Curiosità, serie tv

Il problema del queerbaiting nelle serie tv|| Che cos’è?

Buon pomeriggio cari lettori del blog! Qualche giorno fa vi ho parlato del rapporto tra John Watson e Sherlock Holmes nella serie tv Sherlock. Vi ho anche parlato del problema del queerbaiting, che troppo spesso troviamo nelle serie tv. Essendomi focalizzata soprattutto sulla bromance Johnlock, oggi voglio parlare del queerbaiting più in generale. Vi invito comunque a recuperare il mio post precedente, perché non ripeterò alcune delle cose già dette.

Si può parlare di queerbaiting quando gli showrunner e autori di una serie televisiva creano volutamente allusioni tra due personaggi dello stesso sesso, con l’intenzione di attirare il pubblico LGBTQ. La tensione sessuale più o meno eplicita che si viene a creare non sfocia però mai in qualcosa di fatto, vivendo di sottointesi.

e9084136e098874289f172b6c031e01e.jpg

Ma perché il queerbaiting è sbagliato?

Essendo la comunità LGBTQ numericamente inferiore a quella etero, essa rappresenta una piccola percentuale dell’audience di una serie televisiva. In questo modo, non permettendo alla tensione erotica di sfociare tra due personaggi, gli autori dello show si “assicurano” la visione del pubblico etero; mantenendo allo stesso tempo anche quella LGBTQ.

È moralmente sbagliato perché in questo modo la comunità LGBTQ non viene mai davvero rappresentata. È un modo per accapparrarsi spettatori, promettendo implicitamente qualcosa che non arriverà mai.

Se sulla coppia John e Sherlock avevo qualche riserva, un esempio lampante di queerbaiting è il rapporto tra Stiles e Derek in Teen Wolf. Io stessa ho iniziato la serie soltanto per loro, pensando che i due fossero effettivamente una coppia. Immaginate la mia delusione nel scoprire che ero stata ingannata!

La produzione dello show, notando il fenomeno che “Sterek” creò al tempo, inserì più scene tra i due, giocando addirittura sulla loro “relazione”, come nel video qui sotto.

Mi hanno suggerito anche la coppia Dean e Castiel di Supernatural, che però non seguo. Ho guardato alcuni video su youtube e le allusioni tra i due sono davvero tantissime.

Dean-castiel.jpg

La soluzione al queerbaiting è semplice: inserire più personaggi LGBTQ negli show televisivi in ruoli principali, non limitandosi solo alle coppie etero e tornare a rappresentare le amicizie senza ricorrere a espedienti sessuali per attirare pubblico.

Voi avete mai notato questo problema? Che ne pensate? Vi aspetto nei commenti!

 

 

 

 

Annunci

23 pensieri riguardo “Il problema del queerbaiting nelle serie tv|| Che cos’è?”

  1. Io ho notato che in tutte le serie tv recenti vengono inserite sempre una o più storie LGBT, solo che alcune sembrano forzate a volte, come se i produttori fossero stati obbligate a inserirle! Mentre quando sono vere e ben scritte sono la prima fan: Beecher e Keller sono la mia coppia preferita in assoluto nelle serie TV! *_* Invece come coppia non ufficiale adoro sempre Hannigram come ti avevo già accennato 😀

    Mi piace

      1. Esatto, intendevo proprio quello!
        Beecher e Keller li devi scoprire, la loro storia è meravigliosa ;___; ❤
        E la serie in cui sono, Oz, è un capolavoro, ha talmente anticipato i tempi che non è rimasta abbastanza famosa, fosse uscita oggi farebbe scalpore *_*

        Mi piace

      2. Lo è!! *_*
        Ci mette qualche puntata a ingranare bene, ma poi vola!
        Poi mi piace che sia tutto ambientato all’interno di un carcere, è un piccolo universo, e mi sono affezionata un sacco ai personaggi!

        Mi piace

  2. Sai, non è solo un fatto di attirare pubblico LGBTQ, da un paio di anni a questa parte, ma anche di più di un paio, ho notato che ci sono moltissime ragazzine (almeno spero che siano piccole di età) che fantasticano su coppie omosessuali anche quando tra quei due ragazzi c’è solo una forte amicizia. Ci sono migliaia di fanfiction al riguardo sia su personaggi di fantasia che reali. Purtroppo molti autori si piegano al fanservice e purtroppo un’amicizia molto stretta tra due ragazzi/uomini è ancora vista come qualcosa di ambiguo.
    Mchan

    Piace a 1 persona

    1. Diciamo che secondo me spesso sono viste come ambigue perché gli autori ci giocano dentro. Ci sono tantissime amicizie che nessuno (o quasi) ha mai visto come ambigue o che comunque non sono diventati oggetto di Fan fiction e co. Mi vengono in mente Joey e Chandler o i più recenti Ted e Marshall. Questo perché gli autori sono stati in grado di creare un’amicizia che risultasse sincera

