amore l’ho trovata abbastanza trash.

        Piace a 2 people

  2. D’accordissimo sulla profezia di Melisandre finita nel dimenticatoio e così la rivalità di Sansa con Daenerys, mentre per il resto, come sai, la penso diversamente. Ho apprezzato comunque molto il tuo articolo, perché é tecnico e dettagliato.
    Non ho capito però la parte delle scene tagliate, io quella che hai linkato l’ho vista nella puntata 😁

    Piace a 1 persona

    1. Si quella linkata sì, ma non si vede la reazione di Arya e Sansa alla notizia! È stata tagliata prima e mi ha infastidito perché avrei voluto vedere la loro reazione.

      Grazie mille! È anche bello avere opinioni diverse in modo da confrontarsi 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...