      Mi piace

      1. Ma tu mi parli di serie di un bel po’ di anni fa, quando questo fenomeno ancora non c’era e se ci fosse stato gli autori non lo avrebbero saputo perché non c’erano i social. Per non parlare del target a cui erano destinate quelle serie. Gli autori di Teen Wolf, per esempio, guardavano moltissimo al volere dei fans tanto da far riapparire Allison nell’episodio con l’antenata che era la sua copia sputata e l’happy ending di Stiles con Lydia che poteva anche starci se solo non lo avessero mandato via per il resto della stagione.
        Ma ripeto, ultimamente li marcano di più proprio perché sanno che così mandano in brodo di giuggiole molte ragazzine.
        Poi perché farlo solo con i ragazzi e non anche con le ragazze? Perché per quest’ultime è più normale, nell’immaginario di un pubblico medio, avere un tipo di amicizia più intima, complice. Le ragazze fanno i pigiama party, i maschi no. C’è proprio un problema a monte di percezione dell’amicizia.
        Mchan

        Mi piace

  3. per me il queerbaiting non interessa tanto alla comunità lgbt: per esempio, a me il video degli sterek ha dato fastidio, sembravano falsi. dà solo fastidio perke dà solo nuove immagini negative a gente che vive di stereotipi.
    sto fenomeno mi sembra invece quello che si fa nel porno tra donne: quante pornoattrici sposate con uomini fanno scene di sesso perke è il sogno erotico di molti uomini? quante donne, come te, fantasticano su una relazione tra due uomini? da notare che molte donne guardano porno gay proprio perke i loro attori sono più belli per un pubblico che li possa apprezzare.
    per questo sono sempre scettico quando vedo fan di coppie ambigue, anche perke la maggior parte dei fan sono donne se maschili e uomini se femminili

    Mi piace

    1. Concordo, anche a me il video sugli sterek ha infastidito molto. Non è che sembravano finti, lo erano proprio.
      Concordo sulla fantasia tra uomini gay nelle donne, ma non penso sia sempre il caso.
      Io, romantica di natura, fantastico su qualsiasi storia. In effetti negli anni ho apprezzato tantissime “ship” sia gay è vero, ma anche e più di tutto etero (hermione e ron, bellamy e clarke, strike e robin per citarne qualcuna). Praticamente per ogni serie tv ho una ship 😅😬

      Mi piace

      1. Secondo me, implicano solo desiderio sessuale. Per me le allusioni vanno bene ma non sarebbero da definire come rappresentanti, ma solo magneti per chi vuole fantasticare su ships di varie sessualità

        Mi piace

      2. Su due ragazze qualsiasi no, ma neanche su due ragazzi o su delle coppie etero. Al massimo fantastico su mio marito nella realtà! 😁 Fantasticare su personaggi di serie tv, sperando che si mettano insieme invece sì. Che ritengo ben diverso dal fantasticare in generale!

        Piace a 1 persona

      3. No perché non fantastico neppure sul trio! Mi sono sempre piaciute le dinamiche tra i personaggi come amicizie, che reputo alcune tra le più belle nel mondo televisivo, ma non li ho mai “shippati” tra di loro romanticamente. Né Chandler Joey e Ross, né Phoebe e Rachel o Monica

        Mi piace

    1. Scusa, non so cos’ho schiacciato!
      Dicevo, non sapevo che questa cosa avesse un nome. Qualche anno fa avevo fatto notare, in un gruppo di facebook dedicato ai telefilm, come Teen Wolf avesse un fortissimo quanto immotivato sottotesto omosessuale, e mi sono preso i peggio insulti, dal razzista (wtf?!) all’omofobo al bigotto etc. Fortuna che non era ancora tornato di moda il “fascista”, altrimenti mi trovavo appeso per i piedi a furor di popolo!

      Io non sono un fan delle ship, è proprio un mondo che non mi attira e di cui non riesco a capire il senso fino in fondo. Soprattutto mi sembra sia una cosa che rischia di sfuggire di mano molto facilmente, e a volte si dichiarano vere e proprie guerre in nome di una fantasia, all’interno del fandom e contro gli autori quando questi, giustamente, non assecondano i desideri degli spettatori. E’ anche per questo che ho deciso di uscire da tutti i fandom, che spesso trovo ambienti veramente tossici.

      Mi piace

      1. Ecco, mai dichiarare queste cose tra i fan! 😂😂 I fan di sterek poi sono super affiatati, e non sempre in senso buono!

        Hai ragione, la maggiorparte dei fandom sono tossici. Mi viene in mente Harry Potter. Ero iscritta a un sacco di gruppi di fan, ma non li seguo più perché ci sono sempre litigi assurdi, soprattutto per le ship. E guai se fai notare che la Dramione non è canon!
        Hai fatto bene a uscire dai vari fandom. Si vive sicuramente meglio

        Mi piace

  4. Post decisamente interessante. Da un lato c’è la comunità LGBTQ che non viene rappresentata (su Tumblr se ne parla molto) dall’altra c’è la tendenza a fomentare ship che possono attirare il pubblico. Alcuni produttori e autori (vedi il team di Steven Universe) stanno affrontando in modo intelligente la questione, mentre altri continuano a sfruttare beceramente il queerbaiting. Dovrebbe essere naturale includere in uno show personaggi con diversi orientamenti sessuali, invece, purtroppo, non lo è…

    Mi piace

Rispondi a Aussie Mazz Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...